Gerard Julien/AFP/Getty Images
News

Unioni Civili: perchè la legge non è anticostituzionale

Monica Cirinnà, prima firmataria del testo, si difende dalle accuse di equiparazione con il matrimonio

Nella legge sulle unioni civili "non c'è alcuna equiparazione con il matrimonio e non c'è niente da cambiare nel testo". Ne è convinta Monica Cirinnà, senatrice dem e prima firmataria del ddl, che intervistata da Repubblica sottolinea come l'articolo 2 della legge non crei sovrapposizioni con il matrimonio come invece pare stia mettendo in dubbio la Corte Costituzionale che potrebbe, nel caso, esprimere un giudizio di incostituzionalità della norma una volta approvata in Parlamento.

- LEGGI ANCHE: 10 cose da sapere sul testo di legge
- LEGGI ANCHE: Cos'è la stepchild adoption
- LEGGI ANCHE: Adozione, stepchild, affido rafforzato e utero in affitto, le differenze

"Per specificare il fatto che persino i riti sono diversi, per l'unione civile sono escluse tutte quelle pratiche di natura simbolica che esistono per il matrimoni. Per le coppie omosessuali non ci sono le pubblicazioni. Per il rito matrimoniale il sindaco deve leggere gli articoli del codice civile sul matrimonio. Mentre nell'unione civile il sindaco si riferirà esclusivamente alle norme contenute nella legge. Sull'uso del cognome: nell'unione civile è una opzione".

Cirinnà torna poi sulla sentenza della Consulta del 2010 che chiede una legge sulle coppie omosessuali ma non i matrimoni gay: "quella sentenza", dice la relatrice, "è stata il faro del testo". "La Consulta mi chiede di sbrigarmi a riconoscere queste coppie e aggancia il riconoscimento all'articolo 2 della Carta e non certo al 29. Ho recepito in commissione l'emendamento di Lepri, Fattorini, altri cattolici e anche Ndc, per specificare che si tratta di formazioni sociali specifiche. Altri chiarimenti ci saranno già domani nel Pd".  

Ti potrebbe piacere anche

I più letti