Perché l'economia italiana preoccupa i big della finanza

Dal Wall Street Journal a Moody's il timore dello sforamento del deficit crea incertezza intorno al Paese. Ecco cosa si rischia

moody's

La sede dell'agenzia Moody's a New York – Credits: ANSA/ANDREW GOMBERT

Ilaria Molinari

-

Non era un voce isolata quella del Wall Street Journal di pochi giorni fa che lanciava un allarme sul rischio tenuta dell'Italia, e non era difficile immaginarlo. Ora è arrivata anche l'agenzia di rating Moody's a prendere tempo e a sospendere il giudizio (rating) sul nostro Paese. Tutto rimandato alla fine di ottobre, fa sapere, quando saranno chiare le stime macroeconomiche nella Nota al Documento di Economia e Finanza, il primo firmato dal governo giallo-verde, che il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, ha annunciato arriverà entro il 27 settembre. Poi a fine ottobre sarà la volta della manovra vera e propria.

Sono mesi che il nostro Paese e le incertezze politiche che lo caratterizzano sono sotto la lente dei grandi investitori, con lo spread che ha raggiunto le scorse settimane i 300 punti (oggi ha toccato quota 262) così come, di conseguenza, i rendimenti dei Btp (2,95%).

Cosa ha detto il Wall Street Journal

Ed è proprio alla luce del Def di settembre e della successiva manovra che, anche secondo il Wall Street Journal, i mercati giudicheranno se dare o meno fiducia al Paese.

Prendendo spunto dall'uscita ufficiale della Grecia dal commissariamento durato 8 anni, in un lungo articolo online il giornale ha puntato il dito sull'Italia come nuovo possibile fronte di una crisi, quella dell'euro, che poteva altrimenti dirsi archiviata. "Le scosse di mercato rivissute la scorsa settimana sul debito italiano e i nuovi attacchi contro l'establishment europeo da parte dei politici a Roma - ha scritto il quotidiano - suggeriscono che lo spettro di una destabilizzante fuga di capitali da un paese della zona euro potrebbe verificarsi di nuovo. Un primo test arriverà questo autunno, quando il nuovo governo populista italiano dovrà presentare la legge di bilancio e spiegare come coprirà le sue costose promesse agli elettori".

Cosa ha detto Moody's

Poco convinta del programma gialloverde e del suo impatto sui conti pubblici, anche Moody's aveva messo l'Italia sotto osservazione già lo scorso 25 maggio, ipotizzando un downgrade dell'attuale rating fissato a Baa2. Ora aspetterà la fine di settembre motivando la decisione con l'esigenza di disporre di una "maggiore chiarezza" sull'andamento dei conti pubblici e sul percorso delle riforme.

Sono il reddito di cittadinanza, la flat tax e la riforma della legge Fornero a costare molto e, se attuate, ad avere un impatto rischioso sulla stabilità finanziaria italiana. I dubbi di Moody's poi, riguardano anche la capacità del governo di proseguire sulla via delle riforme impostata dal 2011 in poi. 

Cosa si rischia

Ciò che sta a cuore ai grandi investitori e ai mercati è che l'Italia non sfori il tetto del 3% del deficit imposto dai parametri di Maastricht come invece più voltre minacciato dai due vicepremier Salvini e Di Maio. E certo non tranquillizza il fatto che il Governo sul tema sia in piena confusione: da una parte il ministro Tria ha negato in Parlamento che ci sia questa intenzione, mentre dall'altra il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, non ha escluso la possibilità con lo scopo di realizzare un grande piano sulle infrastrutture italiane.

Se così fosse secondo le principali banche d'affari - da Jp Morgan a Morgan Stanley - il rischio-Italia diventerebbe altissimo e farebbe schizzare lo spread fino a 470 punti con i rendimenti dei nostri titoli di stato alle stelle e un costo del debito pubblico molto importante.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Spread a 300 punti, 5 cose da sapere

Perché l’aumento dei tassi sui Buoni del Tesoro danneggia lo Stato, le imprese e le famiglie

Spread, perché torna a fare paura

Dopo un leggero sbandamento, i mercati finanziari sono tornati tranquilli. L'Italia però è sotto osservazione per la situazione politica

Da Tito Boeri a Mario Nava, tutti gli uomini (dei conti) nel mirino del governo

Il presidente dell'Inps, un tempo amico di grillini e leghisti, ora è un nemico da abbattere. E non è il solo. Ecco i tecnici invisi ai gialloverdi, da rimpiazzare con "persone di fiducia"

Perché le stime del governo sui conti pubblici non tornano per il ministro Tria

Il numero uno del dicastero dell’Economia punta ad aumentare gli investimenti, ma per farlo ci vorrà un drastico taglio alla spesa già messa in conto

L'Italia deve dire all'Unione Europea cosa fare con i conti pubblici

Il nuovo governo non decolla. Ma per fine aprile Bruxelles vuole le linee programmatiche. E più si attende più la manovra rischia di diventare salata

Come cambiare la legge Fornero senza far saltare i conti dell'Inps

La proposta di Alberto Brambilla di Itinerari previdenziali prevede una maggiore flessibilità all'uscita dal mondo del lavoro dai 64 ai 70 anni di età

Commenti