Cultura

Salone del Mobile e Design Fashion Week, 10 cose da non perdere

Gli appuntamenti, le novità e gli eventi in programma fino al 22 aprile a Milano

salone del mobile milano

Eleonora Lorusso

-

E' arrivato all'edizione numero 57 il Salone del Mobile, che fino al 22 aprile trasforma Milano nella città del design. Sono 5 le manifestazioni che si svolgono contemporaneamente alla Fiera di Rho, legate al settore dell'arredamento, alle quali si aggiungono 1.200 tra eventi, installazioni, party che ruotano attorno al Fuorisalone, ovvero il ricchissimo cartellone che coinvolge la città nei quartieri storici del design: Tortona Design Week, Rainbow District, Zona Santambrogio, Lambrate District, Ventura Future e Centrale, Porta Venezia in Design, Bovisa Design District, MonteNapoleone Design Experience, 5vie Art + Design, Brera Design District e Isola Design District

Sono 400.000 i visitatori attesi, tra addetti ai lavori e non, attratti dalle novità e dal filone green e sostenibile, rappresentato dall'installazione che campeggia nel cuore della città. Si tratta di "Living Nature, la natura dell'abitare".

Ecco di cosa si tratta e cosa non perdere della 57esima edizione della Milano Design Week.

1) Il Salone internazionale del Mobile

E' l'appuntamento classico e impedibile per gli addetti del settore e per gli appassionati di design e dell'architettura in genere. Ad affiancarlo, infatti, ci sono il Salone Internazionale del Complemento d'Arredo (che comprende le sezioni Design, xLux e Classico, differenziate per stile), il Salone Satellite (dedicato agli under 35 emergenti e che come tema quest'anno ha "Africa/America Latina: Rising Design – Design Emergente”) e le biennali EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno.

Ma ad attrarre il grande pubblico sono soprattutto gli eventi del Fuorisalone, che per sei giorni anima le vie della città di Milano.

2) Il Fuorisalone: Living Nature

La parola d'ordine del Fuorisalone 2018 è sempre più "sostenibilità". Non a caso a campeggiare in piazza del Duomo, cuore di Milano, è l'installazione "Living Nature, la natura dell'abitare". Si tratta di una maxi-serra di 500 mq, concepita con criteri di risparmio energetico, dove sono riprodotti i quattro microcosmi naturali e climatici delle quattro stagioni dell’anno: primavera, estate, autunno e inverno.

I visitatori possono attraversare le quattro aree, vivendo l'emozione dei cambiamenti climatici, tra 23 specie diverse di alberi. Ideata da Carlo Ratti, l'installazione ha una climatizzazione resa possibile dall’uso di celle fotovoltaiche e accumulatori energetici, dunque pienamente sostenibile.

3) Il "Vegan design"

Un'altra novità è rappresentata dall'arte vegana di Erez Nevi Pana, che trova spazio  "Vegan Design", che risponde alla domanda crescente di impiego di materie non di origine animale. Il designer israeliano, nato nel 1983 e formatosi all’Accademia di Eindhoven, dimostra  - da vegano quale lui stesso è - che è possibile creare spazi abitativi e progetti, nel rispetto di tutte le forme di vita animale e della natura. L'arte di Pana è in mostra con il progetto “VEGAN DESIGN - Or the Art of Reduction”, curato da Maria Cristina Didero, nel distretto 5VIE Design.

4) La Notte Bianca in Brera e lo Street Food

Un altro appuntamento gettonatissimo è quello con la Brera Design Night, la Notte Bianca del design, venerdì 20 aprile. Il tema scelto quest'anno come filo conduttore è "Be Human: progettare con empatia". Si svolge all'interno del Brera Design District e l'elemento che accomuna tutti gli eventi e le manifestazioni è l'esigenza di progettare pensando agli utenti finali.

Numerosissimi negozi e showroom rimarranno dunque aperti fino a tardi (la maggior parte non prima delle 23), arricchendo l'offerta con iniziative speciali.

Dai negozi al cibo, non potevano mancare eventi legati all'enogastronomia, in questo caso presso l’ex convento di via San Vittore 49, dove apecar, mezzi vintage e furgoncini su due ruote permettono di assaporare lo street food, coniugando il classico gusto italiano con quello internazionale, in una cornice di design di tutto rispetto.

5) Apertura serale del Cenacolo di Leonardo da Vinci

Il Fuorisalone coinvolge la città in tutte le sue offerte, compresa quella culturale. Ecco, allora, le aperture straordinarie del Cenacolo Da Vinci. Per tutta la durata della Design Week milanese sarà visitabile ogni sera dalle 19 alle 22, seguendo il tema Never Stop Looking Beyond, "un invito a guardare oltre, come faceva Leonardo", come spiegato dagli organizzatori.

