Banco del Mutuo Soccorso: la riedizione di Darwin!, il capolavoro del gruppo

Un classico da riscoprire del rock progressivo italiano

La copertina di Darwin!

Tony Romano

-

Gli anni ’70 hanno creato uno scenario musicale unico e fittamente ramificato in cui si sono sviluppate evoluzioni e sperimentazioni sonore, a volte estreme, ma che hanno segnato una tappa essenziale per la mutazione della musica moderna. In questo periodo stimolante ed intenso nacque il rock progressivo che vide il nostro paese protagonista come una grande fucina di idee e geniali artisti, come il Banco Del Mutuo Soccorso uno dei gruppi fondamentali del prog, insieme alla PFM e agli Area.

Pochi giorni fa, il 28 per l’esattezza, la Sony ha ridato vita e colore ad uno degli album più arzigogolati e importanti del Banco, Darwin!, uscendo in una nuova edizione che farà gola a molti. Il cofanetto è disponibile in due versioni, una divisa su due cd, ed un'altra disponibile su tre stupendi vinili contenenti l’edizione rimasterizzata del disco originale arricchita da una splendida registrazione integrale del concerto che il Banco tenne nel 2012 per trentesimo anniversario dalla nascita dell’album, presso l’Anfiteatro Romano di Cassino. Ma le sorprese non finiscono qui, nel disco infatti è contenuta anche uno splendido brano inedito, Imago Mundi, che il Banco interpreta insieme ad un altro grande protagonista del prog anni ’70, Franco Battiato. Darwin! è un monumento prezioso che malgrado il tempo passato sembra non invecchiare, riuscendo a regalare all’ascoltatore ancora quei brividi dietro al collo, stravolgendo l’anima così come fece trent’anni fa. L’opera, la seconda per il Banco, è un concept album dove i brani sono tutti legati al tema della teoria sull’evoluzione della specie, formulato un secolo prima dal naturalista Charles Darwin. Usando la sottile metafora dell’evoluzione umana, il Banco cantano quella voglia di libertà, di voler dare spazio ad una nuova cultura per rappresentare quel desiderio di rinnovamento in contrapposizione alle debolezze umane.

La prima lunghissima traccia, intitolata non a caso L’evoluzione, inizia proprio con quello che si può definire il manifesto dell’opera, ‘Prova, prova a pensare un po’ diverso’, dove attraverso i suoi lunghissimi 14 minuti vengono descritti scenari apocalittici tra cambi di ritmi e un denso e ramificato ricamo sonoro operato dai magici suoni di Moog, Mellotron e pianoforti. Il crescendo continua con La Conquista della Posizione Eretta, dove sembra di riuscire a scorgere davvero il primo ominide che lentamente riesce a raggiungere quel traguardo tanto aspettato. Subito dopo arriva la splendida Danza dei Grandi Rettili, splendida ouverture musicale sotto forma di un valzerino swingato che da l’idea della maestosità dei Dinosauri, ormai consapevoli del proprio destino, coperta da quel velo di tristezza e nostalgia che ogni cambiamento, nel bene o nel male, riesce a portare con se.

Semplicemente stupenda 750.000 anni fa… l’amore?, in cui quella sensazione di consapevolezza della metamorfosi si fa concreta e ‘lo scimmione senza ragione’ comprende di essere già uomo urlando la rabbia che si trasforma in dolore, facce di quella stessa medaglia che ha il volto dell’amore e della passione. Lentamente il viaggio musicale procede per la sua strada, lasciando il tempo che verrà alle riflessioni pitturate da quelle digressioni sonore che Francesco Di Giacomo e soci riescono a regalarci con passione. Questo è Darwin!, un album incredibile che riesce a portarti lontano con il solo potere della fantasia e della musica, ma non possiamo tralasciare il regalo che questo cofanetto porta con se. La registrazione live è impeccabile e Il Banco riesce con eleganza e maestria a riproporci questo capolavoro trasmettendo la stessa energia e le stesse emozioni, se non di più. La perla però è data dall’inedito, Imago Mundi, dove il Banco con Battiato riescono a fondere e giocare con un progressive che profuma di mediterraneo arricchito da cori imponenti e una leggera brezza di jazz e arie classiche. Il Banco del Mutuo Soccorso ha programmato per l’occasione un Darwin! tour imperdibile dove ripercorrenneranno la loro maestosa ed epocale carriera musicale. La prima data è per il 24 giugno presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, cui seguiranno spettacoli in giro per l’Italia che verranno al momento chiusi il 6 ottobre, dove sono attesi al Teatro Carcano di Milano, ma il calendario è ancora in fase di definizione. Info su www.bancodelmutuosoccorso.it

© Riproduzione Riservata

Commenti