Gabriele Antonucci

-

Cantautore, polistrumentista, produttore, attore, pittore ed attivista, Paul McCartney, uno dei più grandi compositori del Ventesimo secolo e autore di alcuni tra i brani più iconici dei Beatles, compie oggi 77 anni.

È impossibile immaginare il rock, il pop, il beat, la psichedelia e buona parte della musica che ascoltiamo oggi senza i Beatles.

Una carriera tutto sommato breve, quella dei Fab Four, che va dal 1962 al 1970, ma incredibilmente intensa, che ha prodotto dodici album, ognuno dei quali è entrato a pieno diritto nella storia del rock.

Eliminando la figura del frontman unico, i Beatles sono diventati inconsapevolmente le icone di una rivoluzione epocale, non solo in campo musicale.

George Martin, colpito dallo spirito cameratesco, dall’energia e dall’ironia dei quattro giovani artisti di Liverpool, comprese che non c’era bisogno di rimettere in discussione quella solida unione, cementata nel periodo dei concerti ad Amburgo, con la scelta di un solo cantante, a scapito del collettivo.

L'importanza dei Beatles

I Beatles sono il gruppo che vanta la maggiore influenza musicale nella storia del rock, con decine di band epigone, anche se nessuna è più riuscita a ripetere la magia delle loro canzoni, neanche lo stesso McCartney, anche se la sua carriera solista e con i Wings ha prodotto, pur con qualche battuta d'arresto, ottima musica.

Una magia che ha fruttato a Paul McCartney un patrimonio personale di oltre un miliardo di euro, come riportato dalla classifica annuale del Sunday Times sui 40 artisti più ricchi del Regno Unito.

Perché è considerato l'ambasciatore dei Fab Four

Tra i Fab Four, Paul è sempre stato l’ambasciatore e il divulgatore più attento e attivo dell’eredità artistica dei Beatles, si pensi al monumentale progetto Anthology, alla compilation One e alle rimasterizzazioni di tutti gli album della band nel 2009.

McCartney, undicesimo nella lista di "Rolling Stone" dei cento migliori cantanti al mondo e terzo in quella dei migliori bassisti, è anche un convinto sostenitore della dieta vegetariana, dei diritti degli animali, dell'educazione musicale nelle scuole, delle campagne sulla cancellazione del debito del Terzo Mondo e di quelle contro le mine antiuomo e la caccia alla foca.  

L'ultima fatica discografica "Egypt Station"

Il suo ultimo album di inediti Egypt Station del 2018, solare, energico, a tratti sorprendente, è l’album di uno splendido ultrasettantenne che si diverte ancora come pochi a fare musica, regalando gioia a se stesso, ma soprattutto a chi lo ascolta.

Egypt Station, il cui titolo riprende uno dei dipinti di Paul, è l'ultimo album in studio dopo il successo del precedente New che nel 2013 ha scalato le classifiche internazionali.

Anticipato dai due singoli I Do not Know e Come On To Me, Egypt Station è stato registrato tra Los Angeles, Londra, Sussex e prodotto (con l'eccezione di un brano di Ryan Tedder) da Greg Kurstin (Adele, Beck, Foo Fighters).

Dell'enigmatico titolo dell'album, Paul afferma: "Mi piacevano le parole Egypt Station . Mi ricordavano il tipo di album che solitamente facevamo…, Egypt Station parte dalla stazione della prima canzone e successivamente ogni canzone è una stazione diversa. Ogni brano è costruito intorno a questo concetto. Lo considero come una location da sogno dalla quale si diffonde la musica. "

Le 14 canzoni di Egypt Station si combinano per trasmettere un'atmosfera di viaggio unica.

Tra le tracce strumentali di apertura e di chiusura, Station I e Station II, ogni canzone fissa un luogo da dove Paul trasporta l’ascoltatore verso la destinazione successiva.

Le soste includono una meditazione acustica sulla gratificazione del presente (Happy With You), un inno senza tempo che si adatterebbe praticamente a qualsiasi album di qualsiasi epoca di McCartney (People Want Peace) e una canzone epica dai mille movimenti racchiusa in sette minuti (Despite Repeated Warnings).

Il risultato è un viaggio caleidoscopico attraverso una miriade di luoghi e di epoche musicali, ma fermamente radicato nel presente, con la singolare, inconfondibile sensibilità melodica e lirica di Paul che serve da guida.

Le influenze musicali

A partire dai gloriosi anni Sessanta, Paul, con il suo fedele  violin bass Hofner, ha tessuto linee melodiche e progressioni mai sentite prima d’ora, imitate poi dai migliori bassisti jazz e fusion.

Abilissimo nella creazione di armonie vocali, tecnica imparata dal padre jazzista, McCartney non ha eguali nei panni del cantante di ballate, traendo ispirazione dai suoni assorbiti durante l’infanzia nelle sale da ballo britanniche, ma anche da Elvis Presley ed Everly Brothers, ben presenti nella creazione di Michelle.

Il dualismo con John Lennon

John Lennon e Paul McCartney non sono state due personalità opposte, ma soprattutto complementari, poiché si integravano magnificamente a livello compositivo ed espressivo: due artisti nati per comporre, sperimentare e fare ricerca insieme.

Si è spesso descritto Paul come romantico, melodico e pop quasi a sottolineare la contrapposizione con un John politico, avanguardista e rock, ma la realtà è più complessa e sfaccettata dei luoghi comuni.

