Colombia inarrestabile. Grecia all'ultimo respiro

Martinez trascina i Cafeteros: ottavi contro l'Uruguay. Ellenici avanti su rigore al 93' - Lo speciale Brasile 2014

Samaras calcia il rigore vincente al 93' – Credits: Ansa

Giovanni Capuano

-

Vanno avanti Colombia (come prima a punteggio pieno) e Grecia,al termine di una serata tormentata e appassionante, molto più di quanto non si potesse prevedere e con un epilogo drammatico e incredibile che alla fine ha regalato la gioia della qualificazione alla Grecia. L'ultimo turno conferma che la Colombia è una grande di questo Mondiale. Squadra veloce, divertente e in grande condizione fisica. Contro il Giappone poteva limitarsi a controllare e, invece, ha dato un'ulteriore dimostrazione di forza e non si è fermata davanti a nulla, mettendo in mostra tutti i suoi gioielli. C'è Cuadrado, che ormai è un top player di livello mondiale, e poi ci sono Jackson Martinez e James Rodriguez, che stanno giocando e segnando al livello di Neymar. Attenzione: la Colombia è sulla rotta di collisione proprio con la Selecao in un settore del tabellone che assomiglia alla Coppa America con padroni di casa, Cile, Colombia e Uruguay.

La vera sorpresa, però, è rappresentata dalla Grecia che ha ripreso in mano il suo destino. Sembrava spacciata e ha vinto. Contro la Costa d'Avorio, in uno spareggio che l'ha vista perdere due uomini per infortunio nei primi 20 minuti, ha trovato il vantaggio con Samaras in chiusura della prima frazione assaporando la qualificazione. Gli ellenici hanno meritato, colpendo anche tre volte i pali della porta ivoriana, ma una volta incassato il pareggio di Bony (73') sembravano ormai fuori. Tutto è cambiato a tempo quasi scaduto: tocco di Sio su Samaras e calcio di rigore che lo stesso Samaras ha realizzato mandando in Paradiso una nazione e facendo piangere di rabbia e delusione Drogba e compagni, puniti per aver interpretato in maniera troppo speculativa una partita in cui avrebbero potuto anche limitarsi al pareggio.

Avanti la Grecia (che troverà la Costa Rica nell'ottavo di finale che qualifica l'avversaria di Messico-Olanda) insieme alla Colombia. La resistenza del Giappone è durata un tempo: vantaggio di Cuadrado su rigore (16') e pareggio di Okazaki (45'). Poi nella ripresa i due gioielli offensivi della squadra di Pekerman si sono scatenati firmando una doppietta (Jackson Martinez) e la rete del definitivo 4-1 (James Martinez). Squadra che rappresenta una realtà e una mina vagante per tutti a partire dal Brasile, finito fin qui nel lato scomodo del tabellone della seconda fase.

© Riproduzione Riservata

Commenti