Euro

Capitali in fuga dall'Italia

Gli investitori stranieri hanno portato via 78 miliardi di euro in due mesi. Colpa (quasi sicuramente) dell’incertezza politica

BANCA D'ITALIA

Andrea Telara

-

Oltre 78 miliardi di euro in due soli mesi. Fa impressione il valore dei capitali stranieri che sono usciti dal nostro Paese a maggio e giugno 2018, secondo i dati della bilancia dei pagamenti riportati dalla Banca d’Italia. La colpa, quasi di sicuro, è delle incertezze politiche dopo le elezioni di marzo e i timori, poi rientrati, che il nuovo governo potesse  subito portarci fuori dall’Eurozona. 

Dei 78 miliardi di capitali in fuga dall’Italia, infatti, oltre 58 sono  rappresentati da vendite di titoli del nostro debito pubblico, cioè di Buoni del Tesoro. Più di 10 miliardi sono invece rappresentati da dismissioni di obbligazioni delle banche. Meno pesante il bilancio dei cosiddetti investimenti diretti esteri, cioè quelli di carattere produttivo e industriale, fatti dalle aziende straniere. 

Peggio che nel passato

A maggio sono aumentati di 2 miliardi di euro ma a giugno sono diminuiti di oltre 4 miliardi di euro. Il che è indubbiamente una cattiva notizia perché questo genere di investimenti, che già di per sé non abbondano in Italia, di solito sono meno volatili di quelli finanziari e più resistenti di fronte alle turbolenze dei mercati. 

Certo, non è la prima volta che gli investitori esteri se la danno a gambe in periodi di turbolenze politiche. Lo ha messo in evidenza la ricercatrice Silvia Merler su le pagine de Lavoce.info, facendo notare che nel dicembre 2016, dopo la vittoria dei no al referendum costituzionale, uscirono dall’Italia oltre 33 miliardi di euro di capitali. 

Nel 2011-2012, durante la fase più acuta della crisi di Eurolandia, il valore dei capitali in fuga superò addirittura i 160 miliardi di euro.  Tale cifra, però, fu toccata nell’arco di ben 2 anni di tempo. Prima dell’estate 2018, invece, sono bastati due mesi per superare la metà dei flussi negativi del biennio 2011-2012. C’è dunque da augurarsi che questo trend subisca un’inversione nei mesi a venire. Altrimenti, la fuga di capitali può essere considerata davvero preoccupante. 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Btp sopra il 3%, rischi e opportunità per i risparmiatori

I tassi dei Buoni del Tesoro sono in rialzo e un po’ più allettanti di prima. Ma nascondono insidie per gli investitori

Btp: perché il governo punta a un incentivo per i risparmiatori

La Lega sta pensando ai conti individuali di risparmio, scatole fiscali per spingere gli italiani a sostenere il debito pubblico

Btp in forte rialzo: perché l'Italia fa paura all'Europa

A preoccupare è la tenuta dei conti pubblici, in vista della manovra d'autunno, e il pronunciamento delle agenzie di rating

Fine del Quantitative Easing: l'effetto sui Btp

Quando la Bce terminerà gli acquisti sul mercato, saranno banche e fondi a comprare i nostri titoli di Stato. Ecco gli scenari secondo gli esperti

Perché i rendimenti dei Btp sono tornati a salire

Dopo la sentenza della Consulta sull'Italicum gli investitori temono elezioni anticipate. E il rendimento del decennale italiano torna sopra il 2%

Bankitalia: la difesa di Visco, spiegata bene

Il governatore ha tessuto le lodi della sua authority nella commissione d’inchiesta sulle banche. Il crack di molti istituti è anche colpa della crisi economica

Banca Etruria e Popolare di Vicenza, perché Bankitalia è tornata nel mirino

L’authority guidata da Ignazio Visco è accusata di aver erroneamente caldeggiato la fusione tra l’istituto toscano e quello veneto

Terrorismo: l'allarme di Bankitalia sui conti sospetti

I vertici della banca centrale hanno rilevato anomali trasferimenti su deposti in istituti italiani. Così si finanzia il terrorismo in Europa

Commenti