La sua passione per l'arte

Paul, mentre John veniva sempre più assorbito dalla sua dimensione familiare, frequentava mostre d’arte, concerti di musica contemporanea e performance d’avanguardia.

Passava molto più tempo in studio dell’amico/rivale a rifinire le sue melodie e a giocare con le allora limitate possibilità tecnologiche degli Abbey Road, preparando lui stesso, ad esempio, gli inquietanti loop di Tomorrow never knows.

Inoltre si interessava alla politica, all’ambiente e a tutto ciò che stimolava la sua vorace curiosità; rivelava, a un orecchio più attento, tutto il suo amore per il rock ( Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band, Live and let die) e per il soul della Motown (Got to Get You into My Life).

Paul è come un pittore impressionista. Se si considerano i pezzi uno alla volta, la musica potrebbe sembrare semplice, ma l’opera complessiva è davvero sofisticata. E’ un cantante davvero preciso e controllato” ha dichiarato James Taylor, la cui carriera è iniziata proprio sotto l’egida dei Beatles, che ha aggiunto “La gente si schiera sempre o con Lennon o con McCartney. Io sto sempre con il secondo: ha la forza della bellezza”.

I diritti delle canzoni dei Beatles comprati da Michael Jackson

Nell'estate 1981 Michael Jackson si trovava nella casa londinese di Paul per registrare Say, Say, Say e una sera, a cena, la discussione cadde su come investire nel modo migliore gli ingenti guadagni derivanti dalle vendite discografiche.

Paul gli rivelò di possedere l’intero catalogo di Buddy Holly più altre canzoni di sucesso, come Stormy Weather e Autumn Leaves, che gli fruttavano ogni anno diverse centinaia di migliaia di dollari.

Paradossalmente, non possedeva più, per una grave errore di ingenuità commesso in giovinezza, i diritti delle 251 canzoni di Beatles, che erano finite all'interno di un catalogo di oltre quattromila brani di proprietà della ATV Music, di proprietà del magnate australiano Robert Holmes à Court.

L'ex Fab Four consigliò all'amico di investire a sua volta in edizioni musicali e Michael gli rispose :“Hey, allora forse un giorno comprerò le tue canzoni!”. Paul scoppiò a ridere, pernsando che fosse una battuta, invece è esattamente quello che successe quattro anni dopo.

Michael affidò allora, al suo legale John Branca, il compito di informarsi sui diritti discografici più redditizi.

Branca dopo aver acquistato le royalties di Sly & The Family Stone, lo informò a settembre del 1984 che il catalogo ATV, contenente i brani dei Beatles, era in vendita all'asta.

Dopo otto mesi di trattativa, durante i quali McCartney non riuscì a convincere Yoko Ono a comprarli in società, Michael Jackson entrò in possesso, per 47,5 milioni di dollari, delle canzoni dei Beatles.

Un affare che gli frutterà sette milioni di dollari di ricavi ogni anno, tra roylties e pubblicità, ma che gli fece perdere l'amicizia di McCartney.

In un capolavoro di understatement, l'ex Beatles dichiarò alla stampa: "La nostra amicizia ha subito qualche contraccolpo".

Nel 2017 Paul McCartney ha riacquistato i diritti di 267 canzoni dei Beatles grazie a un accordo con la Sony/ATV.

I termini dell'intesa restano segreti perché l'accordo è confidenziale.

La "morte" nel 1966 e la sua seconda vita

Paul McCartney è, suo malgrado, al centro di una delle leggende metropolitane più astruse e, proprio per questo, più gustose della storia del rock.

Secondo una bizzarra teoria, alimentata nel corso degli anni con malizia dagli stessi Beatles, Paul sarebbe morto in un incidente stradale alle 5 del mattino del 19 novembre 1966 mentre rientrava a casa dalla sala d’incisione di Abbey Road.

Un tale William Campbell, suo sosia scozzese, lo avrebbe sostituito nel gruppo per non compromettere il redditizio brand dei Beatles.Non si contano gli indizi che hanno avvalorato, negli ultimi 50 anni, la teoria della morte di Paul.

Sulla copertina di Abbey Road è l’unico dei quattro a piedi nudi e tiene una sigaretta con la mano destra, lui che è notoriamente mancino, mentre sulla cover di Sgt.Pepper’s sopra la testa del cantante svetta una mano che saluta, simbolo dell’addio alla vita, sul retro di copertina è l’unico Fab Four di spalle, mentre in una foto interna indossa una mostrina con l'inquietante sigla "O.P.D."(“official pronounced dead”, cioè “dichiarato ufficialmente morto”).

Paul, con il suo umorismo tipicamente british, ha dichiarato a riguardo: “Morto io? Ma perché non mi dicono mai niente?”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Beatles, Sgt. Pepper's Lonely Heart Club Band - La storia

1 giugno 1967: esce il disco-rivoluzione. Un capolavoro senza tempo che, 50 anni dopo, viene ripubblicato in diversi formati

Beatles, "A day in the life": le curiosità

La storia del brano conclusivo di "Sgt.Pepper’s", uno dei più geniali tra quelli composti dal duo Lennon/McCartney, è ricca di aneddoti

I Beatles a Roma: in mostra le foto di Carlo Riccardi

Dal 21 al 27 aprile 2017, allo Spazio5 di Roma, 20 suggestivi scatti del concerto romano dei Beatles nel 1965

Beatles: “Revolver” festeggia 50 anni - Le 7 cose da sapere

Fu l’album della svolta stilistica dei Fab Four, più matura e lisergica, in cui lo studio diventa esso stesso uno strumento

Commenti