Società

Miami, la più amata dagli italiani (vip e non)

Ecco perchè la località più glamour della Florida attrae così tanti  italiani tra palme, spiaggie bianchissime, locali, lusso americano e  clima tropicale

Ilary Blasi e Francesco Totti, di recente in vacanza a Miami. Una delle tante coppie vip che ha scelto la perla della Florida per un po' di relax. Credits: Olycom

L'ultimo in ordine di tempo ad essere paparazzato in spiaggia è stato Paolo Maldini. L'ex capitano del Milan è stato immortalato tra le onde dell'oceano Atlantico con la moglie Adriana, sirenetto "riemerso" dopo un lungo silenzio. Del resto il mai dimenticato difensore rossonero è di casa a Miami, dove torna puntualmente a svernare e a godersi il relax estivo con la famiglia, mostrando un fisico scolpitissimo come quello della moglie.

Ma la lista dei vip che fanno la spola tra l'Italia e il cuore glamour della Florida è lunghissima. A dare il via alle danze in questo inizio di Summer 2012 sono stati Melissa Satta e il fidanzato, Kevin Prince Boateng che da un mese a questa parte girano a zonzo per i quattro mari neanche fossero della ciurma di Jack Sparrow. Nel loro peregrinare di qua e di là non potevano escludere la sempre più rossonera spiaggia di Miami e tra le onde si sono scambiati tenere effusioni made in USA

Ancora dalla serie A ecco la premiata ditta Totti-Blasi che, senza ragazzetti al seguito, si sono concessi una vacanza da fidanzatini...e chissà che, complice l'oceano, non ci sia la cicogna in arrivo. A godersi il sole di Miami Beach anche Michelle Hunziker eTomaso Trussardi, pizzicati a scambiarsi coccole, tenerezze e baci.

Ma perchè Miami è cosi' "gettonata" tra i vip (e non solo) italiani? Qual è il segreto di questa lingua di terra di 7 miglia (11 km), considerata la "Riviera americana"? Lo stile chic e kitch nello stesso tempo, il clima tropicale e le sue spiaggie bianche, ma anche l'architettura eccentrica in stile Decò piena di luci al neon. A questo va aggiunto il divertimento garantito da discoteche, night club, bar e ristoranti, e l'atmosfera cubana che si respira quasi ad ogni angolo di strada. Questo e tanto altro per spiegare un fenomeno che ormai sembra una sorta di  "migrazione estiva" degli italiani più o meno famosi.

Numeri alla mano, secondo l'ente di promozione del turismo di Miami, il Tropicool , l'Italia è al quarto posto nella classifica dei 133 mila vacanzieri che ogni anno trascorrono qui parte delle proprie ferie. Non solo, a Miami è presente una comunità di italliani che conta 32 mila persone. Sono tutti arrivati alla fine degli anni '90 e si sono portati in valigia raffinatezze dall'italico sapore in ristoranti e alberghi. La conferma la dà a Panorama.it un imprenditore della moda che a Miami vive 5 mesi all'anno: "Il fascino di Miami? Qui scendi dall'abergo, attraversi la strada e sei in spiaggia; ti siedi al bar con gli amici e commenti le ragazze. Una Rimini con dei vantaggi in più - spiega ancora il manager - Qui ci sono lo spirito latino, i corpi perfetti frutto di melting pot, i lussi degli Stati Uniti".

Insomma, una Rimini o una Riccione d'oltreoceano? Forse. Arricchita di mall enormi, come Aventura e Bayside, vere città multipiano dove gli italiani (che possono permetterselo) spendono, comprano a prezzi a volte più bassi di quelli italiani, passano ore nei negozi vintage, per poi rifugiarsi nei ristoranti e nei locali di Lincoln Road a South Beach, o SoBe, come la chiamano da queste parti.

"Davanti all'Oceano senti qualcosa di particolare e non puoi più staccartene", spiega il manager, italiano, dell'hotel Pelican, di proprietà di Renzo Rosso, il guru di Diesel. Insomma, quasi un mal d'Africa a stelle e strisce.

A confermare una sorta di legame tra Miami e la riviera romagnola è stato proprio il sindaco di Miami che ha annunciato i festival del fitness e dei deejay di Miami, gemellati con eventi simili della Riviera adriatica; vita notturna e sport, dunque, due elementi in comune tra realtà cosi' diverse. Certo le palme a Rimini non sono come quelle di Miami, ma la cemetificazione rapida ha cambiato il volto in entrambi i casi. Negli ultimi anni a Miami sono spuntati giganteschi condos, condomini vip, nei quali si sono rifugiati molti newyorkesi in fuga dalle tasse e dal caos della Grande Mela. A Design district su 4.400 appartamenti in costruzione, un centinaio sono stati subito prenotati da italiani.

Come dimenticare, poi, il pioniere degli acquisti immobiliari a South Beach, quel Gianni Versace che per primo nel 1992 acquistò Casa Casuarina, rendenola quella sontuosa residenza estiva sulla Ocean Drive e che ore, a 15 anni dalla morte dello stilista è un hotel deluxe con prezzi che partono da 2.100 dollari a notte. Di recente ha invece fatto scalpore un altro acquisto da capogiro: quello di un anonimo investitore italiano che ha comprato un superattico di 700 metri quadrati, con 600 metri di terrazzo, affacciato su una delle più celebri spiaggie del mondo, pagandolo 25 milioni di dollari. Un appartamento di proprietà di uno degli eredi della società tedesca di calzature Birkenstock, venduto appunto all'impreditore italiano.

Tra gli abituee di Miami, poi, c'è Lapo Elkann, che da anni non si fa mancare una vacanza estiva (o invernale) da queste parti. Ci sono poi quelli che scappano dall'inverno italiano e vanno a Miami tra novembre e gennaio. Primi tra tutti  l'ex ministro Mara Carfagna, in compagnia del marito, Marco Mezzaroma, prima delle voci insistenti di un rottura tra i due, circolate negli ultimi giorni.

Ma Miami piace non solo ai ricchi investitori, agli stilisti e ai personaggi del mondo dello spettacolo e del calcio. Sono centinaia infatti coloro che, un po' per assaporare il gusto tropicale della città, un po' per inebriarsi in un mondo di lusso e divertimento, un po' forse anche per poter "avvistare" i vip che qui passano parte delle proprie vacanze, decide a sua volta di concedersi un "tuffo in Florida". Magari con la speranza di trasferirsi, prima o poi. A loro, e non solo, è dedicato anche un gruppo su Facebook, "Un italiano a Miami ", fondato da qui si è trasferito appunto e ha aperto un'attività:  qui si possono trovare informazioni, curiosità, ma anche una provocazione: "Mi chiedo se preferiate fare la vostra gita a Fregene, Forte dei Marmi o a Santa Margherita o piuttosto non vi piaccia l'idea di venire a tuffarvi nelle acque dell'oceano, qui a Miami Beach..."

© Riproduzione Riservata

Commenti