Rai
Ufficio Stampa Rai
Rai
Televisione

Palinsesti Rai 2021/2022: Cattelan Sanremo e le serie tv, poche le novità

Niente fumata bianca per le conduzioni del Festival (che torna a febbraio) e dell'Eurovision Song Contest. «Il tris di Amadeus? Stiamo dialogando». Su Rai2 nuovo progetto per Ventura-Perego, su Rai3 confermato Fazio. L'amica geniale 3 in arrivo nel 2022

Poche novità e tante riconferme. Chi si aspettava grandi rivoluzioni dalla presentazione dei Palinsesti Rai 2021/2022, annunciati martedì 22 giugno in una conferenza stampa lunga quanto una serata di Sanremo, rimarrà deluso. Ma, del resto, era difficile attendersi qualche colpo di scena visto che i vertici sono in scadenza e di direttori di rete verranno rinnovati a stretto giro. Le presentazioni in grande stile, adunate di giornalisti e poi assalto degli investitori pubblicitari, sono dunque un lontano ricordo: le misure anti Covid che costringono a una riunione virtuale dalla Sala degli Arazzi di Viale Mazzini - l'allestimento è tristissimo e l'audio pessimo, tanto che del discorso del presidente Marcello Foa si capisce poco - e dagli occhi dell'ad Fabrizio Salini e degli altri dirigenti traspare la malinconia degli ultimi giorni di scuola. Dall'arrivo di Alessandro Cattelan ai titoli più attesi della fiction Rai, ecco le novità rete per rete.

Palinsesti Rai1 2021/2022, i «misteri» Sanremo e Eurosong

Le carte su Sanremo 2022 ed Eurovision Song Contest – i due eventi di punta del prossimo palinsesto, quelli che porteranno importanti somme nelle casse di Rai Pubblicità – sono ancora coperte. «È tutto top secret, i lavori sono cominciati ma non abbiamo definito conduzione e direzioni artistiche», precisa il direttore di Rai1 Stefano Coletta. Tradotto: molte idee e molto confuse. «Partiamo dai contenuti, poi arriviamo ai nomi», dice. Quanto al Festival, che tornerà a febbraio (dopo lo slittamento a marzo causa Covid), in campo ci sono tante opzioni, compreso il tris di Amadeus. Il pressing dei vertici in uscita è forte, ma il conduttore giustamente prende tempo. «Stiamo dialogando anche con lui e con Fiorello. Di certo un ritorno al passato non sarà possibile visto il lavoro che ha fatto», osserva Coletta. Tra certificazioni, classifiche e il successo clamoroso dei Maneskin (oltre che di Colaspece e Di Martino, solo per fare un altro nome), Amadeus ha spostato l'asticella così in alto che sarà complicato fare meglio per chiunque arriverà. Quando all'Eurosong, è prematuro pensare alla conduzione, anche se il nome forte è quello di Alessandro Cattelan. «L'idea è quella di diversificare le conduzioni con Sanremo. Ma siamo ancora nella fase in cui dobbiamo scegliere la città ospitante e aderire alle regole Ebu, che stabiliscono le norme cui il grande show deve sottostare». Insomma, prima di qualche settimana, non ci sarà nulla di deciso.

Il sabato sera di Rai1 con Amadeus, Cattelan e Carlucci

La prima vera novità della prossima stagione tv è l'arrivo su Rai1 di Alessandro Cattelan, che Coletta definisce una «scelta osé». Dopo l'addio a X Factor e Sky, il conduttore entra dunque nella tv generalista dalla porta principale con un doppio appuntamento, il 18 e 25 settembre in prima serata con Da Grande, show inedito che mischierà canto, ballo, divertimento e approfondimenti con monologhi, performance e tante guest star. «Sarà una sorta di miniserie, è un progetto che si compie così in due puntate. Tra gli ospiti ci sarà anche Luca Argentero», anticipa Coletta.

