Redazione

-

"Grazie Giulio, per avermi insegnato tante cose. Resta nel mio cuore l'energia del tuo pensiero. Il tuo pensiero, per amare, comprendere, costruire tolleranza. Con affetto, la mamma". È stata l'ultima di tante testimonianze di affetto durante i funerali di Giulio Regeni e viene dalla mamma Paola. Un messaggio letto sull'altare da un ragazzo.

Poco prima, don Luigi Fontanot, parroco di Fiumicello, il paese d'origine del giovane studente ucciso brutalmente in Egitto per cause ancora sconosciute, aveva detto: "Giulio è entrato nella Resurrezione. Come diceva Paolo VI, bisognerebbe mettere una quindicesima stazione alla via Crucis, quella della Resurrezione".

- LEGGI ANCHE: Giulio Regeni, il punto sulle indagini

- LEGGI ANCHE: Le torture subite da Regeni
- LEGGI ANCHE: Tutti i misteri della morte di Regeni
- LEGGI ANCHE: L'appello dei 4.600 accademici per Regeni
- LEGGI ANCHE: Il ruolo dei militari in Egitto

Il riferimento alla via Crucis prende spunto dai due quadri della prima e ultima (quattordicesima) stazione, che sono stati appesi ai lati della Croce, nell'altare allestito nella palestra, tra le spalliere per gli esercizi ginnici. "Indosso questa stola - ha aggiunto - che viene dal Sud America, dove ci sono desaparecidos, per Giulio". Al suo fianco il sacerdote copto che benedisse la salma di Giulio al suo arrivo all'ospedale del Cairo.

Il feretro, con sopra fiori bianchi, è stato portato a spalla in palestra, seguito dalla famiglia e dagli amici più cari. La messa viene celebrata in parte in inglese per consentire la comprensione agli amici stranieri

I tre grazie del parroco

"Grazie per questo compito di testimonianza che ci coinvolge tutti. Grazie, grazie e ancora grazie" ha detto il parroco di Fiumicello, don Luigi Fontanot, rivolgendosi al suo amico personale Giulio Regeni, nel corso dell'omelia ai funerali.

 


Il parroco ha definito "Giulio una persona speciale, per l'entusiasmo, per la voglia di conoscere" ricordando i concetti di libertà e di amicizia che aveva espresso: "Libertà è la possibilità di esprimere te stesso in un certo contesto; amicizia è un rapporto incondizionato tra due persone".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Giulio Regeni torturato prima di morire

Violenze, lesioni e alla fine la rottura dell'osso del collo. L'autopsia non lascia dubbi. Ma resta il mistero sul perché sia stato ucciso

Giulio Regeni: tutti i misteri della morte in Egitto

Perchè è stato torturato? Chi voleva ucciderlo? Cosa nascondono le autorità egiziane? Tutti i dubbi sulla morte del giovane italiano

Omicidio Regeni: il ruolo dei militari in Egitto

Se la morte del giovane friulano è avvolta da mistero, le accuse contro i servizi segreti sono ormai difficili da schivare

4.600 accademici del mondo firmano un appello per Giulio Regeni

Promosso dall'Università di Cambridge, il documento chiede giustizia per il giovane ricercatore assassinato al Cairo

Giulio Regeni: la pista dei Fratelli musulmani, ma gli inquirenti non collaborano

Secondo un giornale legato al governo, il ricercatore sarebbe stato rapito da servizi deviati. Le autorià italiane ancora in attesa delle prove raccolte

Commenti