Top e flop 36a serie A: Totti è ancora decisivo, Ranocchia si gioca gli Europei
Getty Images
Top e flop 36a serie A: Totti è ancora decisivo, Ranocchia si gioca gli Europei
Sport

Top e flop 36a serie A: Totti è ancora decisivo, Ranocchia si gioca gli Europei

Altri top: Rugani cresce ancora, Biglia pezzo pregiato della Lazio. Altri flop: Medel già in vacanza come l'Inter, prima stecca per Donnarumma

In attesa dei due posticipi di oggi, Genoa - Roma alle 18 e Napoli - Atalanta alle 21, la 36a giornata di serie A vede il crollo delle due milanesi. I rossoneri di Brocchi recuperano il Frosinone solo al 93' grazie ad un rigore di Menez, i nerazzurri cadono all'Olimpico contro la Lazio per 2-0. Per il Milan è addio matematico all'Europa mentre i nerazzurri salutano le possibilità residue di un posto in Champions League. In coda il Carpi cade a Torino con la Juventus e si fa raggiungere dal Palermo, 2-0 alla Sampdoria di Montella. Vuoi scroprire chi sono stati i migliori e peggiori del turno? Continua a cliccare!

Portieri

Top - Francesco Bardi (Frosinone) - Il giovane portiere di scuola nerazzurra è il vero protagonista del match di San Siro e il migliore dei ciociari. Si oppone su tutti i tentativi rossoneri e gioca una delle partite migliori della stagione: lo svarione sul cross di Abate è l'unica pecca di una prova quasi perfetta.

Flop - Gianluigi Donnarumma (Milan) - Peggior partita del suo primo campionato da professionista. Non ne azzecca una ma è difficile dargli troppe colpe: da quando è arrivato Brocchi il Milan è andato alla deriva dando ragione a chi non avrebbe mandato via Mihajlovic.

Difensori

Top - Daniele Rugani (Juventus) - L'ex centrale dell'Empoli cresce a vista d'occhio. Allegri vuole investire su di lui partendo dalla cattiveria agonistica: lo scorso anno non prese una sola ammonizione, contro il Carpi trova invece il secondo cartellino giallo consecutivo. Il futuro della difesa bianconera è già in campo.

Flop - Andrea Ranocchia (Sampdoria) - Ennesima prova imbarazzate del difensore che dopo aver lasciato l'Inter non ne azzecca una neanche in blucerchiato. Il vantaggio del Palermo nasce da una papera clamorosa. Potrebbe essersi definitivamente giocato il biglietto per gli Europei.

Centrocampisti

Top - Lucas Biglia (Lazio) - L'argentino, che non doveva nemmeno scendere in campo, è l'uomo migliore di Simone Inzaghi nel posticipo. Contro l'Inter va in marcatura di Jovetic quando il montenegrino si abbassa ma sa anche far ripartire la squadra e dare i tempi a tutta la Lazio. Al 92' si prende la meritata standing ovation dell'Olimpico.

Flop - Gary Medel (Inter) - Dovrebbe essere il mastino nerazzurro ma all'Olimpico è un dolcissimo chihuahua che fa tenerezza per i troppi errori. I nerazzurri danno l'addio matematico al sogno di un posto in Champions League e l'idea di essere già in vacanza.

Attaccanti

Top - Francesco Totti (Roma) - Finale di stagione da brivido per la bandiera della Roma. Anche contro il Genoa entra in campo nella ripresa e rimette in piedi il match per i giallorossi con il missile su punizione per il 2-2. Leggendario.

Flop -Ryder Matos (Udinese) - La stagione nera dei friulani passa soprattutto dall'apatia in attacco. Contro il Torino il brasiliano arrivato dal Carpi non ne azzecca una e ha la colpa di divorarsi il gol in avvio di gara a tu per tu con Padelli che avrebbe potuto cambiare il match.

La flop 11 della 36a giornata

Donnarumma (Milan)

Alex (Milan), Ranocchia (Sampdoria), Murillo (Inter), Herteaux (Udinese)

Edenilson (Udinese), Medel (Inter), Tello (Fiorentina), Krsticic (Sampdoria)

Matos (Udinese), Jovetic (Inter)

All. Brocchi (Milan)

La top 11 della 36a giornata

Bardi (Frosinone)

Jansson (Torino), Gobbi (Chievo Verona), Costa (Empoli), Rispoli (Palermo)

Biglia (Lazio), Pogba (Juventus), Duncan (Sassuolo)

Higuain (Napoli), Klose (Lazio), Totti (Roma)

All. Stellone (Frosinone)

Ti potrebbe piacere anche

I più letti