Rita Fenini

-

Città con una lunga storia nella produzione delle arti plastiche, Pietrasanta ospita la mostra “Material Matters. A Sculpture Show”, che con un titolo che è anche un gioco di parole - “La materia conta”, ma anche “Le questioni rilevanti” – pone l’accento sui materiali usati per la realizzazione delle sculture e su ciò che è importante, o sostanziale (material), nelle sculture stesse. Ad esporre, quattro scultori di caratura internazionale - Peter Simon Mühlhäußer, Alex Rane, Bruno Walpoth e Jiannan Wu - provenienti da quattro nazioni diverse e attivi su tre continenti

LEGGI ANCHE: Giuseppe Carta in mostra a Pietrasanta

Le date

La mostra "Material Matters. A Sculpture Show" sarà visitabile dal 18 giugno al 14 luglio 2017 nei seguenti giorni e orari: da lunedì a giovedì, h. 18 - 23 | da venerdì a domenica,  h. 10.30 - 12.30 e 18 - 24

Dove

Ad ospitare la mostra, Accesso Galleria - Via del Marzocco 68-70, Pietrasanta

Perchè è interessante

Le opere esposte sono legate tra loro sia dal figurativismo dei soggetti rappresentati sia dall’intrinseca contemporaneità che le caratterizza. Differiscono, invece, per i materiali: nella fase di ideazione del progetto espositivo si sono infatti voluti prediligere artisti che usassero materie diverse,  talvolta tradizionali – come il marmo, il legno e il bronzo – talvolta più contemporanee – come la schiuma sintetica, il cartone e la resina. 

Chi sono gli artisti

Bruno Walpoth (1959, Bressanone. Vive e lavora a Ortisei) combina l’educazione ricevuta negli studi di Ortisei e i loro 400 anni di storia della scultura del legno con le tecniche e le forme della scultura contemporanea apprese all’Accademia Der Bildende Künste di Monaco di Baviera. Nei suoi lavori, più che raccontare una storia tramite le sue opere, mira a catturare un momento di isolamento ed introspezione.

Peter Simon Mühlhäußer (1982, Bad Boll, Germania, dove vive e lavora) studia come tagliapietre alla scuola per scultori “Johannes Steinhäuser” a Lasa, Trentino Alto Adige, fino al 2007. Nel 2009 riceve il Master of Fine Arts presso la New York Academy of Art. Nelle sue opere, in cui il corpo è protagonista, l’estetica del bello lascia il posto all’estetica del dubbio, del brutto e dell’indagine psicologica.

Alex Rane (1986, New York City, USA. Vive e lavora a Carrara) si diploma in Belle Arti presso il Lyme College of Fine Arts nel Connecticut. Tramite un lavoro rigorosamente manuale e traendo ispirazione da filosofie moderne mescolate a una personale visione della spiritualità, Rane produce opere che sono manifestazione tangibile della psiche umana e del lavoro artigianale.

Jiannan Wu (1990, Dalian, Cina. Vive e lavora a New York City) si diploma nel 2014 all’Accademia Cinese d’Arte di Hangzhou. Si sposta poi negli Stati Uniti per studiare alla New York Academy of Art e completa il suo Master in Belle Arti nel 2016. Lavorando sia con la scultura che con il disegno Wu è interessato alla relazione tra bidimensionalità e tridimensionalità, più precisamente alla prospettiva all’interno delle sue sculture. I soggetti di Wu tendono ad essere osservazioni sulla vita di tutti i giorni

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Francesco Barbieri al Museo Piaggio di Pontedera

Dal 10 giugno all’8 luglio 2017 in mostra "La città industriale immaginata", momento conclusivo del progetto Cantieri d’arte 2017

Gianfranco Meggiato - Il Giardino delle Muse silenti

Dal 10 giugno al 1° ottobre 2017, gli spazi espositivi di Catanzaro ospitano il progetto "site specific" dello scultore veneziano

Al Jardín de Cactus il Premio Scarpa per il Giardino

Il Jardín de Cactus, sull'isola spagnola di Lanzarote, si aggiudica l'annuale edizione del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino promosso dalla Fondazione Benetton

Commenti