Ravenna

Attrezzati per fare miracoli anche in fondo al mare

Micoperi, azienda specializzata in soluzioni sottomarine, passa dal recupero della Concordia alla ricerca sulle microalghe

micoperi

Marco Morello

-

Ha 71 anni, "e già programmi per i prossimi 70". Alla sua azienda è riuscita l'impresa delicatissima di raddrizzare la Costa Concordia, ora sta ultimando le operazioni di pulitura dei fondali dell'isola del Giglio dov'è avvenuto il naufragio: "Abbiamo portato via 100 mila metri cubi di materiali, separandoli e smaltendoli con cura". Entro fine anno, gli ultimi residui di quel tragico episodio saranno scomparsi dalle acque toscane: "Le cose semplici le fanno tutti, in pochi pensano imprese difficili, ancora meno sono quelli che riescono a realizzarle".

- LEGGI QUI IL PROGRAMMA DI PANORAMA D'ITALIA A RAVENNA

Silvio Bartolotti, numero uno di Micoperi, colosso specializzato in soluzioni sottomarine, ricorda più il giovane fondatore di una spericolata start-up che un capitano navigato. Anziché adagiarsi sugli ultimi successi, a cominciare da una commessa in Messico da 220 milioni di dollari, racconta la scommessa avviata con il futuro: "Un centro di ricerca di 2 mila metri quadrati con talenti che lavorano all'allevamento selettivo di microalghe per creare molecole naturali da utilizzare nel settore alimentare, nella medicina, nell'agricoltura". L'obiettivo? "Creare innovazione e occupazione". Il nesso con la Micoperi di oggi? "Da 43 anni, differenziare è al centro della mia idea di imprenditoria".

© Riproduzione Riservata

Commenti