La resistenza del maschio di Elisabetta Bucciarelli
Libri

'La resistenza del maschio' di Elisabetta Bucciarelli. La recensione

Leggerete di quel principe azzurro che non si riesce a toccare e di una nuova forma di lussuria

Un libro in due tempi. Con tanti personaggi le cui vite inesorabilmente si incrociano quando non si accavallano. E a conclusione del tutto verrebbe quasi da dire “destino beffardo”.
La resistenza del maschio (NNE) è il nuovo libro di Elisabetta Bucciarelli. Che non avevo mai letto, me ne pento. Sopperirò.

L’Uomo e sua Moglie da una parte. Chiara, Silvia e Marta dall’altra.

Notte, strada.
L’Uomo in macchina ripete meccanicamente come un mantra le altezze delle torri, le lunghezze e le larghezze e le proporzioni per avere il giusto ordine. Professore all’università ha una vita cadenzata da appuntamenti convegni e lezioni, dal poco tempo da dedicare alla casa, dall’assenza totale di tempo per un figlio.
Un incidente lo coinvolge l’Uomo mentre sta per rientrare a casa. La vittima una donna, Effe. L’Uomo diventerà per lei Emme. E inizia l’inseguimento dei sessi. O forse solo la ricerca di un punto di incontro.

Studio medico, sala d’attesa.
Un pomeriggio interminabile per essere visitate. Ore di chiacchiere tra sconosciute che si aprono man mano alle altre. Si schiudono e iniziano a conoscersi. Storie di donne e dei loro uomini, storie di tradimenti, di caffè che non si riescono a prendere, poi di nuovi incontri con uomini che fanno resistenza. Rincorse e nuovi inizi.

Le donne si innamorano perché vengono scelte. A volte unicamente della quantità di amore che un uomo riesce a dimostrare.

La storia della Bucciarelli segue un lungo arco di tempo della vita dell’Uomo mentre racconta un solo pomeriggio in cui le tre donne sono obbligate a stare in quella sala d’attesa.
Coinvolgono le scene che si alternano, sconvolgono le coincidente del caso. Ci si ferma solo quando, trattenendo il fiato, arriva la verità di Nietzsche:
Ciò che è decisivo si compie nonostante tutto.

Intuiamo la resa dell’Uomo che sa bene che ogni cosa deve seguire il suo corso, anche a distanza di molti anni.

La chicca.
La colonna sonora che costruisce i dialoghi.

La resistenza del maschio
di Elisabetta Bucciarelli
NNE, 2015
(240 pagine)
Compra il libro

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti