jet privati
(Sea)
jet privati
Difesa e Aerospazio

Boom dei Jet privati in Italia (soprattutto a Milano)

L'era post-Covid fa volare l'aviazione d'affari con passeggeri protetti e tempi di spostamento rapidi. Milano in testa alle destinazioni dei jet privati: +35% sul 2019 grazie a Formula 1, Design Week e Champions League

Ripresa degli affari, dei grandi eventi e richiesta di mobilità protetta e della riservatezza che soltanto un volo privato è in grado di garantire. Per questi motivi vola alto l'aviazione d'affari e non soltanto negli Usa, da sempre "la nazione dell'aviazione". Anche in Europa, secondo l'associazione degli operatori Ebace, negli ultimi tre mesi è stato segnato un aumento del 20% dei movimenti, confermato anche da Eurocontrol, l'ente che gestisce il traffico aereo nell'Unione e che registra i voli distinguendo quelli commerciali (tutti quelli a pagamento), in collegamenti di linea, charter e aviazione generale e d'affari. Da sempre indicatore economico di rapida crescita dei Pil nazionali, l'aviazione d'affari sta vivendo un buon momento anche in Italia: Sea Milano Prime, operatore di handling di Linate e Malpensa, ha registrato un aumento del 55% di traffico dell'aviazione d'affari rispetto al 2020 in una stagione estiva da record, e +35% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Su base nazionale significa una crescita del mercato italiano del 12% a luglio sul 2019, come segnalato dal portale WingX. Con una media di circa 95 movimenti giornalieri (decolli e atterraggi) e un picco di 140 movimenti nella giornata del 12 luglio, quando circa 80 aeromobili sono stati parcheggiati negli 11 tra hangar e piazzali gestiti da Milano Prime, la stagione estiva ha confermato la capacità di attrazione di Milano sia per il traffico nazionale, sia per quello internazionale, che ha rappresentato l'approdo per il 60% del totale dei voli arrivati negli aeroporti della Penisola. In questo mese di settembre i numeri dovrebbero crescere ulteriormente grazie a una serie di eventi che si svolgono nell'area milanese, a cominciare dalla Design Week in corso e che si conclude con il fine settimana dedicato al Gran Premio d'Italia di formula 1 e alle partite della Uefa Champions League, che vedranno giocare le squadre cittadine AC Milan e FC Internazionale.

A titolo di confronto con l'aviazione commerciale, in Europa oggi i voli privati stanno rappresentando l'8% del totale. A contribuire alla scelta alcuni fattori: un'offerta limitata da parte dell'aviazione commerciale, che nel mondo avrebbe perso oltre il 60% dei passeggeri; l'ambiente protetto della cabina degli aeroplani d'affari, dove sale un numero limitato di persone e che rivela la scelta delle grandi aziende di far viaggiare i loro dirigenti; la possibilità di raggiungere scali minori nelle vicinanze delle destinazioni finali senza lunghe procedure nei terminal.

C'è poi la possibilità di prenotare in tempi stretti se non all'ultimo minuto, cosa impossibile con i voli di linea; l'aumento delle rotte disponibili anche di corto e cortissimo raggio coperte da aeromobili piccoli ma modernissimi, come i cosiddetti Very Light Jet oppure i moderni turboelica, in grado per esempio di portare 2-4 persone da Londra e Parigi direttamente al Lido di Venezia, a Cannes o all'isola d'Elba. Quindi c'è la grande partecipazione all'innovazione green, con un notevole numero di startup aeronautiche che stanno lavorando per raggiungere la neutralità delle emissioni dell'aviazione entro il 2050, e che in questo modo capitalizzano gli investimenti di gruppi industriali che non si erano mai avvicinati prima a questo settore. Infine cresce anche il noleggio di jet privati per esigenze governative e diplomatiche, in quanto è possibile ridurre i tempi dei controlli medici nelle varie nazioni e minimizzare le restrizioni in vigore nei singoli paesi.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti