Mondiale 2018 Russia calcio guida date orari squadre formula italia
Calcio

Mondiale Russia 2018: la guida completa

Date, orari, città, stadi, formula, gironi e squadre qualificate per la manifestazione di calcio che si apre il 14 giugno 2018

Il Mondiale di calcio 2018 si disputa in Russia dal 14 giugno al 15 luglio 2018. Si tratta della 21° edizione del campionato mondiale di calcio organizzato dalla Fifa che l'assegnato per la prima volta alla Russia nel 2010 con una manovra al centro di polemiche e inchieste per sospetto di corruzione che hanno riguardato anche l'edizione 2022 (Qatar) e che hanno portato alle dimissioni di Sepp Blatter sostituito da Gianni Infantino.

La Russia si è aggiudicata l'organizzazione della rassegna iridata superando le candidature di Spagna/Portogallo e Paesi Bassi/Belgio oltre a quella dell'Inghilterra che partiva come grande favorita e che è stata tagliata fuori dal gioco di voti e veti dei membri della Fifa.

Le squadre partecipanti sono 31 oltre alla nazionale ospitante (Russia) che è l'unica qualificata di diritto. Anche la Germania campione in carica deve passare dalla tagliola delle qualificazioni. Si gioca in 11 città e 12 stadi. La finale del 15 luglio 2018 è in programma allo stadio Luzniki di Mosca.

Città e stadi dove si gioca il Mondiale

Il primo elenco di città candidate per ospitare le 64 partite del Mondiale 2018 conteneva 16 nomi, poi ridotti a 11 al momento della scelta definitiva. Come detto, Mosca è presente con due impianti e sarà il cuore pulsante della manifestazione. La capienza minima delle strutture prescelte è di 35.000 posti a Ekaterinenburg mentre lo stadio più grande è proprio il Luzniki di Mosca.

Ekaterinenburg è la città più a est nella quale si giocherà, mentre Sochi che ha ospitato anche i Giochi Olimpici invernali del 2014, è quela più a sud.

 

Le squadre già qualificate al torneo

Sono 32 le squadre partecipanti al Mondiale di Russia 2018. Si tratta della penultima edizione con questi numeri, visto che la Fifa ha deciso dal 2026 la rivoluzione con allargamento a 48 squadre iscritte e nuova distribuzione geopolitica delle quote per confederazioni, non senza polemiche da parte della Uefa e dell'Europa che ne è uscita penalizzata.

In Russia, invece, andrà lo stesso contingente delle ultime edizioni con 13 posti (più la Russia qualificata per diritto) a disposizione dell'Europa, 4 per il Sudamerica, 3 per il Centro e Nord America, 5 per l'Africa, 4 per l'Asia e gli ultimi due posti per le vincitrici degli spareggi tra le migliori non promosse di Sudamerica e Asia contro quelle di Centro e Nord America e Oceania (che non porta nessuno direttamente al Mondiale).

Attenzione alle big che non ci saranno, perché si sta allargando la platea delle nazionali competitive e così alcune nazionali di quelle con un curriculum più lungo non riescono a guadagnarsi la qualificazione al Mondiale.

Gli spareggi della zona Europa

Due sfide che saranno la porta verso il Mondiale: dentro o fuori. Il format delle qualificazioni per Russia 2018 manda avanti solo le vincenti dei 9 raggruppamenti della zona europea. Gli altri 4 posti che sono riservati alla Uefa vengono assegnati attraverso uno spareggio o playoff in calendario a novembre 2017 (9-11 novembre le gare d'andata e 12-14 novembre il ritorno).

Vi accedono le 8 migliori seconde piazzate, tagliando fuori quella che sarà considerata la peggiore in una classifica formata tenendo conto dei risultati (non tutti) nelle partite del girone di qualificazione. L'Italia di Ventura, sconfitta al Bernabeu dalla Spagna di Lopetegui, dovrà passare da qui come nel 1997 contro la Russia se vorrà essere presente al Mondiale. Impresa sempre riuscita con l'eccezione dell'edizione 1958 disputata in Svezia.

Teste di serie, fasce e sorteggio della fase finale

Il Mondiale di Russia 2018 nascerà ufficialmente il primo dicembre a Mosca con la cerimonia del sorteggio dei gironi della fase finale. Non un semplice vernissage, ma già un atto importante della manifestazione perché le palline delle 32 finaliste della Coppa del Mondo saranno suddivise per fasce e da lì si comincerà a delineare il cammino delle nazionali verso la finale.

Dopo l'ultima tornata di partite delle qualificazioni, che ha emesso verdetti importanti in tutti i continenti, è possibile cominciare a delineare fasce e teste di serie. Non tutto è deciso, ovviamente, perché mancano gli spareggi e l'ammissione o meno di alcune nazionali potrà spostare gli equilibri.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti