"Il ritorno di Ulisse", Alessio Boni su Rai 1
"Il ritorno di Ulisse", Alessio Boni su Rai 1
Televisione

"Il ritorno di Ulisse", Alessio Boni su Rai 1

Un'Odissea sorprendente con un protagonista violento e sospettoso incapace di comprendere moglie e figlio. Dal 30 novembre, quattro puntate

Da domenica 30 novembre, per quattro puntate su Rai 1 in onda il "Ritorno di Ulisse", protagonista Alessio Boni. Il tutto decisamente interessante. Ma non è solo questo.

Perché questa versione dell'Odissea - regia di Stephane Giusti - è originale.
Intanto si concentra solo sugli ultimi 12 libri del poema omerico. Poi perché questo Ulisse si prende un po' di licenze, pare per adattarsi al pubblico televisivo e magari a quello più giovane.

Oltre a Boni ci sono Caterina Murino nel ruolo di Penelope e Niels Schneider che fa Telemaco.

Sensi di colpa
Ulisse, maturo e tormentato da dubbi, incertezza, probabilmente sensi di colpa, ritorna nella sua isola, ma a casa sua nulla è più come lo ricorda prima della sua partenza.

Il suo ritorno, tanto atteso, si rivelerà molto difficile per la moglie e il figlio, che dovranno confrontarsi con un uomo violento e sospettoso, incapace di comprendere i loro sentimenti. Un uomo ancora prigioniero nei ricordi del suo doloroso passato a Troia: Ulisse ha ucciso un'intera città, uomini, donne, bambini, vecchi. Non è l'Ulisse che Penelope sperava di riabbracciare, ma un uomo che dubita di lei, degli amici, del figlio". Insomma è un Odisseo fedele all'originale, ma "non a quello che abbiamo conosciuto sui banchi di scuola: è vendicativo, assetato di sangue quando torna a Itaca, è più al passo con i tempi", dice Alessio Boni.


Non riconosce Itaca, il figlio e la moglie
Dal momento in cui Ulisse ritorna ad Itaca, uccide i Proci e tenta di di riappropriarsi della vita che aveva lasciato 20 anni prima: "È un uomo che non si riconosce e non riconosce Itaca, il figlio Telemaco e lo sguardo di sua moglie Penelope. Inizia ad avvitarsi su se stesso, in profonda crisi psicologica, è diffidente."

Vedremo l'ingresso di personaggi nuovi, come la schiava Clea, e il ritorno di Nausicaa, la principessa dei Feaci innamorata di Ulisse con licenze poetiche (la si fa sposare con Telemaco e poi morire per mano di Menelao, ndr)".

Scene cruente e sangue
Il cast ha recitato "in francese, le riprese si sono svolte in Portogallo, per sei mesi: tutti i giorni con i maestri d'armi ad allenarmi - confessa Boni - è stato un vero massacro, tra palestra, lotta greco romana. Non mancheranno le scene cruente, il sangue è vero, mi sono anche ferito. Non dimentichiamo che Ulisse ha trucidato donne, vecchi e bambini a Troia, oltre ad aver inventato il cavallo". 

Il finale è "un azzardo", conclude Boni. (Ansa)

ANSA/UFFICIO STAMPA
A quasi cinquant'anni dallo sceneggiato televisivo "Odissea" trasmesso nel '68, la Rai torna a raccontare le avventure del mitico re di Itaca, nella grande coproduzione internazionale "Il ritorno di Ulisse", per la regia di Stèphane Giusti. Quattro puntate in onda da domenica 30 novembre, in prima serata su Rai1. Alessio Boni veste i panni del leggendario eroe acheo, mentre a interpretare Penelope è stata chiamata Caterina Murino. Il figlio Telemaco è interpretato dal giovane e promettente Niels Schneider, Roma, 28 novembre 2014
Ti potrebbe piacere anche

I più letti