Economia

Debito pubblico, come ridurlo

Soltanto la crescita economica può alleviare il peso dell’indebitamento stratosferico dell’Italia. Ecco perché

Btp_debito  Pubblico

Andrea Telara

-

“Nella prossima legislatura, puntiamo alla riduzione del debito”. Parola del presidente del consiglio, Paolo Gentiloni, che è intervenuto all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Luiss Guido Carli. Ma come si fa a ridurre il debito pubblico italiano, che è uno degli argomenti più dibattuti nella campagna elettorale per le elezioni politiche italiane?

Il debito/pil

Di ricette miracolose non ce ne sono e  la strada da percorrere appare oggi una sola: riportare la crescita economica reale stabilmente sopra il 2% annuo e tenere nello stesso tempo sotto controllo il deficit. Quando si parla di riduzione del debito, infatti, di solito non si fa riferimento al valore assoluto dell’indebitamento italiano, che ha raggiunto ormai cifra monstre di circa 2.280 miliardi di euro ed è difficilmente abbattibile. Si fa riferimento piuttosto alla necessità di far calare il rapporto tra il debito e il pil (prodotto interno lordo), cioè la ricchezza nazionale.

Quanto più questo indicatore è contenuto, maggiore è la probabilità di un paese di onorare i propri impegni finanziari senza problemi, cioè rimborsare tutti i titoli di stato alla regolare scadenza. Per far calare il rapporto debito/pil, che in Italia è oggi attorno al 130%, si può agire su due fronti. Innanzitutto si può intervenire sul numeratore, tenendo a bada il deficit, cioè facendo aumentare di poco ogni anno il valore assoluto del debito. Oppure si può agire sul denominatore, cioè far crescere il pil in maniera più sostenuta.

La logica del Fiscal Compact

Questa è la logica che sta alla base anche del tanto vituperato Fiscal Compact, il trattato europeo firmato nel 2012 che impone a tutti i paesi dell’Unione Monetaria di riportare il loro rapporto debito/pil al 60% nell’arco di 20 anni. Il Fiscal Compact fa però riferimento al valore del pil nominale su cui influisce, oltre alla crescita economica reale, anche l’inflazione (il valore assoluto del prodotto interno lordo sale infatti ogni anno anche per effetto dell’aumento dei prezzi).

Dunque, nel caso di una crescita economica reale del 2% annuo e di un’inflazione del 2%, il valore nominale del pil sale di circa il 4% ogni 12 mesi. Se si avvera questo scenario, basta tenere il deficit annuo sotto l’1% del pil, per veder scendere il rapporto tra debito e prodotto interno lordo di circa 3 punti percentuali ogni 12 mesi. Crescita economica sopra il 2%, un po’ di inflazione e deficit sotto controllo: ecco il mix di fattori che serve davvero per ridurre il peso del gigantesco debito pubblico italiano.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Debito pubblico: perché il rating è ancora un problema

Le agenzie hanno confermato il giudizio, che però resta a un passo da "spazzatura": al prossimo taglio saremo fuori da gran parte del mercato obbligazionario

Debito pubblico, ecco quanto vale e perché continua a crescere

Secondo gli ultimi dati di Bankitalia ammonta a 2.300 miliardi e le mancate privatizzazioni non lo stanno facendo diminuire

I rischi del deficit oltre il 3%

La campagna elettorale italiana si riscalda attorno ai vincoli di bilancio europei. Ma non rispettarli è un salto nel buio

Moscovici e il deficit italiano: i motivi della preoccupazione

Il Commissario Ue agli Affari economici giudica un "controsenso" la proposta del M5S di superare il deficit al 3%. Un'ingerenza che teme l'instabilità

Debito e deficit, perché l'Europa ci chiede 3,4 miliardi

Bruxelles pretende che l'Italia faccia un'altra manovrina dello 0,2% del pil. Colpa del nostro indebitamento troppo alto, più che del disavanzo

Moscovici: la Ue deve accogliere le richieste italiane sul deficit e le banche

Il commissario agli affari economici ribadisce anche il sostegno a Renzi: "per evitare il rischio dei populismi"

Deficit depurativo nel mirino dell'Ue, costerà 476 milioni di euro l'anno dal 2016

Varoufakis: "La Grecia non presenterà mai più un bilancio in deficit"

Tsipras: troveremo un accordo nella cornice delle regole dell'Unione. Ottimismo da parte del premier greco dopo il giro di incontri con Juncker e Tusk

Commenti