Aziende

Italo agli americani, così Montezemolo ha fatto un affare

Oltre alla vendita delle azioni, i soci dell’azienda ferroviaria otterranno anche dividendi per 30 milioni di euro

NTV: MONTEZEMOLO, SI APRE PERIODO DI SCELTA PER CITTADINI

Giuseppe Cordasco

-

Alla notizia dell’acquisizione del 100% di Italo–Ntv da parte del fondo americano Global Infrastructure Partners (Gip), sono subito partite le analisi di mercato per stabilire per chi l’operazione da 1,98 miliardi sia stata davvero un affare.

E allora non c’è dubbio che in cima alla lista ci siano gli azionisti dell’azienda ferroviaria privata italiana fondata a Roma nel 2006. Un azionariato molto diversificato che, a fianco di grandi investitori, vede la presenza di numerosi personaggi, alcuni dei quali anche noti al grande pubblico, come ad esempio l’attuale presidente di Italo, Luca di Montezemolo.

E allora vediamo di conoscerlo meglio questo parterre di azionisti e di capire quali vantaggi siano riusciti a spuntare grazie a questa operazione di vendita.

Dalle banche ai personaggi

Scorrendo l’elenco degli azionisti di Italo si scopre che il pacchetto più consistente di quote è in mano a una banca, ovvero Intesa San Paolo con il 18,81%. E se rimaniamo nell’ambito di grandi soci aziendali, a seguire abbiamo la Holding delle Generali con il 14,31% e Peninsula Capital con 12,59%.

Ma, come già accennato, nel capitale azionario di Ntv c’è la presenza, molto consistente, di numerosi soci personali. Il primo della lista è sicuramente Diego Della Valle, secondo azionista assoluto della società, che detiene il 17,14% della società.

A seguire, il già ricordato Luca di Montezemolo con il 12,71% che, oltre ad essere presidente di Italo, è anche uno dei suoi fondatori insieme proprio al citato Della Valle.

Vale la pena poi menzionare altri due soggetti: Carlo Punzo, che possiede il 7,85% dell’azienda ed è anch’egli uno dei suoi fondatori, e Flavio Cattaneo, che oltre a detenere il 5,83% di Italo, ne è attualmente l’amministratore delegato.

Le condizioni di vendita

Il passaggio di mano di Italo, dagli azionisti sopra elencati a Gip, avverrà, come già ricordato, per una somma pari a circa 1,98 miliardi. Non stiamo parlando però di liquidità che andrà tutta nelle tasche dei precedenti proprietari.

In questa somma infatti è compresa anche la copertura dei circa 450 milioni di debiti in capo ad Italo e i 10 milioni che dovranno essere versati alla Consob come penale per l’interruzione della procedura di quotazione che era stata avviata ormai da tempo.

Per il resto però, si tratta di un investimento che andrà a retribuire in maniera quanto mai adeguata i soci di una società che, bisogna sottolinearlo, dopo periodi decisamente foschi, si era avviata sui binari, e mai metafora fu più azzeccata, del profitto.

Basti ricordare che se nel 2015 la società aveva chiuso il suo primo bilancio in pareggio, il 2016 aveva visto il primo utile di qualche decina di milioni di euro. Un giocattolo che dunque cominciava a funzionare davvero bene.

I motivi del sì

A spingere gli azionisti ad accogliere la proposta di Gip sono stati una serie di fattori di carattere, ovviamente, strettamente economico-finanziario. Innanzitutto, l’introito ottenuto con la cessione dell’azienda al fondo americano, è pari circa a 20 volte l’attuale Ebitda dell’azienda, ossia la sua redditività senza tener conto delle imposte.

Un valore questo che, tra l’altro, secondo i consulenti finanziari di Italo, sarebbe stato raggiunto con la quotazione soltanto dopo due anni, nella migliore delle ipotesi ovviamente. Inoltre, c’è da aggiungere che, come stabilito dallo stesso Cda della società, i soci attuali potranno anche ottenere un dividendo di 30 milioni di euro.

Insomma, uno scenario complessivo che ha contribuito a convincere un Cda, che fino all’ultimo ha lasciato aperta la possibilità della quotazione in Borsa. Alla fine però ha prevalso l’offerta americana, e ora per Italo, e per i suoi vecchi soci, comincia una nuova storia.

Una montagna di milioni

E per ricominciare nuove avventure imprenditoriali, gli ormai ex soci di Italo, potranno contare su capitali aggiuntivi di tutto riguardo. Considerando infatti la rispettiva quota di partecipazione, queste di seguito sono gli introiti che Montezemolo e soci hanno realizzato grazie alla vendita a Gip: Intesa Sanpaolo 376 milioni di euro, Diego della Valle 343 milioni, il gruppo Generali 286 milioni, Luca di Montezemolo 254 milioni, il fondo Peninsula 252 milioni, Gianni Punzo 157 milioni, Flavio Cattaneo 116 milioni, Isabella Seragnoli col 5,72% 114 milioni e Alberto Bombassei col 4,77% 95 milioni.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ferrovie, perché si potrebbe investire di più in manutenzione

Oggi si spendono 4,1 miliardi di euro, un po’ più dei 2,7 del 2012, ma meno dei circa 6 miliardi di qualche anno fa

Così Ferrovie dello Stato vuole potenziare il trasporto locale

L'amministratore delegato delle Ferrovie, Renato Mazzoncini, promette: "Nuovi treni e abbonamento unico per cambiare la vita dei pendolari"

Privatizzazioni: i piani su Cdp, Poste e Ferrovie

Il ministro Padoan insiste con il suo programma di dismissioni che nelle intenzioni dovrebbe rilanciare il Paese e non solo tamponare il nostro debito

Frecciarossa 1000: il treno super-veloce

Top della tecnologia a 350 km/h. Dal 14 giugno entrerà in servizio per i no-stop Milano-Roma che da dicembre si farà in 2 ore e 20 minuti

Milano-Roma: Alitalia e Frecciarossa rischiano di perdere la sfida

Sulla tratta più trafficata di Italia si accende la battaglia a quattro con Easyjet e Italo

Frecciarossa-Italo: alta rivalità treno contro treno

Lo scambio di accuse sulle stazioni Ostiense e Tiburtina è l’ultimo atto di ostilità tra Fs e Ntv. Perché la concorrenza tra Frecciarossa e Italo è partita con fair play ma è subito diventata una sfida all’ultimo sangue. Tra due manager che non si sono mai amati

Commenti