La Bce taglia i tassi allo 0,05% e le Borse sorridono

Il consistente taglio effettuato dalla Banca centrale fa ripartire le Borse internazionali

Mario Draghi, presidente Bce – Credits: Daniele Scudieri / Imagoeconomica

Il direttivo della Bce ha portato allo 0,05% dallo 0,15% il tasso di riferimento. Immediata reazione delle Borse: Piazza Affari sale dell'1,4%, Parigi dell'1,1%, Francoforte dello 0,4%, Madrid dello 0,97% così come Lisbona.

Nel suo discorso Draghi ha spiegato che la Bce avvirà a partire da ottobre un piano di acquisto di titoli Abs "semplici e trasparenti" e di obbligazioni garantite secondo il piano del Quantitative Easing da cui prevede un "impatto decisivo" sul suo bilancio e cioè sulla posizione complessiva della politica monetaria.
Ha poi aggiunto che "se necessario" la Bce sarà pronta a fare ricorso a strumenti non convenzionali.

Leggi anche: a cosa serve il Quantitative Easing e perché non basta

La decisione di tagliare i tassi di interesse e avviare un programma di acquisto di titoli "non è stata unanime" facendo intendere la presenza di conflitti interni all'Europa. Ma il presidente Bce ha aggiunto: "il ritmo di crescita dell'area euro si è "indebolito" a fronte di dinamiche monetarie e del credito che restano sotto tono" aggiungendo che si tratta di un andamento "inferiore alle attese".

© Riproduzione Riservata

Commenti