Marò, l’India accetta l’arbitrato internazionale

Sarà la Corte dell’Aja a risolvere la controversia sui due fucilieri della Marina. A Latorre concessi altri 6 mesi di permanenza in Italia

marò

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due Marò – Credits: Olycom

Per Lookout news

Dopo oltre 40 mesi di tensioni diplomatiche tra i governi di Italia e India, lunedì 13 luglio è stato il giorno della possibile svolta sul caso dei fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

 La Corte Suprema indiana ha infatti riconosciuto gli obblighi derivanti dalla Convenzione ONU sul diritto del mare (UNCLOS) e accettato che sia l’arbitrato internazionale a risolvere la controversia sulla giurisdizione per l’incidente del 15 febbraio 2012 che ha coinvolto i due fucilieri, in cui sono stati uccisi due pescatori indiani al largo delle coste del Kerala. A occuparsi del caso sarà dunque adesso la Corte permanente di arbitraggio (CPA) dell’Aja.

 “La Corte Suprema indiana – si legge in una nota diramata dal ministero degli Esteri italiano – ha rinviato al 26 agosto la decisione relativa alla nostra richiesta di sospendere il procedimento giudiziario interno per tutta la durata del procedimento arbitrale, avviato dall’Italia il 26 giugno scorso ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare. La decisione del Governo indiano di partecipare all’arbitrato internazionale da noi avviato – prosegue la nota – conferma il consolidamento del percorso arbitrale intrapreso dall’Italia”.

 L’altro passo in avanti registrato nella giornata di ieri riguarda Massimiliano Latorre, al quale è stata concessa una estensione di 6 mesi del periodo di permanenza in Italia. Latorre potrà dunque proseguire le cure nel nostro Paese fino alla metà del gennaio 2016, dopo l’ictus che lo ha colpito a fine agosto 2014 e dopo aver subito un’operazione al cuore lo scorso gennaio. “L’Italia – anticipa la Farnesina – si accinge ora ad attivare tutte le misure necessarie per consentire il rientro in Italia anche del fuciliere di Marina Salvatore Girone”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marò: Latorre rimarrà in Italia altri 6 mesi

La Corte suprema indiana ha prorogato il permesso per il fuciliere della Marina in convalescenza per un attacco ischemico e un'operazione al cuore

Commenti