Euro

L'Europa secondo Jacques Attali: "Le élite politiche sono malate"

Per l'economista amico di Emmanuel Macron (ed ex consigliere di Mitterand e Sarkozy), le classi dirigenti dei partiti sono inadeguate. "Non hanno ascoltato le esigenze della gente". Ma la soluzione non è il vento populista

Jaques Attali

Luca Telese

-

Professor Attali, come legge la crisi dell'ideale di una Europa unita che stiamo vivendo in questa fase storica?
Non sono un politico. Parlo come un intellettuale che studia i fenomeni e prova a interpretarli con i suoi strumenti analitici.

Anche in Francia sembra che tutto ruoti intorno al conflitto tra "popolo" ed "élite"?
Credo che il problema sia lo stesso dappertutto. Ma non parlerei di una crisi delle élite in generale. Non mi sembra la definizione migliore. È un equivoco.

Perché?
Voglio farle un esempio. Lei vede qualcuno che mette in discussione il talento di Ronaldo? Ha sentito qualcuno dare dell'incompetente a Messi?

A dire il vero no.
(Sorriso) Ecco vede? Anche loro sono élites, "la classe dirigente del calcio" in Europa. Ma nessuno si sognerebbe di dire: "Mandateli a casa e al loro posto mettete in campo un incapace preso dalla strada!".

Capisco dove vuole arrivare...
Ciò che voglio dire è: a essere in crisi sono le classi dirigenti, ma solo quelle della politica. E per un motivo ben preciso.

Quale?
Abbiamo globalizzato il mercato senza globalizzare le regole democratiche. La crisi di consensi inizia qui. Da questo squilibrio e da una mancata risposta.

Ma che cosa scatena, secondo lei, il malcontento verso l'Europa?
Di fronte a questa ondata di rabbia le politiche tradizionali degli Stati nazione si sono rivelate troppo fragili o incerte. Abbiamo perso capacità di protezione sociale dei ceti più deboli.

Quindi?
Siamo arrivati di fronte a un bivio, ci sono solo due strade da perseguire: o si riformano e si rafforzano le istituzioni europee...

Oppure?
(Sospiro) ... Oppure il ritorno degli Stati nazionali, agli occhi di una larga fetta di cittadini, sembrerà l'unica via percorribile per salvarsi.

Addirittura.
Oh sì. Ovviamente io sono convinto del contrario. Bisogna salvare gli ideali dell'Europa unita. Ripartire da qui.

Jacques Attali, 75 anni, economista, saggista, decano dei politologi europei, è uno dei più ascoltati intellettuali francesi: ha un cognome italiano e un rapporto stretto con il nostro paese. È stato consigliere di François Mitterrand. Oggi, come spiega in questa intervista, si ritiene "un buon amico" del presidente Emmanuel Macron. Lo intervisto a Roma, dove è venuto a tenere una conferenza a porte chiuse, lo "strategy council", un seminario di analisi organizzato da Deloitte-italia. Ci troviamo a Villa Miani, seduti a un tavolino, in una splendida terrazza rinascimentale, affacciati sul panorama incantato della città, in un albergo immerso nel verde. Attali parla in francese, fa battute in italiano, all'occorrenza interloquisce anche in inglese. Ma il suo cruccio, anche nella "lezione" che tiene agli imprenditori invitati da Deloitte, è il parallelo tra la prima fase della rivoluzione francese e quella attuale: "Nessuno meglio di noi francesi lo sa. Quando sei nel mezzo di una rivoluzione" spiega "devi sapere che in qualsiasi momento il rinnovamento gentile può diventare ghigliottina".

Professore, ripartiamo dallo scenario che ha appena accennato?
Certo: mai, dal dopoguerra a oggi, nelle nostre democrazie ci siamo trovati in una situazione così grave.

Che cosa la preoccupa di più?
L'impotenza della classe politica. Sono le élite della politica a essere contestate. Sono loro che faticano a trovare le nuove risposte. È una crisi dei suoi rappresentanti: i nostri leader vivono in un perenne sentimento di impotenza.

Perché?
(Sorriso amaro). Forse perché le difficoltà sono molto grandi. E forse anche perché loro non sono la prima scelta? I migliori delle ultime generazioni non puntano al Parlamento, ma a fare soldi e affari.

Questa "diserzione" da che cosa è determinata?
Spesso i "competenti" pensano di poter riuscire meglio in altri campi. Il mestiere della politica perde di prestigio, è sempre più esposto ai sentimenti dell'opinione pubblica, si fa vulnerabile.

È un'analisi pessimistica.
Realistica, direi. Il solo luogo politico dove si avverte un potere reale, quello da dove si ha ancora l'impressione di poter determinare le scelte, sono le amministrazioni locali.

È così anche in Italia. E da noi la crisi di rappresentanza delle vecchie classi dirigenti è ancora più forte.
In Francia abbiamo avuto un'anomalia storica rispetto agli altri, che in qualche modo ci ha tutelato di più.

Quale?
Da noi lo Stato ha creato la Nazione, e non il contrario, come da voi.

I patriottismi tedeschi e italiani si sono risvegliati solo grazie al Romanticismo.
Noi abbiamo avuto la monarchia, la rivoluzione e la Repubblica. Ma i problemi arrivano anche in Francia, e sono gli stessi che da voi.

Per esempio?
Se le imprese non stanno bene se ne vanno e delocalizzano. Se licenziano, chi perde il lavoro non ne trova uno nuovo se la concorrenza a basso costo diventa pervasiva... è ovvio che su tutta l'Europa si abbatta la grande tentazione. Quella del ritorno al protezionismo.

Cosa pensa dei populismi?
In Italia avete ne due diversi, in competizione tra di loro. Noi ne abbiamo addirittura due contrapposti: uno di destra e uno di sinistra.

Che cosa pensa di Matteo Salvini e di Marine Le Pen?
In sintesi? Sono molto abili, tenaci, cinici e pericolosi.

Lei li considera pericolosi?
Sì, perché offrono risposte semplificate e spesso irrealizzabili. Perché hanno trasformato l'Europa in un bersaglio. Perché lavorano sul malcontento pensando di cavalcarlo.

Però questo sentimento esiste.
Ovvio. Sono inquietanti le conseguenze della messa in discussione della classe politica. E poi la strana idea che se si perde fiducia nei "competenti" si arriva all'assurdo di considerare l'incompetenza una virtù. È in questa fase che il populismo diventa pericoloso. La rivoluzione francese è iniziata con la messa in discussione di una classe dirigente ed è arrivata alle decapitazioni.

Noi a che punto siamo?
Al primo segnale di allarme: l'apologia dell'ignoranza.

Anche le élite possono suicidarsi...
Oh, certo. Ma l'anti-elitismo elevato a regola è sempre un azzeramento delle intelligenze. Può diventare una ghigliottina metaforica. Vorrei che si evitasse questo scenario.

Cosa pensa degli eurocrati?
Non li amo. Ma so che le istituzioni, che restano, ci proteggono dai rischi meglio dai governanti, che passano.

La sinistra subisce la crisi più della destra?
Sì, perché non riesce a rispondere alla prima domanda: quale deve essere il suo progetto?

Per lungo tempo la risposta è stata implicita: il progetto è il governo.
Temo che non funzioni così, nemmeno se sei al governo. Ma quando perdi, se non c'è un progetto forte che si inscrive in un quadro di garanzia sociale, la sinistra non ha molto da dire.

È già accaduto?
Certo. Nel 1971, in Francia, la gauche era nella stessa condizione. Divisa, disorganizzata, senza idee. Quattro anni dopo Mitterrand l'aveva rimessa in piedi.

Le elezioni per l'europarlamento di marzo sono le più importanti della storia.
Bisogna evitare che in questo voto prevalga un sentimento anti-europeo.

Per un valore astratto?
No, per un pericolo concreto. Gli Stati Uniti pensano ai loro interessi, la Cina diventa superpotenza capace di una politica egemonica, noi senza l'Europa siamo soli. Nous sommes seuls!

Ma quali sono i valori che lei vuole difendere?
La democrazia. Siamo la parte più antica, piu colta, forse più bella, più ricca e più disarmata del mondo.

Perché dice questo?
Se vogliamo tutelare questo patrimonio dobbiamo costruire una politica comune di difesa europea, e tutelare insieme le nostre frontiere.

Perché non emerge un leader che sposi questo valori?
(Sospiro e sorriso). Non lo so. Me lo sto chiedendo. L'Europa è considerata la causa dei problemi e non la soluzione.

Ha simpatia per Macron?
Non prendo parte nella politica. Sono un suo amico. E spero, questo sì, che possa avviare una "rivoluzione positiva" a tutela di questi valori.

Corbyn ha appena chiuso il congresso del Labour.
È positivo che abbia messo al centro della sua azione l'idea della giustizia sociale.

Qual è il primo valore che lei vorrebbe tutelare?
L'interesse delle generazioni future. E le politiche ecologiche di lungo termine, lo stato sociale, le politiche educative.

È già un programma di governo.
(Sospiro) Non credo di essere bravo a raccogliere consensi. Ma sogno una Europa che diventi l'avanguardia di un progetto di economia sostenibile. Sono certo che fin quando i mercati resteranno più forti della democrazia perderemo tutti. 


(Articolo pubblicato nel n° 42 di Panorama in edicola dal 4 ottobre 2018 con il titolo "Le élite politiche sono malate")

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Europa, cosa dice il fronte dei progressisti contro i sovranisti

I leader europeisti si uniscono a otto mesi dal voto per il Parlamento dell'Unione e lanciano il loro appello: "Risvegliamo l'Europa!"

Viaggio (teorico) al termine del populismo

Cosa resterà, in Europa, quando il delicato rapporto attuale tra popolo e potere si troverà a dover cambiare i suoi connotati?

La necessità dei partiti di reinventarsi per sopravvivere al populismo

La crisi degli ultimi 90 giorni ha mostrato il dominio di M5S e Lega e gli altri si devono adeguare. Così da destra a sinistra i partiti cercano nuove forme e pratiche per non sparire

7 motivi per cui in Italia ha vinto il populismo

Dalle ragioni economiche a quelle politiche alla tendenza delle classi dirigenti ad assecondare le forze anti sistema per addomesticarle

Commenti