Gabriele Antonucci

-

L’estate è la stagione privilegiata per la musica live, che esce dai teatri e dai palasport per riunire all’aperto migliaia di persone, in un’atmosfera ideale per apprezzare al meglio le emozioni che solo un grande concerto è in grado di trasmettere.

Le capienze delle grandi arene permettono di ospitare anche in Italia i big del pop del rock, per i quali non sono sufficienti gli spazi invernali, anche e soprattutto da un punto di vista della sostenibilità dell’investimento.

Vediamo insieme i 5 festival musicali che si svolgeranno nel mese di giugno da non perdere, in ordine rigorosamente cronologico, una lista che sarà periodicamente integrata e aggiornata.


1) Medimex (Taranto)

L'International Festival & Music Conference, meglio conosciuto come Medimex, si trasferisce quest'anno da Bari a Taranto, con un cast di ospiti ricchissimo. Medimex è un progetto Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale attuato con il Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito del Fondo di Sviluppo e di Coesione 2014-2020 – Patto per la Puglia Area di Intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali

In cartellone, oltre agli annunciati headliner Kraftwerk (7 giugno), Placebo (8 giugno) e Nitro (9 giugno), tre nomi che non hanno bisogno di presentazioni, spiccano anche Roni Size, Daddy G (Massive Attack), Casino Royale, Dj Gruff, Gianluca Petrella, Metá Metá, Kiol, Canzoniere Grecanico Salentino, E Green, Fido Guido, Zakalicious e Mangaboo, artisti selezionati attraverso un avviso pubblico rivolto ad operatori italiani e internazionali.

I live di giovedì 7 giugno sul main stage della Rotonda del Lungomare Vittorio Emanuele III (ingresso a pagamento) si apriranno alle ore 20.30 con Roni Size. Seguiranno, alle 21.55 con i Metá Metá. Uno spettacolo per gli occhi e per le orecchie sarà lo show in 3D (ore 22.30) dei Kraftwerk. La serata proseguirà al Molo Sant’Eligio, dove alla mezzanotte il trombonista pugliese Gianluca Petrella, incontrerà il rapper Dj Gruff per una collaborazione tra improvvisazione e hip-hop (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti).

Venerdì 8 giugno, sempre sul main stage della Rotonda del Lungomare Vittorio Emanuele III (ingresso a pagamento), il set di concerti verrà aperto alle ore 20.30 dai Casino Royale. A seguire, ore 21.15, salirà sul palco Kiol, che farà da apripista all’atteso concerto dei Placebo, uno dei gruppi simbolo dell'alternative rock. Alla mezzanotte ci si sposterà al Molo Sant’Eligio, per il set con le sonorità house, tecno, soul e jazz del collettivo Mangaboo (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti).

Terza giornata di concerti del Medimex, sabato 9 giugno, con il Raffo Fest. La serata verrà aperta alle ore 20.30 dal Canzoniere Grecanico Salentino, che presenterà l’ultimo disco «Canzoniere», e proseguirà alle ore 21.15 con il progetto glocal «The Streets Have No Name» che vede insieme tre rapper, il colombiano E Green, i tarantini Fido Guido e Zakalicious.

Il set introdurrà il live di Nitro, alle 22.30. La serata si concluderà poi alla Rotonda del Lungomare, dove mezz’ora dopo la mezzanotte, i riflettori si accenderanno sul membro storico dei Massive Attack, Daddy G, e il suo dj set dedicato a «The Sound of Bristol».

