Cinema

Le foto di Stanley Kubrick in mostra a Genova

Nel capoluogo ligure fino al 25 agosto la mostra degli scatti firmati dal regista a 17 anni quando faceva il fotoreporter per la rivista Look

Stanley Kubrick, Columbia University, 1948

Il Palazzo Ducale di Genova ospita fino al 25 agosto una mostra fotografica unica nel suo genere con scatti in bianco e nero che portano una firma d'eccezione: Stanley Kubrick. Una galleria di fotografie scattate dal regista ai tempi dei suoi 17 anni quando il cinema era solo un sogno e lui lavorava come reporter a New York. Fu assunto dalla rivista americana Look ma nessuno dei suoi scatti era mai stato fatto stampare. Degli oltre 20 mila negativi impressi in quegli anni sono state selezionate 160 foto che saranno esposte a Genova fino a fine estate, una mostra ideata da GAmm Giunti e curata da Michel Draguet che è già stata esposta a Bruxelles presso i Musées Royaux des Beaux-Arts.

I soggetti preferiti di Stanley Kubrick, nato a New York nel 1928 e scomparso ad Harpenden nel 1999, erano le persone immerse nella quotidianità. Alcune di queste hanno poi ispirato alcuni dei suoi soggetti cinematografici, come le due gemelline con le trecce ritratte su una strada di Lisbona che assomigliano molto alle bambine di Shining. Anche uno scatto di un professore che lavora con una sostanza luminosa alla Columbia University ricorda molto il dottor Stranamore. E poi i pugili, tra i soggetti preferiti di Kubrick, che saranno protagonisti anche nel suo primo cortometraggio, The day of a fight.

Il primo scatto di Kubrick fu invece pubblicato da Look, una foto che immortalava un giornalaio newyorkese dall'espressione triste con accanto uno strillone che annunciava la morte di Roosvelt. La stessa scena si ritrova nel film Eyes Wide Shutcon Tom Cruise che si ferma per comprare un giornale ad un'edicola.

La rassegna testimonia la capacità di Kubrick di documentare la vita quotidiana dell’America dell’immediato dopoguerra attraverso le inquadrature fulminanti e ironiche nella New York che si apprestava a diventare la nuova capitale mondiale, o l’epopea dei musicisti dixieland o degli artisti circensi.

Il percorso espositivo, organizzato in sezioni tematiche, si svolge attraverso alcune delle storie che l’occhio dell’obiettivo di Kubrick ha immortalato. Ad aprirlo è la photo-story ispirata da Mickey, un ragazzino di dodici anni che lavora come lustrascarpe nel quartiere di Brooklyn, accompagnata da altre serie dedicate alla ‘sua’ città, una New York talvolta notturna, come nelle figure dei viaggiatori della metropolitana, o quotidiana come nelle immagini colte per strada.

Orari: 

da martedì a domenica 10-19
la biglietteria chiude un’ora prima

(lunedì chiuso)

Biglietti: 

Intero: € 10 comprensivo di audioguida

Ridotto: € 8 comprensivo di audioguida: maggiori di 65 anni, minori di 18 anni, studenti fino a 25 anni, possessori di Giunti Card

Gruppi: € 7 gruppi di almeno 15 persone

Ridotto scuole: € 4 senza audioguida

Omaggio: giornalisti accreditati, portatori di handicap e accompagnatori, tesserati ICOM

Congiunto: € 14 congiunto con la mostra “Geishe e Samurai”

Audioguida compresa nel prezzo per tutti i biglietti ad eccezione dei gruppi e delle scuole.

Informazioni e prenotazioni: 

010 5574065
biglietteria@palazzoducale.genova.it
Info scuole e didattica: 010 5574004
didattica@palazzoducale.genova.it

010 5574065
biglietteria@palazzoducale.genova.it
Information on school groups and workshops: 010 5574004
didattica@palazzoducale.genova.it

© Riproduzione Riservata

Commenti