iStock/filo
Economia

Occupazione in calo dopo 12 mesi di lieve ottimismo

Su base annua prosegue la crescita anche se i dati Istat relativi a giugno segnano una leggera riduzione della stima degli occupati. La corsa degli over 50

Calano gli occupati in Italia e sale invece la voglia di lavorare. A dirlo i dati provvisori dell'Istat resi noti il 31 luglio.

STIMA DEGLI OCCUPATI IN GIUGNO: CALO

A giugno 2018, dopo tre mesi di crescita, la stima degli occupati registra un calo dello 0,2% rispetto a maggio, pari a -49 mila lavoratori.

Il tasso di occupazione scende al 58,7%, giù dello 0,1 punti percentuali.

SU BASE ANNUA

Su base annua, invece, prosegue la crescita occupazionale che è del +1,4%. Sempre su base annua, si legge ancora nelle rilevazioni Istat, si conferma la crescita occupazionale (+1,4%, +330 mila). L’espansione interessa uomini e donne e si concentra tra i lavoratori a termine (+394 mila), in lieve ripresa anche gli indipendenti (+19 mila), mentre calano i dipendenti permanenti (-83 mila). Crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+355 mila) e i 15-34enni (+119 mila) mentre calano gli occupati tra i 35 e i 49 anni (-145 mila).

Al netto della componente demografica si registra un segno positivo per l’occupazione in tutte le classi di età. Nei dodici mesi, a fronte della crescita degli occupati si registra il calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-2,6%, -344 mila) e quello più lieve dei disoccupati (-0,3%, -8 mila).

GIUGNO 2018

A giugno, inoltre, sempre su base mensile, il tasso di occupazione scende al 58,7% (-0,1 punti percentuali). La diminuzione congiunturale coinvolge soprattutto gli uomini, -42 mila, e le persone di 35 anni o più, -56 mila. Nell’ultimo mese calano in misura più contenuta tra i lavoratori stabili quelli indipendenti (-9 mila).

DISOCCUPAZIONE

Sale a giugno la disoccupazione al 10,9% in crescita di 0,2 punti percentuali su maggio. E cresce anche la disoccupazione giovanile che si attesta al 32,6%, in salita di 0,5 punti percentuali.

IN CERCA DI OCCUPAZIONE

Sale invece la voglia di lavorare: la stima di quanti sono in cerca di occupazione a giugno infatti registra un aumento del +2,1%, +60 mila persone.

MENO INATTIVI

Prosegue inoltre, sempre a giugno, il calo della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,2%, -27 mila). La flessione riguarda principalmente le donne (-23 mila) e si distribuisce tra i 15-49enni. Il tasso di inattività cala al 33,9% (-0,1 punti percentuali).

A TERMINE

A giugno cresce l'occupazione a termine. E questo sia a livello congiunturale che tendenziale: a giugno infatti sono stati 16mila in più i lavoratori a termine rispetto al mese precedente, 394 mila in più invece rispetto al giugno 2017. In calo invece i lavoratori stabili: -56mila rispetto a maggio scorso e - 83mila su anno.

TRIMESTRE

Nonostante la flessione registrata a giugno, l'occupazione, nel secondo trimestre 2018, è cresciuta del +0,8%, +196mila lavoratori, rispetto ai tre mesi precedenti. L’aumento interessa entrambe le componenti di genere, coinvolge le persone di 25 anni o più e tra queste principalmente gli ultracinquantenni, +140 mila.

Crescono nel trimestre i lavoratori a termine (+123 mila) e gli indipendenti (+75 mila) mentre restano sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti. Alla crescita degli occupati nel trimestre si accompagna il calo dei disoccupati (-0,7%, -21 mila) e quello più forte degli inattivi (-1,2%, -154 mila).

QUINDI...

"A giugno, dopo tre mesi di crescita sostenuta, l’occupazione registra un calo che si concentra soprattutto tra gli uomini e le persone con più di 35 anni. A fronte della diminuzione dei dipendenti permanenti e degli autonomi continuano a crescere i dipendenti a termine. Contestualmente torna ad aumentare la disoccupazione e continua a diminuire l’inattività", commenta l'Istat. "Nei dodici mesi la crescita dell’occupazione appare consistente, e si concentra tra i lavori a termine e, con riferimento all’età, tra i 15-34enni e soprattutto tra gli ultracinquantenni. La disoccupazione cala lievemente nei dodici mesi mantenendosi sui livelli della fine del 2012. Continua anche il calo dell’inattività, che si mantiene sul minimo storico", conclude.

Ti potrebbe piacere anche