La staffetta passa poi ad Amadeus: il conduttore torna al suo vecchio amore con Arena 60-70-80, il 2 e 9 ottobre dall'Arena di Verona, un viaggio nella memoria per celebrare tre dei decenni più iconici del made in Italy musicale e tante meteore artistiche che non vediamo da anni. Amadeus presidierà come sempre l'access prime time con I soliti ignoti poi a inizio 2022 guiderà anche il ritorno di Affari tuoi, ma in versione family, mix tra gioco e racconto del paese. Dal 16 ottobre, torna il talent simbolo del sabato sera di Rai1, Ballando con le stelle, con la conduttrice più regimental del palinsesto, l'inossidabile Milly Carlucci: la lista dei vip che scenderanno in pista, è in fase di creazione.

Cosa faranno Clerici, Conti e Mara Venier

Dall'evasione alla relazione. È questa la parola d'ordine di Coletta per il prossimo palinsesto, che si godrà da spettatore se non verrà riconfermato alla direzione. Quanto al day time, tutto confermato a parte la conduzione di UnoMattina: il giusto progetto di ammodernamento che Coletta aveva in mente si è arenato e dunque manca l'incontro decisivo con il direttore del Tg1 per stabilire la nuova coppia di conduzioni. Squadra che vince non si cambia e dunque torneranno Eleonora Daniele a Storie Italiane, Alberto Matano (la formula compatta e smart di Vita in diretta ha funzionato), Serena Bortone con Oggi è un altro giorno e Antonella Clerici con il suo è sempre mezzogiorno che ha riportato quella fascia agli ottimi ascolti del passato. Per lei, da novembre, è poi previsto il ritorno in prima serata con The voice senior «che racconta il talento tardivo»: in giuria, anticipa Coletta, potrebbe esserci qualche nuovo innesto. Confermatissimi Carlo Conti con Tale e Quale Show, le prime serate di Alberto Angela (c'è anche uno speciale natalizio), mentre slitta a dopo Sanremo lo special Danza con me di Roberto Bolle. Novità in vista per Mara Venier: oltre alle sue iconiche interviste, a Domenica in spazio anche a dei segmenti di people show in cui si confronterà con gente comune.

Da L'amica geniale 3 a Don Matteo 13: i titoli delle serie più attese

A garantire i super ascolti saranno come sempre le serie tv e tra titoli nuovi e granitici ritorni, l'abbuffata è garantita. Si parte con una novità, Un professore, con Alessandro Gassmann nei panni di un docente di un appassionato docente di filosofia. Da una storia di formazione si passa a Un Cuore, melò ambientato a Torino con Daniele Pecci, Matteo Martari e Pilar Fogliati, che racconta la storia di un pioniere della cardiochirurgia e l'evoluzione della figura femminile nella medicina. Grande attesa poi per Non mi lasciare, con Vittoria Puccini che si trasforma in una poliziotta con profonde ferite nel passato e affronta il tema degli abusi sui minori: il thriller in quattro puntate è stato girato a Venezia in pieno lockdown.



Tra i titoli più attesi c'è il tv movie Carla, il biopic su Carla Fracci interpretata da Alessandra Mastronardi. «Siamo orgogliosi di portare a tutti un racconto così importante: la Fracci è venuta a trovarci anche sul set ed è stato un grande onore», rivela Maria Pia Ammirati, la direttrice di Rai Fiction. In arrivo anche il biopic su Marco Pannella e quello sullo scalatore giornalista Walter Bonatti. Sotto natale spazio a Il giro del mondo in 80 giorni, quattro serate liberamente ispirate al romanzo di Jules Verne, coprodotto da Rai, ZDF e France Télévisions. Tra i ritorni, spiccano I bastardi di Pizzofalcone 3 e Imma Tataranni 2 mentre toccherà aspettare fino al 2022 per Don Matteo 13 (con la staffetta Hill-Bova), Makari 2, Mina Settembre 2 (con Serena Rossi) e Nero a metà 3. Tra i titoli più interessanti del prossimo anno ci sono senza dubbio L'amica geniale-Storia di chi fugge e di chi resta: (la regia passa a Daniele Lucchetti), Esterno notte (Marco Bellocchio torna su Aldo Moro e racconta i 55 giorni di prigionia da punti di vista diversi), Doc-Nelle tue mani 2 con Argentero e la Gioli e la doppietta di Lino Guanciale con Sopravvissuti, altra coproduzione europea, e Noi, la versione italiana di This is us.

