Libri

Georgi Gospodinov, la storia secondo me

Lo scrittore bulgaro parla del suo ultimo romanzo, "Fisica della malinconia"

Georgi Gospodinov, "Fisica della malinconia", Voland – Credits: ufficio stampa

Lo hanno definito il Milan Kundera della Bulgaria per i suoi viaggi nel mondo interiore, potrebbe essere accostato anche a Friedrich Dürrenmat per la sua riscrittura del mito del Minotauro, ma a ben vedere Georgi Gospodinov è uno scrittore unico. Selezionato tra i finalisti del Premio Von Rezzori 2014, il suo romanzo Fisica della malinconia (Voland) racconta il labirinto dal punto di vista del minotauro stesso. O meglio, la storia di una ragazzino affetto dalla sindrome dell'empatia. O ancora, di tutti i bambii abbandonati nella storia e nella Bulgaria degli anni 70. Tante storie in una storia atemporale, che vuole dare voce ai vinti e ai deboli. Ecco come l'autore spiega il suo libro, a cominciare dal titolo.

Fisica della Malinconia. Nel titolo ho cercato lo scontro tra la scienza e qualcosa che è difficilmente quantificabile, come la malinconia. Perché non ci sono leggi della nostalgia come per la fisica? In realtà è un valore fondamentale del vivere. La mia malinconia va intesa in senso europeo, anche se il significato di Tagà, la parola bulgara per malinconia, pervade tutto il romanzo. Ha un'accezione particolare perché indica, in chiave intima, quel sentimento di nostalgia per qualcosa che non hai mai avuto, per il possibile.

Minotauro. Per me, è l'archetipo del bambino abbandonato, a cui voglio dare voce. Il Minotauro ha la capacità di sentire la storia dell'altro, in una forma di empatia che è alla base della vita e della letteratura.

Empatia. Il protagonista soffre di troppa empatia: entrando nella storia dell'altro, te ne fai anche carico. Borges diceva che l'amore è quando una donna ti fa male su tutto il corpo. Per me l'empatia è quando il mondo ti fa male su tutto il corpo.

Memoria. La memoria è quella dell'infanzia e crescere significa preservare una parte di empatia infantile. Solo nell'infanzia è possibile l'immortalità.

Labirinto. Il luogo in cui vive la figura debole del Minotauro. Che rappresenta tutti i deboli. Se la storia la fanno i vincitori, sono i deboli a raccontarla e le loro storie sono tentativi di salvarsi la vita.

Tre libri che tutti dovrebbero leggere. I libri di Jorge Luis Borges, perché è il Minotauro degli scrittori, una poesia ogni mattina, perché parla di noi e un manuale di giardinaggio per restare sulla terra.

-----------

Georgi Gospodinov, Fisica della malinconia, Voland

© Riproduzione Riservata

Commenti