People

Citynsider, il sito che raccomanda i posti "giusti"

A breve online i consigli su locali e posti da non perdere suggeriti da chi c'è stato. Per ora a Londra, Milano, Parigi e Madrid. L'obiettivo è il mondo

citynsider-ny

Citynsider, la community di giovani viaggiatori che condividono esperienze di viaggio

Pronti a partire? Allora pronti a... cliccare: entro la fine di giugno dovrebbe partire il sito Citynsider, una community di giovani viaggiatori che condividono esperienze di viaggio e consigli personali sulle città in cui hanno vissuto e conoscono molto bene (per l'appunto, gli "insiders").

Inizialmente per una serie di grandi città (Londra, Parigi, Madrid e Milano) e poi a più ampio spettro, Citynsider ti permette di sapere quali sono i locali e i posti "giusti" frequentati dai giovani del posto facendo scelte rapide e affidabili, esattamente come quando si chiama un amico per chiedere a lui consigli su dove andare.

Grazie a Citynsider il processo di ricerca di luoghi interessanti sarà estremamente semplificato: in media si riceveranno 3/4 consigli in base alle proprie esigenze. Sarà così possibile pensare solo a godersi le città visitate, senza perdere ore a consultare la miriade di opzioni presenti su internet. Chiedere a un amico è sempre la scelta migliore!

L’idea di Citynsider nasce dal fatto che la prima cosa che si fa quando si visita una nuova città è contattare un amico che ci ha vissuto per chiedergli consigli sul dove andare a mangiare, fare il brunch la domenica, bersi un buon cocktail o semplicemente sapere dove vanno i giovani del luogo. Oppure, nel caso si vada a trovare all'estero un amico, è che lui ti porta nei posti che conosce e che più gli piacciono, senza neanche dover perdere tempo a scegliere.

A lanciare Citynsider sono sei giovani milanesi, ovviamente appassionati di viaggi: Emanuele Baroldi Torelli, Alan Ben Seralvo, Niccolò Bogianchino, Marta Perovani Vicari, Tommaso Jarach e Giacomo Colombo Serri. "Durante le nostre tante esperienze all’estero" raccontano "spesso abbiamo riscontrato che il processo di scelta dei posti era troppo lungo e spesso risultante in una decisione non soddisfacente, a causa delle moltissime e poco affidabili opzioni".

Lo scopo di Citynsider è quello di evitare all’utente di navigare per ore senza riuscire a scegliere tra la miriade di opzioni che si trovano su internet, rischiando di innervosirsi e rovinarsi la vacanza o il week-end. Al contrario, chiedere a un amico che condivide la tua passione per i viaggi permette di scegliere in maniera rapida tra poche, affidabili e specifiche opzioni.
 
In questo momento la versione beta del sito è in fase di test. Il 19 maggio è stata lanciata anche una campagna di crowdfunding su Indiegogo: ha lo scopo di raccogliere i primi fondi e di sviluppare la piattaforma. Infatti in questa prima versione gli utenti potranno ricercare posti in base alle proprie esigenze, scegliendo con chi andare e se vuole andare a pranzo, cena, a bere un cocktail, una birra e così via, e appariranno i consigli degli "Insider".

Sarà anche possibile creare un diario di viaggio, salvando le tappe fatte, per non rischiare di dimenticarsi i momenti migliori dei propri viaggi e per poterlo condividere con tutti gli amici che vogliono fare lo stesso viaggio e ti chiedono consigli.

Dopo il primo finanziamento, alla piattaforma saranno attribuite nuove funzioni e diventerà così un vero e proprio social network. Per esempio, gli user avranno la possibilità di “seguire” i loro amici o gli Insider delle varie città per vedere continuamente che cosa consigliano.

La piattaforma inizialmente coprirà le città meglio conosciute dal team: Milano, Londra, Parigi e Madrid. Successivamente verranno inserite altre importanti città europee come Torino, Roma, Barcellona, Berlino, Amsterdam e Valencia. Il team di Citynsider è in contatto con compagni di università/amici che vengono da queste città e diventeranno "Insider". In un secondo momento è previsto che vengano coperte le più importanti città degli Stati Uniti, partendo da New York.

© Riproduzione Riservata

Commenti