Esteri

Russiagate: Trump vs Fbi, senza esclusione di colpi

La guerra fra Trump e il "deep state" divampa, con l’Fbi nel ruolo dell’accusatrice e dell’accusata. E l'inchiesta si fa sempre meno "russa"

anniversario trump

Alessandro Turci

-

L'ormai logora formula "un nuovo capitolo del Russiagate" non autorizza a rifiutarsi di capire a che punto siamo nella vicenda.

Lo scontro fra Donald Trump e l’Fbi è cresciuto nuovamente d’intensità, ma questo non deve far perder di vista il bivio principale al quale lo scandalo è giunto.

Due sono le strade che il Russiagate si trova di fronte e solo una potrà essere imboccata: o si tratta di uno scandalo di riciclaggio internazionale di denaro; o si tratta di uno scandalo di spionaggio ai massimi livelli istituzionali.

Il Presidente, le Istituzioni

Prima di entrare nel merito, è ovvio constatare come la seconda ipotesi tenga l’amministrazione Trump molto più sulla graticola della prima, e abbia un potenziale d’impatto ben maggiore sia in termini legali, sia in termini d’immagine.

Tutto ciò senza mai dimenticare che Trump è un outsider a Washington; il suo duello con l’Fbi è quindi il termometro di due forze uguali e contrarie: in altre parole la domanda è quanto il Presidente intende armonizzarsi con le istituzioni e quanto le istituzioni (in questo caso la comunità dell’Intelligence della quale il Bureau è una delle massime espressioni) intendono a loro volta accettare la "novità" Trump?

Il licenziamento di James Comey è sembrata la risposta inequivocabile a questo interrogativo. Un muro contro muro, con al centro un gioco di matrioske capace di mescolare tempi e protagonisti, democratici e repubblicani, governi stranieri e 007 di ogni bandiera.

Questa mescolanza di situazioni e di cronologia è al tempo stesso la forza e la debolezza del Russiagate. Perché se è vero, da una parte, che i sospetti di collusione appaiono fondati, dall’altra gli ultimi sviluppi ci dimostrano come le indiscrezioni giornalistiche (o addirittura voyeuristiche) possano essere la base di autorevoli dossier d’indagine. E siamo al capitolo attuale.

Sembra che l’indiscrezione di un giornalista – Luke Harding - su festini hot di Trump a Mosca (per la serie: Trump ricattabile dai russi) coincida con la memoria di una ex spia britannica, Christopher Steele; a questo punto l’Fbi avrebbe deciso di muoversi, in quanto il dispaccio di un agente segreto ha più valore dell’indiscrezione di un giornalista.

Ora, questo dossier, detto tecnicamente memo, può essere reso pubblico come il memo successivo, in mano ai repubblicani del Congresso, dove invece è l’Fbi ad essere accusata di palesi e reiterate attività anti-Trump?

Il Grande Dilemma

L’Attorney General Jeff Sessions pensa il contrario: perché? Anche qui due le letture possibili: o per proteggere Trump, o per proteggere l’Fbi. Il primo eviterebbe la rivelazione di dettagli potenzialmente lesivi della sua immagine, la seconda la rivelazione dei propri metodi di lavoro e fonti.

Come se non bastasse il numero due del Bureau, Andrew McCabe si è appena dimesso. Dopo il licenziamento di Comey, del quale era il vice, era toccato a lui dirigere ad interim l’Agenzia fino alla nomina di Christopher Wray.

Dimissioni plateali dal momento che McCabe era in vista della pensione, e infatti il dettaglio che conta sono le frizioni avute in passato con Trump. Lo sappiamo grazie a Twitter (dovremo farcene una ragione…), dove abbiamo letto le accuse di Trump a McCabe per l’amicizia coi Democratici, sancita dalla candidatura della moglie per un seggio al Senato.

Come poteva McCabe indagare seriamente sulle mail di Hillary se intanto la moglie era scesa in campo in politica al suo fianco

Insomma, la foto di famiglia ai piani alti di Washington al momento dice questo: l’Fbi che Trump aveva ereditato da Obama ora non esiste più; Russiagate è ormai quasi impossibile da dipanare; la guerra tra Trump e il deep state sarà ancora lunga.

Non bisogna infine dimenticare che si tratta di una guerra giuridico-legale, dove cioè le categorie di bene e male, giusto e sbagliato si riferiscono unicamente al codice penale e non al codice morale.

Di santi, in questa vicenda molto americana e molto poco russa, sembrano essercene davvero pochi.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Russiagate: ecco come Trump ha cercato di fermare l'inchiesta

Secondo The New York Times, Donald Trump ordinò di licenziare Mueller. A impedire una decisione dalle conseguenze devastanti, il legale della Casa Bianca

Russiagate, Trump: "Non vedo l'ora di testimoniare. Sotto giuramento"

Così il presidente Usa prima di partire per Davos. Ma, per i suoi legali, il seguito non è così scontato...

Russiagate: Robert Mueller alza il tiro

Dopo aver messo sotto torchio Bannon e Sessions, il procuratore speciale dell'indagine ipotizza di sentire Trump con una deposizione in forma "ibrida"

Chi è Simona Mangiante, l'italiana del Russiagate

Avvocato di Caserta, ha avuto una relazione con Papadopoulos, l'ex consigliere in politica estera della campagna di Trump

Russiagate: se Steve Bannon diventa testimone chiave

L'ex Chief Strategist di Trump chiamato a testimoniare da Mueller - al quale risponderà - e dal Comitato della Camera al quale per ora non ha detto nulla

Mueller vuole interrogare Trump: il Russiagate vicino alla svolta

La Casa Bianca si è detta favorevole all'eventualità: restano da definire modalità e contenuti dell'incontro

Russiagate: in un libro, le rivelazioni di Bannon che inchiodano Trump

Le indiscrezioni dell'ex chief strategist del presidente che accusa il Tycoon, suo figlio e suo genero di incontri sovversivi con i russi

Se il Russiagate non è il vero problema dell'America

Sia Trump sia Sanders lo definiscono un non-problema. Perché dietro c'è poca Russia e molta America, quella che dalla scuola alla sanità perde colpi

Russiagate: ecco chi è coinvolto dell’inner circle di Trump

Tutti i personaggi implicati nell'inchiesta del procuratore Mueller sulle interferenze del Cremlino nelle elezioni presidenziali

Commenti