Venerdì 8 giugno, ore 20.30, è in programma la finale dello Sziget & Home Sound Fest 2018 nella quale verrà decretato il vincitore che si esibirà ai festival di Budapest e di Treviso, mentre sabato 9 giugno, ore 20.30, si terrà la finale regionale del contest per band emergenti Rec&Play e si esibirà il vincitore del Gazzetta Musica Contest, concorso per la promozione di giovani talenti musicali promosso dal quotidiano la Gazzetta del Mezzogiorno

A Taranto la musica si fa narrazione negli Incontri D'Autore, 12 appuntamenti a ingresso gratuito con Diodato, Michael Lavine e Charles Peterson (i due fotografi americani esporranno gli scatti della mostra «Kurt Cobain & Il Grunge» dall’8 giugno al 1° luglio al museo MarTa), Max Gazzè, Emma Marrone, Giuliano Sangiorgi, Raphael Gualazzi, Ultimo, Ghemon, Renzo Rubino, Paul Cook, Mirkoeilcane, Nitro.

Oltre ai consueti panel, workshop e attività di networking, un novità di quest’anno sarà il Musicarium Advanced dedicato ai professionisti con lezioni avanzate tenute da personalità di rilievo internazionale: Sound engineering and design con Marc Urselli, Digital communication con Marc Plotkin e produzione discografica con Tommaso Colliva.


2) Firenze Rocks (Firenze)

Mancano pochi giorni al Firenze Rocks, il più importante festival rock italiano e uno tra i più prestigiosi in Europa con oltre 200.000 spettatori in quattro giorni, che si svolgerà a Firenze, alla Visarno Arena, dal 14 al 17 giugno, prodotto da Live Nation Italia con la collaborazione de Le Nozze di Figaro nell’ambito dell’Estate Fiorentina promossa dal Comune di Firenze.

Si inizia giovedì 14 giugno con l’unica data italiana dei Foo Fighters, sulla scia dell’acclamatissimo Concrete and Gold Tour. Sempre nella data inaugurale, dalle ore 16, spazio all’indie-rock a stelle e strisce dei The Kills, mentre dal Regno Unito arrivano l’alt rock dei Wolf Alice (in lizza per i Brit Awards 2018) e il punk hard-core del carismatico

Venerdì 15 - in esclusiva per l’Italia - saliranno sul palco i Guns N' Roses, la band statunitense che sta girando il mondo con il suo Not in This Lifetime Tour. Per Axl Rose e compagni un ritorno a furor di popolo, dopo lo straordinario concerto sold-out la scorsa estate a Imola davanti a 80.000 spettatori. Apriranno la giornata il rockabilly metal dei danesi Volbeat, lo sludge metal di Baroness e il synth-punk dei losangelini The Pink Slips.

Sabato 16 giugno sarà la volta degli Iron Maiden, reduci dal tour mondiale a supporto del loro 16esimo album in studio The Book of Souls. La band approderà a Firenze Rocks sulle ali del Legacy of The Beast World Tour, con una scaletta che intreccia le più grandi hit e brani dall’ultimo disco. Divideranno il palco con un'altra leggenda del metal, i tedeschi Helloween, con il frontman dei Korn Jonathan Davis e il suo nuovo progetto solistico, con gli Shinedown e un album fresco di stampa da presentare.

Ozzy Osbourne celebrerà domenica 17 giugno sul palco di Firenze Rocks oltre cinque decadi di carriera, come solista e come frontman dei Black Sabbath. Anche per Ozzy, si tratta dell’unica data italiana. La tournée segnerà l’addio dai palchi dopo oltre 2.500 concerti in tutto il globo.

Sempre domenica 17 giugno, sul palco della Visarno Arena, attese altre colonne del genere: gli Avanged Sevenfold, che hanno appena pubblicato la versione deluxe dell’acclamato “The Stage”, gli storici Judas Priest, oltre 40 anni di carriera e vincitori nel 2010 del Grammy Award per la miglior ‘esibizione metal’, e i Tremonti, band del chitarrista Mark Tremonti (Alter Bridge) in tour con il nuovo album “A Dying Machine”.

Un happening che travalica la musica per le numerose iniziative che animeranno il “Firenze Rocks Village”, dove sarà possibile fare molteplici attività di intrattenimento e svago in un parco area di 6.000 mq.


