Il duo belga composto dai fratelli Dewaele non produceva un album da 12 anni. Per tornare in pista hanno scelto di incidere un disco live, registrato in una sola take lunga 50 minuti. Il risultato è un buon album da dancefloor, non iperprodotto proprio per la sua natura di live in studio, ma con un suono che "spacca".

Stephen e David Dewaele raccontano: “Ispirati dal Transient Program For Drums and Machinery tour, che ci ha visto suonare dal vivo nell’estate del 2016, abbiamo pensato di riprendere quei brani live e riprodurli con lo stesso identico set up. Stessi musicisti, stessi macchinari e strumentazione. Tutto identico a come era dal vivo”.

Il sound dei synth di From Deewee è sicuramente vintage: si passa dai Kraftwerk ai Daft Punk, con qualche citazione glam rock e punk funk in Do you want to get into trouble?

In definitiva, From Deewee ha groove, ottime intuizioni melodiche e un'atmosfera piacevolmente sci-fi disco da fine anni Settanta. Bentornati.

I tre brani cult: TRANSIENT PROGRAM FOR DRUMS AND MACHINERY, TRESPASSERS, CONDITIONS OF A SHARED BELIEF.

© Riproduzione Riservata

Commenti