Tasse

730 precompilato, tutte le scadenze da ricordare

Dalle integrazioni entro il 7 maggio alla trasmissione delle dichiarazioni spostata al 23 luglio

modello_730_dichiarazioni

Giuseppe Cordasco

-

Evitare gli ingorghi burocratici e le conseguenti polemiche scoppiate l’anno scorso: sono queste le ragioni che hanno convinto il governo a spostare la data di trasmissione del 730 precompilato dal 7 al 23 luglio. La questione è stata posta con forza in Parlamento, attraverso una risoluzione che in commissione Finanze della Camera è stata accolta all’unanimità. Dunque ora la palla è passata all’esecutivo che, sull’onda di questa decisa presa di posizione, potrebbe decidere già nelle prossime ore, di accorciare i tempi, emanando in materia un decreto ad hoc, che tra l’altro, secondo quanto trapelato da ambienti governativi, potrebbe stabilire lo slittamento di date in via definitiva anche per gli anni a venire.

730 precompilato, le 5 novità da non dimenticare


Dunque contribuenti privati, ma anche commercialisti, Caf e intermediari fiscali vari, dovrebbero avere più tempo per effettuare tutte le verifiche del caso sulle nuove dichiarazioni precompilate. Proprio quel tempo in più che a lungo invocarono nel 2015, anno tra l’altro di sperimentazione del 730 precompilato, e che fu concesso però solo in extremis, cioè a soli sette giorni dalla scadenza prestabilita. Quest’anno quindi, si è cercato di mettere le mani avanti e, consci del fatto che le difficoltà di gestione delle nuove dichiarazioni precompilate restano ancora enormi, si è voluto fin da subito rassicurare contribuenti, Caf e commercialisti sui tempi più dilatati per la trasmissione dei documenti.


Tra l’altro, se per una parte è vero che quest’anno le procedure potrebbero risultare un minimo più sperimentate e dunque più agili, dall’altra bisognerà fare i conti con la mole di dati nuovi che i contribuenti si ritroveranno in automatico nelle dichiarazioni, e che dovranno comunque controllare. Ci riferiamo in particolare alle spese sanitarie che, come noto, proprio a partire dalle dichiarazioni di quest’anno saranno anch’esse inserite in automatico dai cervelloni elettronici del fisco. Da notare comunque che per i Caf e per tutti gli altri intermediari fiscali varrà ancora la cosiddetta regola dell'80%: sarà cioè obbligatorio trasmettere questa percentuale di dichiarazioni in ogni caso entro il 7 luglio, per consentire la lavorazione dei modelli 730 all'agenzia delle Entrate, ed evitare il rischio, paventato con  forza l’anno scorso, che possano saltare i rimborsi.

730 precompilato, come integrarlo correttamente


Ma se per la trasmissione delle dichiarazioni scatterà la proroga, la stessa cosa non accadrà per le altre due date che, in tema di 730 precompilato, i contribuenti si sono già segnati con la matita rossa sul calendario. Stiamo parlando innanzitutto di quella fissata per il 15 aprile, giorno a partire dal quale le dichiarazioni predisposte dai tecnici del fisco saranno consultabili dai singoli contribuenti accedendo con le proprie credenziali al sito dell’Agenzia delle entrate. L’altra scadenza rimasta invariata è poi quella del 2 maggio, termine a partire dal quale si potrà cominciare materialmente ad intervenire sulle dichiarazioni precompilate, per integrare, o peggio ove necessario, correggere, i dati inseriti in automatico dal fisco.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

730 precompilato, ecco quando scatteranno i controlli

Le indagini preventive del fisco verranno avviate nel caso si richiedano rimborsi Irpef superiori ai 4mila euro

Unico precompilato, ecco come scaricare il nuovo modello

Dopo il 730, aumenta il numero dei contribuenti che potranno ottenere dal fisco una dichiarazione con i dati già inseriti

730 e Unico precompilato, istruzioni per l'uso

Come funziona la dichiarazione dei redditi con i dati già scritti, che i contribuenti riceveranno dal 15 aprile. Le novità di quest'anno

Perché (per ora) il 730 precompilato è stato un flop

L’anno scorso, secondo i dati del ministero delle Finanze, ben il 95% dei contribuenti ha dovuto rettificare o integrare i dati delle dichiarazioni

Commenti