Rita Fenini

-

Dopo la personale del 2006, Fernando Botero torna a Milano, alla Galleria Tega, con una mostra che comprende un nucleo di nature morte e una serie di dipinti realizzati negli ultimi vent’anni con i temi a lui più cari: dal circo ai nudi, dalla raffigurazione del potere a quella della famiglia, unitamente a un gruppo di opere su carta e di sculture in bronzo. Nato a Medellin, in Colombia, nel 1932, Botero è certamente uno degli artisti più famosi e popolari al mondo. La sua attività si divide in ben quattro studi – New York, Montecarlo, Pietrasanta e in Colombia - dove continua a produrre la sua inconfondibile pittura. Apolide, eppure legato alla cultura della sua terra, Botero ha anticipato di diversi decenni l’attuale visione globale di un’arte senza più steccati né confini: lo si può leggere ed apprezzare in qualsiasi luogo e in qualsiasi tempo, se ne apprezza il continuo richiamo alla classicità in una visione assolutamente contemporanea che include nella riflessione la politica e la società. Per questa sua mostra milanese, realizzata dalla Galleria Tega in Partnership con UniCredit, Botero si presenta in "forma smagliante"

Fernando Botero
Fino al 18 luglio 2015
Galleria Tega
Via Senato, 20, Milano MI

© Riproduzione Riservata

Commenti