3) Disco Diva (Gabicce Mare)

Il 17 maggio 2013, giorno dell' uscita dell'album-capolavoro Random Access Memories dei Daft Punk, è la data che ha segnato il rilancio in grande stile della febbre della disco music, che aveva conosciuto il suo culmine nel 1977, anno in cui è uscita nei cinema americani La febbre del sabato sera.

Una tendenza che ha contagiato immediatamente i maggiori dj e producer di musica house ed elettronica, ma soprattutto artisti mainstream come Bruno Mars (Treasure, Uptown Funk, 24K Magic), The Weeknd (I feel it coming) e Justin Timberlake (Can't stop the feeling), che hanno omaggiato quel tipo di atmosfere con brani di grande successo.

Gli appassionati dei ritmi in quattro quarti si ritroveranno dal 14 al 17 giugno a Gabricce Mare per la quarta edizione di “Disco Diva” che, dopo il successo dello scorso anno con oltre 12.000 spettatori, torna con quattro giorni di musica live con star internazionali della disco, dj set, vinyl show e video show.

“Anni di trattative per portare gli artisti americani in Italia ci rendono veramente orgogliosi- spiega Cristina Tassinari, conduttrice televisiva e art director del festival- a testimonianza che la credibilità del nostro festival ora convince anche le grandi star e lo rende sempre più internazionale. Un risultato ottenuto grazie al lavoro di squadra con prestigiosi brand. Fondamentale il contatto diretto di Checco Tassinari, dj e fondatore dell’etichetta musicale Disco Diva Records che ci ha permesso di portare sempre più artisti al nostro festival”.

Venerdì 15 giugno la serata inaugurale sarà affidata alle Ritchie Family, interpreti del più famoso collage di brani anni 70 “The best disco in town” e di tanti altri inni della discomusic. Sul palco anche Gonzalez, con il suo indimenticabile successo "Haven’t stopped dancing yet”, al primo posto in classifica nel 1977 negli Stati Uniti e in Italia per lungo tempo.

Imperdibile la serata di sabato 16 giugno, con una band di culto della disco music, i Trammps, autori di numerosi capolavori funky e disco, fra cui la super hit Disco Inferno contenuta nella colonna sonora de La febbre del sabato sera, accompagnati da una delle migliori live band italiane della funky-disco, la “Frankie and Canthina Band”. La serata sarà un tributo ai 40 anni dell’uscita de La febbre del sabato sera in Italia.

Gran finale, domenica 17 giugno, con EVOLUTION 1.0, serata dedicata anche ad un pubblico più giovane con i nuovi riedit di grandi successi internazionali curati da Joe Vinile and Relight Orchestra, prodotti dall’etichetta Disco Diva Records. Vedremo protagonisti sul palco di "Disco Diva" un’accoppiata insolita, che promette scintille: Leroy Gomez (Santa Esmeralda) and Aax by Traks. Non potranno mancare i rispettivi successi Please don't let me be misunderstood e Long train running, due riempipista senza tempo, in grado di incendiare qualsiasi dancefloor. 

A seguire il contagioso funk dei Ridillo featuring Ronnie Jones, con il loro nuovo album appena uscito "Pronti, funky, via!". 

Oltre a questi grandi nomi, tante le band che si esibiranno nelle tre location di Gabicce Mare e Monte e lungoporto dove, tutte le sere, andranno in scena musica dal vivo e dj set.

Focus della manifestazione sarà il vinile in tutte le sue forme, dal vinyl collector in programma alla presentazione di libri sul vinile, fino alle produzioni disco diva records in vinile. Presente anche un Vinyl Market all’ingresso del borgo di Gabicce Monte coordinato da l’Associazione “A Tutto Tondo”.


4) I-Days Festival (Milano)

La nuova edizione di I-Days Festival, la grande manifestazione musicale dedicata a rock, punk e indie, in programma dal 21 al 24 giugno 2018, cambia location spostandosi dall’Autodromo di Monza all’Area Expo – Experience di Milano: un’area verde specifica con tutti i servizi (treni, metro, parcheggi, servizi igienici) per accogliere nel miglior modo il pubblico della musica live internazionale.

Si parte il 21 giugno con The Killers, X Ambassadors, Richard Ashcroft (indimenticabile frontman dei Verve), Slydigs e la voce degli Oasis Liam Gallagher che, dopo gli show del 26 e 27 febbraio al Fabrique di Milano e al Gran Teatro Geox di Padova, torna in Italia per un ultimo imperdibile concerto dove presenterà i brani del suo album d'esordio "As you were".

Il 22 saranno protagonisti i Pearl Jam, la band più importante nella storia del grunge capitanata dal carismatico Eddie Vedder, gli Stereophonics, che hanno festeggiato nel 2017 il ventennale della loro carriera con un nuovo disco e un tour, Catfish & The Bottleman, Lany e The Last Internationale.

Il 23 si alterneranno gli High Flying Birds guidati dall'altra colonna degli Oasis Noel Gallagher, che hanno da poco pubblicato il nuovo album di inediti Who Built The Moon?, i Ride, i Placebo, la superstar della scena elettronica internazionale Paul Kalkbrenner e Isaac Gracie.

Il 24 giugno gran finale con Queen of The Stone Age, reduci dal successo dell'album Villains prodotto dal mago della console Mark Ronson, The Offspring, tra le band più longeve del punk, Wolf Alice? e CRX.


5) Cittadella Music festival

Al via dal 21 al 23 giugno la prima edizione del Cittadella Music festival, una manifestazione che anticipa le attività che di Parma capitale della Cultura 2020.

Una location d'eccezione, la Cittadella, una delle tre antiche fortezze al mondo con un parco all'interno nel cuore della città. 

Si parte il 21 giugno con il M° Ennio Morricone che con '60 Years of Music World Tour', celebra i suoi sessant'anni di carriera.

Per l'occasione Morricone dirigerà un'orchestra di 100 elementi e un coro di 80 elementi, con un programma completamente nuovo.

«Per questa tournée ho pensato ad un programma aggiornato che naturalmente comprende alcuni “grandi classici” come le musiche degli amati western di Sergio Leone e "Mission", ma a parte questo nella sua totalità il concerto sarà un’esperienza molto differente rispetto ai concerti del passato. Prevedo di inserire nel programma le musiche composte per Quentin Tarantino e alcuni brani composti per i western di Sergio Leone che non ho mai diretto nelle tournée precedenti.»

Il 22 giugno il festival ospita l'unica data italiana de tour mondiale della regina della black music Ms. Lauryn Hill che festeggia i 20 anni del suo disco cult "The Miseducation of Lauryn Hill", l'album che, con oltre 19 milioni di copie vendute e 5 Grammy Awards, nel 1998 la consacrò come nuova stella della black music.

Chiudono il 23 giugno alcune delle star più rinomate dei dance floor di tutto il mondo: da Berlino arriva Apparat al secolo Sasha Ring: la sua popolarità ormai travalica i territori della club culture ed è arrivata anche al cinema, se pensiamo che il regista Mario Martone lo ha voluto come autore della colonna sonora de “Il giovane favoloso”, per la quale il musicista ha vinto il premio Piero Piccioni alla 71esima mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Da Amburgo i Digitalism duo elettronico, tra le realtà più acclamate e festose del clubbing mondiale, con all’attivo collaborazioni con Julian Casablancas degli Strokes e remix per Depeche Mode, White Stripes e Daft Punk, per finire i 2ManyDJs, da più di 10 anni sulla cresta dell’onda della club culture più alternativa.

Costola dei Soulwax, i fratelli David e Stephen Dewaele sono producer, remixer e soprattutto grandi innovatori e ogni anno sono regolarmente tra gli headliner dei festival più’ importanti del mondo: dal Coachella al Sonar, da I Love Techno a Benicassim.

© Riproduzione Riservata

Commenti