Rai 2 compie 60 anni, la festa con Stefano De Martino

Sembrava cosa fatta il passaggio di Stefano De Martino a Mediaset – tra gli addetti ai lavori circolava il suo nome per la domenica pomeriggio di Canale5 e Le Iene, per il quale è previsto uno stravolgimento alla conduzione – invece l'ex ballerino resta dov'è ed è sempre di più il volto di Rai2. Tanto che Ludovico Di Meo, il direttore, gli ha affidato I miei primi sessanta anni, lo show evento in onda 4 novembre per celebrare i 60 anni della seconda rete, con la reunion dei volti iconici di Rai2 e il ricordo dei programmi più belli. A gennaio 2022 De Martino tornerà poi con la nuova stagione di Stasera tutto è possibile. Quanto a Valerio Lundini, vero personaggio culto dell'ultima stagione, dovrebbe tornare a inizio 2022 con Una pezza di Lundini. In seconda serata, tornano poi Pierluigi Diaco e, come anticipato da Panorama, arriva un nuovo programma di infotainment.



I fatti vostri, Quelli che il calcio, la coppia Ventura-Perego

Quanto al nuovo palinsesto, novità in vista per due titoli storici della rete. A cominciare da I fatti vostri, granitico programma di Michele Guardì: la vera notizia è l'exit strategy di Giancarlo Magalli – che lascia dopo 21 anni e da novembre condurrà Una parola di troppo, quiz culturale sull'uso della lingua italiana – sostituito da una nuova coppia di conduttori, Anna Falchi e Salvo Sottile. Cambia pelle anche Quelli che il calcio, che prova a tenere botta al campionato-spezzatino traslocando dalla domenica pomeriggio al lunedì sera per commentare non solo il fine settimana sportivo ma anche tutta l'attualità. Confermati alla conduzione Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu e Mia Ceran ma competere con le serie di Rai1 e il reality di Canale5, non sarà facile. Si punta invece su una coppia inedita, formata da Paola Perego e Simona Ventura per rilanciare la fascia della domenica mattina: le due conduttrici saranno alla guida di Tutto fa domenica, dalle 11 alle 13, talk di due ore tra divertimento, tradizione e leggerezza. A sorpresa, vent'anni dopo l'ultima stagione torna in onda Check up, lo storico programma di medicina: andrà in onda il sabato ma la conduzione non è stata annunciata.

Torna Il collegio e debutta Voglio essere un mago

Visto il clamoroso successo delle ultime stagioni, non poteva non essere riconfermato Il collegio, il docu-reality sbanca ascolti di Rai2 capace di raccontare come pochi altri programmi tv i giovani di oggi: la messa in onda è prevista tra novembre e dicembre e nella sesta edizione i ragazzi vivranno nel 1977. La voce narrante è sempre quella di Magalli. Si sfideranno invece a colpi di magia, mentalismo e illusioni i protagonisti di Voglio essere un mago!, nuovo docu-reality in cui tre casate di giovani aspiranti maghi studieranno e si perfezioneranno nelle arti magiche: tra studio ed esibizioni, s'intrecceranno storie di amicizia, amori e tradimenti. All'insegna dei «giochi di fuga», invece, Liberi tutti, il nuovo game di prima serata condotto da Pino Insegno, mentre Massimiliano Ossini è il volto di Kalipè-A passo d'uomo, viaggio tra le bellezze italiane e del mondo, attraverso reportage inediti. Tra le novità della seconda serata, spicca Tonica, condotto da Andrea Delogu: il nuovo format punta sull'integrazione tra tv e mondo digitale, con classifiche, live, attualità musicale e rubriche.



Coliandro e le altre serie di Rai2

Non è Rai2 senza il solito pacchetto di serie tv americane, da NCIS (arrivato al 18esimo anno di messa in onda), cui si aggiungono NCIS Los Angeles ed NCIS New Orleans, oltre che The good doctor e Swat, i cui ascolti tengono botta. Sul fronte della serialità italiana, sono invece in arrivo le nuove puntate de L'ispettore Coliandro, creato dalla penna di Carlo Lucarelli e dirette dai Manetti Bros: a impersonare il surreale ispettore sarà sempre Giampaolo Morelli, ma gli innesti nel cast saranno diversi. In arrivo anche la seconda stagione di Volevo fare la rockstar, con Valentina Bellè e Giuseppe Battiston, e quella di Mare Fuori, storia di riscatto e di denuncia che ruota intorno alle vicende di un gruppo di ragazzi finiti nel carcere minorile di Napoli.

Fazio torna con CTCF (e il 15% di stipendio in meno)

Franco Di Mare apre la presentazione della sua rete con un dato: negli ultimi dodici mesi Rai3 è tornata ad essere la terza rete più vista in assoluto. «Siamo fatti di antico e moderno», annuncia il direttore. Che può contare su un tesoretto importante che gli garantiscono i nomi storici del canale: Fabio Fazio, il cui contratto biennale con la Rai è stato rinnovato (decurtato del 15% e non potrà più co-produrre lo show), tornerà con Che tempo che fa, che quest'anno ha toccato ascolti record. Niente sorprese poi sul fronte Chi l'ha visto? (nessun addio di Federica Sciarelli) e sono stati riconfermarti Report, Presa diretta, CartaBianca e Le parole della settimana con Gramellini. Visti i buoni ascolti, tornerà l'inedita coppia formata da Marco Giallini e Giorgio Panariello con Lui è peggio di me e ovviamente l'iconica Franca Leosini che mette in pausa Storie maledette e presenta Che Ffne ha fatto Baby Jane, in cui indagherà nell'animo umano fra ex detenuti che hanno ritrovato la libertà.

Di Mare c'ha preso gusto a sperimentare nell'access prime time e lo fa con due titoli che hanno avuto successo: così torna Geppy Cucciari con Che succede e quel gioiellino di Via dei matti numero 0 con Stefano Bollani e Valentina Cenni. Nuovo progetto invece per Fiorella Mannoia, che esordisce con La Versione di Fiorella, il lunedì, giovedì e venerdì: in ogni puntata verranno presi come spunto eventi accaduti lo stesso giorno di altri anni per ricordarli e per poi confrontarli con l'attualità fino ad immaginarli nel futuro. Qualche novità la mattina: Agorà, con Luisella Costamagna, si allunga di mezz'ora (l'ultima parte verrà affidata a Senio Bonini di Rai News) e approda anche nel fine settimana con Giusi Sansone del Tg3. Mi manda Rai3 invece diventa light, passa al week end e resta nelle mani di Federico Ruffo. Raddoppia poi Lucia Annunziata: oltre a In ½ ora e In ½ in più, in seconda serata una volta la settimana farà coppia con Paolo Mieli in Monte Calvario, guida ragionata al percorso che porterà all'elezione del nuovo Presidente della Repubblica.


Le grandi serie di Rai4, i titoli di Rai Movie le novità di Rai Premium

Obiettivo Mondo è il fil rouge che lega i canali di Rai Gold, il progetto nato in collaborazione con l'ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), per mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale. La staffetta di programmazione coinvolgerà i canali e diversi volti, da Ema Stokholma (che introdurrà i documentari in prima tv su Rai4) a Giorgio Zanchini (con i talk sui film-dossier in onda su Rai Movie). Quanto alla programmazione, Rai4 resta la casa delle serie cult, dall'epic action Vikings all'iconico Fargo, passando per l'imperdibile terza stagione di Babylon Berlin ma non mancheranno blockbuster con grandi sorprese, da Quentin Tarantino a Brian De Palma.

Dopo una stagione d'oro sul fronte ascolti, Rai Movie punta su un palinsesto super variegato, dal cinema contemporaneo in prima tv – da A Beautiful Boy con Timothée Chalamet a L'uomo fedele con Louis Garrel e Laetitia Casta – ai nuovi classici italiani appena restaurati. Rai Premium scommette ancora su Diego Dalla Palma e il suo Uniche (uno dei migliori programmi di interviste in onda nelle ultime stagioni, va detto), sulle repliche delle fiction di successo (da Don Matteo a Provaci ancora prof!) e sulla comicità: in prima serata in autunno, in arrivo gli one woman show di Barbara Foria e quello di Francesca Reggiani.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti