Twitter passa ai cuori, ma perde la testa
Twitter
Twitter passa ai cuori, ma perde la testa
Social

Twitter passa ai cuori, ma perde la testa

Il social media fa sparire le stelline e l'utenza insorge. Una modifica all'apparenza minore nasconde un problema sostanziale di identità

È bastata una semplice modifica grafica, un cuore al posto di una stella, per mandare gli utenti Twitter su tutte le furie. Nelle scorse ore la storica piattaforma di micro-blogging ha sostituito l'icona a forma di stella dei “preferiti” con un'icona a forma di cuore e la dicitura “mi piace”.

Ora, l'utenza Twitter è nota per essere talvolta zuccona e conservatrice, e sarebbe facile liquidare la polemica come il piagnisteo di una cricca snob, se non fosse che dietro la mossa di Twitter si nasconde qualcosa di più sostanziale.

Il fatto è che negli anni gli utenti più assidui hanno cominciato a utilizzare i preferiti in un modo diverso da quello per cui erano stati ideati: cliccare su una stellina non significava tanto esprimere una preferenza per un contenuto, quanto introdurlo in una categoria di archiviazione. C'era chi metteva tra i preferiti dei link che non aveva il tempo di controllare in quel preciso momento, chi utilizzava le stelline per dare un feedback quando veniva citato in un tweet, e chi addirittura utilizzava il pulsante per esprimere disprezzo per il tweet in oggetto (a volte le dinamiche di Twitter sono imperscrutabili).

- LEGGI ANCHE: TWITTER DOVRBBE RASSEGNARSI A ESSERE UN SOCIAL NETWORK DI NICCHIA

Perciò, di fronte al chiaro tentativo di mettersi per l'ennesima volta sulla scia di Facebook, un nutrito quanto irrilevante gruppo di utenti ha cominciato a battersi il petto e a colare bava. Quell'icona a forma di cuore, e soprattutto quel “mi piace”, sono ovviamente rivolti a un pubblico neofita che ancora non ha capito come orientarsi nel minimale mondo di Twitter, e questo per l'utente di Twitter abituato a sentirsi più intelligente della media è uno smacco mica da poco.

La realtà è che Twitter ha una gatta piuttosto grassa da pelare, e i core-users che tanto si stanno scaldando perché la loro piattaforma preferita ha introdotto i cuoricini al posto delle stelle sembrano essere l'ultimo dei suoi problemi. Negli ultimi mesi le azioni Twitter sono calate, perdendo il 40% del loro valore da maggio a ottobre. Il problema principale è che la piattaforma non sta crescendo in maniera significativa (nell'ultimo trimestre si è registrato un misero +1,4%), questo scontenta gli azionisti e rende obbligatorio per i vertici di Twitter cercare strategie d'uscita.

Ma forse, dopo anni di infruttuosa rincorsa, sarebbe il caso di capire che emulare Facebook non paga.

Il successo di Twitter è legato principalmente alla sua capacità di differenziarsi dalle altre piattaforme del mondo social, e non è certo copiando una funzionalità che Facebook ha già abbandonando (ricordiamo che presto il vecchio Mi Piace si dividerà in una serie di bottoni emozionali) che può guadagnare terreno.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti