Sex & Love

"Ashley Madison" hackerato, fedifraghi a rischio

Trentasette milioni di profili sono stati violati sul sito di appuntamenti online

Schermata 07-2457225 alle 12.35.52

"Incontri discreti per persone sposate". Così recita la didascalia che spiega il concept del portale Ashley Madison, il sito che offre alle persone sposate la terza via tra la fedeltà e il divorzio.

Un sito dedicato ai "traditori" che però è stato "tradito" a causa degli hacker. Il gruppo di pirati informatici responsabile dell'operazione si fa chiamare The Impact Team e a confermare la notizia della loro invasione dei database è stata la stessa Avid Life Media (ALM), la società canadese che gestisce Ashley Madison.

Si tratta della violazione di ben 37 milioni di profili con la minaccia di diffondere nomi reali, indirizzi e perfino preferenze erotiche dei cyber-traditori.

Gli hacker hanno intenzione di destabizzare l'intero sistema dei siti per traditori puntando, in particolar modo, a diffondere i nomi dei "potenti" che non perdono il vizietto della chat e mostrando le falle del sistema di sicurezza della ALM.

Di solito chi c'è dietro a queste e simili operazioni è un ex dipendente licenziato o qualcuno che vuole togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Gli inquirenti sono già al lavoro anche se i primi dati privati sarebbero già stati pubblicati a scopo dimostrativo.

© Riproduzione Riservata

Commenti