Tiroide, tumori in aumento: colpa dell'inquinamento

Il numero delle diagnosi è triplicato negli ultimi 20 anni, anche a causa dei fattori tossici ambientali

– Credits: iStockphoto

Redazione

-

I tumori della tiroide sono aumentati negli ultimi 20 anni di quasi tre volte, e fra le cause di questo boom ci sono anche quelle ambientali. Lo hanno affermato gli esperti dell'Associazione Italiana tiroide (Ait) durante il loro congresso annuale in corso a Roma.
Secondo gli ultimi dati disponibili in Italia ci sono circa 14mila nuovi casi di tumori che coinvolgono la ghiandola tiroidea l'anno, di cui poco solo più di 3mila riguardano gli uomini. ''Quello della tiroide, i cui casi sono quasi triplicati in 20 anni, rappresenta il 2 per cento di tutte le diagnosi tumorali che si fanno in Italia" ha spiegato Paolo Vitti, segretario Ait . "L'aumento è considerevole, e dipende sia da un miglioramento delle capacità di diagnosi, sia da fattori tossici ambientali, come l'esposizione a sostanze tossiche o la carenza di iodio. Per fortuna con i mezzi attuali è possibile fare una diagnosi precoce e curare in tempo questi tumori. Non a caso anche se l'incidenza è aumentata la mortalita è rimasta costante''.

I fattori di rischio

Uno studio italiano fatto in Sicilia ha confermato che vivere in zone vulcaniche aumenta il rischio, mentre il legame tra inquinanti e questi tipi di cancro non ha ancora prove definitive. ''I rifiuti tossici sono fortemente sospettati, ma ancora non c'è una prova definitiva" afferma Vitti "anche perché mancano i registri dei tumori per poter trarre conclusioni''.
Tra le cause accertate di aumento del rischio c'è l'esposizione a radiazioni, comprese quelle derivanti da alcuni test diagnostici. ''Per alcuni esami come la Tac, un piccolo aumento c'è, e bisogna tenerne conto ad esempio se i pazienti sono bambini, ma non bisogna fare allarmismi" ha spiegato massimo Salvatori dell'università Cattolica di Roma durante la sessione del congresso dedicata a questo tema.
Per un certo periodo è finita sotto accusa anche la mammografia, mentre poi è emerso che l'aumento del rischio è così piccolo che ci vogliono un miliardo di donne che fanno il test per avere 56 casi in più''.

I problemi dei pazienti

Liste d'attesa troppo lunghe, differenze nelle comunicazioni da parte dei dottori, e l'arrivo di un farmaco generico su cui però ci sono forti dubbi sull'effettiva equivalenza con l'originale. Queste sono le principali preoccupazioni delle persone con malattie della tiroide. ''Le liste d'attesa sono in alcune zone insopportabili" ha spiegato Anna Maria Biancifiori, presidente del Comitato delle Associazioni dei Pazienti Endocrini "per una ecografia ad esempio si possono aspettare fino a 20 mesi nelle strutture pubbliche, oppure si è costretti ad andare a pagamento, ma questo vale anche per molti altri esami e per le stesse terapie radiologiche''.
Un altro problema emerso è la differenza tra le indicazioni dei medici su terapie, necessità di ricovero, protezione dalle radiazioni. ''Da una indagine fatta sui social media sono emerse notevoli differenze - ha sottolineato Paola Polano dell'Associazione Atta Lazio. "Mancano indicazioni precise e univoche persino su cosa fare dei vestiti usati mentre si segue la terapia con i radiofarmaci. Questo sconcerta i pazienti, che poi si rivolgono a noi con delle domande a cui forse dovrebbero rispondere gli esperti. Inoltre anche sulle esenzioni abbiamo registrato diverse disparità''.

Preoccupazione inoltre è stata espressa per l'arrivo del generico della tiroxina, il farmaco usato per l'ipotiroidismo da almeno 6 milioni di italiani, che secondo diverse associazioni di endocrinologi del mondo potrebbe dare problemi. ''Effettivamente non ci sono ancora prove scientifiche dell'equivalenza, e in queste condizioni è meglio aspettare prima di cambiare farmaco" afferma Biancifiori. "Si tratta di una terapia che ha un costo molto basso, ci sono altri modi per risparmiare. Inoltre le prime segnalazioni dei pazienti sul generico che abbiamo avuto non sono positive''. (Ansa)

© Riproduzione Riservata

Commenti