6) L'ex spazio Meazza

Un'altra novità è poi rappresentata dall'ex spazio Meazza, che rivive di nuova vita in occasione del Fuorisalone. La ex ferramenta del dopoguerra, vero luogo simbolico della Milano che fu, è trasformata oggi in un polo della creatività, dopo due anni di chiusura.

Il Meazza, più che una semplice negozio, rappresentava un ritrovo per i milanesi. In occasione del Fuorisalone ospita diversi eventi, tra i quali una mostra di Nanda Vigo. L'appuntamento è nel Distretto 5VIE Design, che tra l'altro organizza, per mercoledì 18 aprile, il Design Pride con festa fino a notte fonda in piazza Affari, sede della Borsa di Milano.

7) I palazzi storici aperti al design

Altra iniziativa di sicuro successo è quella che riguarda diverse sedi storiche, come Palazzo Litta e Palazzo Francesco Turati. Nel primo è ospitato il design contemporaneo con The Litta Variations / 4th movement, un progetto curato da DAMN° e MoscaPartners, ispirato alle pratiche utilizzate in ambito musicale. Nel secondo trova spazio invece Masterly - The Dutch in Milano, una evento dedicato al design e all’alto artigianato olandese.

8) Un salotto di Lego

Per le famiglie e in genere per gli appassionati dei "mattoncini" più famosi al mondo in Piazza San Babila è ospitato il primo salotto interamente costruito con i Lego. Realizzato da Lego Certified Store, è opera di Riccardo Zagelmi, l’unico artista italiano Lego certified Professional, che ha impiegato 30 mila mattoncini per ricostruire quadri, tavolino e poltrone d’autore, dove sarà possibile mettersi in posa per indimenticabili selfie, con tanto di barba, occhiali, bocca e cravatta a disposizione del pubblico, tutti realizzati rigorosamente con pezzettini di Lego.

9) Soundscape, il vetro che suona

Dai giochi alla musica, che si fa design nel Distretto Ventura-Centrale, in via Ferrante Aporti. Qui sorge "Soundscape, il vetro che suona", una suggestiva installazione opera dell'architetto giapponese Motosuke Mandai per Agc. 

Grazie a uno strato speciale intermedio nel vetro, in grado di attenuare la risonanza caratteristica di questo materiale, è stata realizzata un'installazione con una materia che innovativa e di ultimissima generazione che riproduce suoni puliti in una vasta gamma di frequenze.

10) Il Teatro dell'aria

Sono sette i luoghi in città che ospitano invece questo progetto originalissimo. Si tratta di lezioni di respiro con maestri dello yoga e live painting di opere pittoriche che puliscono l'aria. Gli eventi, che si svolgono in una delle città che soffre maggiormente di problemi di inquinamento, assume dunque un significato nuovo. L'iniziativa è organizzata da Airlite, start up che produce vernice per ambienti interni ed esterni in grado di abbattere i liveli di polveri sottili e agenti inquinanti.

E' possibile seguire le breathing lessons (gratuite e aperte a tutti) presso il Garage Italia Customs, il Giardino del Wwf, Copernico Tortona 33, Charme & Cheveux di via della Spiga, UpTown in Piazza Castello, la Triennale di Milano e allo showroom MeetLab di via del Carmine 9, secondo il calendario consultabile online.

I numeri

Sono 2.000 gli espositori presenti al polo fieristico di Rho-Pero, il 22% dei quali è straniero, soprattutto per la sezione Technology For Kitchen. Oltre 205 mila i metri quadrati espositivi, visitabili agli addetti ai lavori dalle 9.30 alle 18.30. L'apertura al pubblico è prevista per le giornate di sabato e domenica.

Per garantire la sicurezza a Rho sono stati mobilitati sono 300 tra poliziotti e carabinieri, 800 invece sono quelli impegnati nei servizi d'ordine in città per il Fuorisalone.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

LightHenge: l'energia del futuro a Milano

Edison e Stefano Boeri hanno realizzato alla Design Week 2018 un'installazione di luci e suoni che rende scenografica e condivisa l'idea di energia urbana sostenibile

Salone del mobile, in mostra la tecnologia che stravolge le abitudini

Un'esibizione in programma da Base Milano racconta le mutazioni urbane scatenate da Airbnb, sharing economy e altri nuovi fenomeni di massa

Design economy, che cos'è e perché è così importante per l'Italia

Con 29mila imprese attive nel settore il nostro paese è primo tra le grandi economie europee. La fotografia nel Rapporto di Symbola

Le feste vip della settimana: speciale Milano Design Week

In occasione del Salone del Mobile la città si prepara a ospitare eventi, performance e installazioni

Commenti