Politica

Amministrative 2016: i sondaggi lasciano il posto alle corse dei cavalli

Dal "GP Municipal" al "Fan Merolon" e "Fan Grissin" passando per il "Letterienne", ecco su chi si scommette per le comunali di domenica 5 giugno

amministrative

Sondaggi e corse di cavalli. – Credits: OLYCOM

Come di tradizione, in coincidenza con gli ultimi scampoli di campagna elettorale si è aperta la stagione delle corse dei cavalli. Un appuntamento che ha sempre attratto gli appassionati del genere. Di sondaggi veri e propri non si può più parlare infatti. Le regole elettorali impongono che nelle ultime settimane prima del voto restino riservati. Ciò non significa però che candidati e comitati elettorali non continuino a commissionarli. Checché se ne dica, interessano infatti, e molto, anche a loro. Ecco allora che società come Bidimedia pubblicano online le loro "scommesse" sui pezzi forti che possono vincere.

- LEGGI QUI GLI ULTIMI SONDAGGI PUBBLICATI

Roma

Non si parla più quindi di “amministrative” ma di “GP Municipal”, non di candidati sindaci ma di puledre e purosangue, non di seggi elettorali ma di ippodromi, stalle e scuderie. Di corse a perdifiato all'ultimo nitrito. Come a Roma dove nella gara probabilmente più avvincente di tutto il Gp Municipal a tagliare per prima il traguardo è la cavalla pentastellata Igor Rayon (Virginia Raggi) in 29'' netti. Alle sue terga, in 24'', Fan Petit Vest (Roberto Giachetti) così chiamato per via del suo caratteristico bardamento, che con uno scatto impresso alla sua corsa proprio all'ultimo giro ha staccato Melon Tricolor (20'', Giorgia Meloni). Benché gravida, quest'ultima è riuscita tuttavia ad avere la meglio nel derby con il blasonato Marquienne (Alfio Marchini) che ha chiuso in 16 secondi netti. Ultimo, in 6'', General Faisceau (Stefano Fassina) riammesso in gara dopo l'esclusione iniziale inflitta dalla Federazione Ippica.

- LEGGI QUI CHI SONO I CANDIDATI PER LA CAPITALE

Milano

Se quella romana è stata senza dubbio la corsa più appassionante, quella milanese si è contraddistinta per l'incertezza che fino all'ultimo ha dominato nell'ippodromo meneghino dove a sfidarsi sono stati due purosangue assoluti: Fan Salle (Giuseppe Sala) della squadra di Fan Idole e Parisienne (Stefano Parisi) lanciato da Burlesque e sostenuto anche dal nordico Groom de Bootz, il centrista Ipson de le Scipion e sul lato destro da Freres Tricolor. Non a caso questi due cavalli, dalle caratteristiche oltremodo simili, sono anche giunti al traguardo per primi e nello stesso tempo: 38''. In terza posizione, con 16 secondi netti, l'animale mezzo cavallo e mezzo grillo Combat de Taureau (Gianluca Corrado). Ultimo, a molte lunghezze di distanza (5''), il baio dal classico mantello rossiccio Basilic Boucles (Basilio Rizzo)

- LEGGI QUI CHI SONO I CANDIDATI PER MILANO

Napoli

Nessuna sorpresa invece a Napoli dove a imporsi in 42'' netti su tutti i suoi sfidanti è stato il superfavorito della vigilia Galopin du Magistry (Luigi De Magistris) Purosangue tanto ambizioso quanto bizzoso, Galopin è riuscito addirittura a superare a battere di ben 4 lunghezze le altre scuderie che lo sostengono. Lotta senza quartiere alle sue spalle con l'azzurro puledro Letterienne (Gianni Lettieri) e la cavalla di Fan Idole Fan Vaillant (Valeria Valente) che all'ultimo metro ottengono lo stesso risultato in 19''. Impressionante la rimonta di Igor Monzese (Matteo Brambilla): il cavallo pentastellato arriva infatti in 18 secondi netti, a una sola lunghezza dai cavalli che lo precedono. Quinto in 2'', pertanto completamente fuori gara, Coupe La Toile (Marcello Taglialatela) della squadra dei Frares Tricolor.

- LEGGI QUI CHI SONO I CANDIDATI PER NAPOLI

Bologna

Nonostante abbia corso soprattutto per evitare di giocarsi la partita decisiva alla seconda e ultima manche del Gran Prix di Bologna, il vincitore dell'ultima edizione Fan Merolon (Virginio Merola) sarà invece costretto a disputare anche l'insidiosissimo ballottaggio. Se nei primi giri l'obbiettivo dei 50'' era apparso alla portata, un po' di stanchezza e l'aggressività degli altri concorrenti lo hanno costretto a ripiegare sui pur dignitosissimi 45''. Minacciosa ma non troppo pericolosa la puledra di Groom de Bootz, Groom de Borgeouis (Lucia Bergonzoni) giunta in 27''. Terzo in 15'' netti e con pochissime chance di accedere ai supplementari il purosangue grillino Igor Trouan (Massimo Bugani).

- LEGGI QUI CHI SONO I CANDIDATI PER BOLOGNA

Torino

Giunge puntuale a Torino la vittoria di Fan Grissin (Piero Fassino) cavallo slanciato, esile ma di grande esperienza che infatti si porta in testa fin dall'inizio e chiude imperiosamente in 46,5''. Molto competitiva, ma mai davvero preoccupante, la puledra grillina Igor Cintre (Chiara Appendino) staccata di ben venti lunghezze e che chiude la sua gara con dignità in 26'' aggiudicandosi comunque la possibilità di disputare una seconda manche contro il super favorito che i pronostici danno comunque vincitore con 54'' contro i 46'' della sfidante. Terzo il nordico Groom de Moran (10'', Alberto Morano). Quarto il paladino degli addetti alla manovalanza ippica General du Airaux con 7''.

- LEGGI QUI CHI SONO I CANDIDATI PER TORINO

© Riproduzione Riservata

Commenti