Tasse

Partite Iva: i nuovi indici di affidabilità

Con un emendamento alla manovra bis sono state chiarite le modalità con cui verranno sostituiti i vecchi studi di settore

agenzia_Entrate_ufficio

Giuseppe Cordasco

-

L’emendamento alla manovra bis che introduce i cosiddetti indici di affidabilità fiscale decreta in maniera definitiva l’addio agli studi di settore che tante polemiche hanno creato in questi anni. Per circa 3,5 milioni di partite Iva si può dire che inizi una nuova era nel rapporto con il fisco. A contare ora saranno i comportamenti che si terranno e l’affidabilità che si sarà in grado di dimostrare in qualità di contribuenti. In questo modo si guadagnerà punteggio e anche benefici nel rapporto con l’amministrazione erariale. Ma vediamo nel dettaglio come funzionerà il nuovo sistema.

LEGGI ANCHE: Come si passa dagli studi di settore agli indici di affidabilità

LEGGI ANCHE: Perché abolire gli studi di settore

LEGGI ANCHE: Tutti i provvedimenti della manovra bis

Un punteggio che va da 1 a 10
D’ora in poi per ogni partita Iva verrà redatta una sorta di pagella di comportamento che prevede l’attribuzione di un punteggio che andrà da un minimo di 1 a un massimo di 10. A seconda dei voti che si otterranno si potranno ottenere dei benefici nel rapporto con il fisco, oppure si finirà sotto osservazione, con il rischio di ricavarne soltanto maggiori controlli. Insomma una sorta di accorato invito ad essere diligenti nel pagamento delle imposte, con la speranza di poter ottenere dei benefici da questo tipo di atteggiamento.

I vantaggi per chi avrà voti alti
La fedeltà al fisco verrà premiata attraverso 5 diversi tipi di premi che si potranno ottenere grazie ad un indice di affidabilità più alto: si tratta dell’abolizione del visto di conformità Iva per la compensazione dei crediti fino a 50mila euro annui; dell’esonero del visto di conformità, o della garanzia, per i rimborsi Iva fino a 50mila euro; dell’esclusione degli accertamenti basati sulla presunzione semplice; dell’anticipazione dei termini di decadenza per l'attività di accertamento ed esclusione della determinazione sintetica del reddito complessivo, cioè del cosiddetto redditometro.

Altri elementi da considerare
Nella valutazione dell’affidabilità del contribuente verranno presi in considerazione anche altri parametri che serviranno a delineare il profilo fiscale di ogni singola partita Iva. Tra questi merita certamente di essere citata la correttezza e la regolarità dei versamenti contributivi. Quindi saranno incrociati non solo i dati dell’anagrafe fiscale, ma anche quelli dell’Inps e degli altri enti previdenziali utilizzati dalle diverse categorie professionali

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Partite Iva, tutti i nodi del 2017

Il cosiddetto Jobs Act degli autonomi ha ottenuto il via libera solo dal Senato e altre riforme già approvate stentano a decollare

Partite Iva, tutte le novità in arrivo per il 2017

Il ddl sul lavoro autonomo, che entra in vigore oggi, estende una serie tutele e definisce il cosiddetto smart working

Zanetti: "Pronti a rivoluzionare il fisco per partite Iva e imprese"

Aliquota sui capitali in azienda più bassa, deducibilità dell'Imu e taglio dell'Irap: le anticipazioni del viceministro dell'Economia a Panorama d'Italia

Nuova flat tax per le piccole partite Iva: tutti i dettagli dell'Iri

Prevista un’aliquota unica al 24% sui redditi lasciati in azienda. Una soglia parametrata a quella che pagheranno le imprese per l’Ires

Nuove partite Iva, ecco perché ad agosto c’è stato il boom

L’aumento di quasi il 10% di nuove aperture è legato soprattutto alle richieste di stranieri e per attività nel settore agricolo

Partite Iva e gestione separata Inps: novità in arrivo

Il premier Renzi ha annunciato un taglio dei contributi previdenziali, con risparmi dell’ordine di mille euro all’anno

Affitti e partite Iva: tutte le novità fiscali del 2017

In arrivo un decreto legge che semplificherà alcune procedure, soprattutto in fase di dichiarazione dei redditi

Partite Iva, tutte le novità sulle agevolazioni fiscali

L’Agenzia delle entrate con una circolare ha fornito importanti chiarimenti sul nuovo regime forfettario

Partite Iva, tutte le nuove tutele

Dalla maternità alla malattia fino al lavoro agile: ecco come il governo prova a difendere i lavoratori autonomi

Commenti