Don Matteo sbarca in Russia e diventa un pope con due figli
Ansa
Don Matteo sbarca in Russia e diventa un pope con due figli
Televisione

Don Matteo sbarca in Russia e diventa un pope con due figli

L'amata serie tv italiana è stata esportata e debutterà in autunno nella versione russa. Il parroco interpretato da Terence Hill sarà un religioso ortodosso con moglie e prole

Dalla costola di Don Matteo prima era nata Ojciec Mateusz, serie televisiva polacca in onda dal 2008 e tuttora in vita. 
Ora approda in Russia il servitore di Dio (e della giustizia) che ha un grande intuito per risolvere le indagini dei Carabinieri. Diventa un pope ortodosso e di conseguenza dice addio al celibato. 

Il format dell'amatissima serie tv italiana è stato infatti venduto in Russia e sono terminate da poco le riprese di Padre Mateusz, versione russa attesa come una della principali novità della prossima stagione televisiva della Federazione. Andrà in onda da settembre su Ort 1, primo canale della tv pubblica russa.  
Al momento sono stati girati i 16 episodi della prima serie (altri 14 verranno girati in futuro). Sono state necessarie, ovviamente, delle modifiche all'impianto originale per adattare la trama alla cultura locale. 

La maggiore curiosità riguarda il protagonista (interpretato da Vladimir Kolganov) che è sposato e ha due figli, come è lecito per ogni pope appartenente alla Chiesa ortodossa. La moglie in questione è madre Valentina (Victoria Adelfina) e sostituisce il personaggio della perpetua Natalina.
Rispetto all'originale prodotto dalla Lux Vide c'è qualche differenza anche nella struttura narrativa, visto che i russi privilegiano l'investigazione e il melò rispetto alle parti di commedia.
Il set è a Suzdal, una delle principali mete del turismo religioso del paese. La città, coi suoi cinque monasteri patrimonio dell'Unesco, conserva tutta la magia della vecchia Russia.

Secondo i produttori russi, nella televisione del loro paese un tempo sarebbe stato impensabile un religioso come protagonista: questa è la conferma di una diffusa ricerca di spiritualità fra le nuove generazioni dopo il crollo del comunismo. "Il Papa nel suo recente viaggio a Gerusalemme ha aperto al dialogo fra cattolici e ortodossi e Don Matteo prosegue sul cammino tracciato da Papa Francesco", hanno detto i produttori Lux Vide, i fratelli Matilde e Luca Bernabei. "Il successo internazionale di Don Matteo dimostra, inoltre, che i buoni prodotti italiani possono girare il mondo e ora anche in Russia arriverà il messaggio positivo del parroco interpretato da Terence Hill".    
Per La Lux Vide non è la prima collaborazione con la Russia, iniziata con la coproduzione insieme a Canal Rossia di Guerra e pace fino al recente Anna Karenina per Rai Fiction. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti