tamponi farmacie
(Ansa)
tamponi farmacie
Salute

Tamponi e mascherine FFP2 affari e problemi per le farmacie

Il Governo impone il prezzo per le mascherine (0,75 euro) mentre per i tamponi continua la spesa folle, più di 10 milioni al giorno

Da due settimane gli italiani sono in fila davanti alle farmacie alla ricerca a volte inutile di un tampone e da poco anche delle mascherine FFP2 con un costo gravosissimo per milioni di famiglie italiane. Sulle mascherine FFP2 si è raggiunto un accordo con le farmacie e dovranno essere vendute a 75 centesimi mentre il costo dei tamponi è rimasto invariato a 15 euro. Un prezzo molto elevato soprattutto se paragonato al resto d’Europa. In Italia vengono effettuati 650mila tamponi al giorno con un costo per gli italiani di oltre 13 milioni di euro. Ma quanto guadagnano le farmacie sulla vendita dei tamponi? I test antigenici vengono acquistati dai farmacisti ad un costo che varia dai 0,90 centesimi ai 4 euro e sono rivenduti con l’accordo del governo a 15 euro e ad 8 euro ai ragazzi nella fascia 12-18 anni. «I tamponi più usati sono gli antigenici di prima generazione classici perché gli altri richiedono comunque un piccolo laboratorio. Sono tutti certificati e partono da un prezzo di 2,80 euro fino ad arrivare per un test migliore e più sensibile a 3,80 euro» afferma un farmacista di Roma. In una farmacia dell’Abruzzo il costo invece a tampone è di 1,45 centesimi e ne ordinano 500 ogni 4/5 giorni.

Alcune farmacie effettuano fino a 600 test antigenici al giorno con un guadagno di 9mila euro totali sostenendo dei costi 4 volte inferiori. Insomma. cifre variabili senza alcun tipo di controllo.
«Noi facciamo i tamponi rapidi per il rilascio del Green pass, i viaggi, lo sport e gli accessi in ospedale per un numero che varia dai 350 ai 420 al giorno.» ci spiega un altro farmacista
Una questione confermata anche senza cifre ufficiali da alcune associazioni di consumatori che ritengono che le farmacie abbiano un grosso guadagno dalla vendita dei tamponi stimato intorno ai 5 euro l’uno a cui vanno tolte le spese aggiuntive per il personale (anche se spesso è il titolare della farmacia a fare i tamponi). C’è poi la questione dei tamponi fai da te che hanno prezzi che variano dai 7 ai 15 euro dove durante le festività si è avuta una grossa speculazione con l’aumento del prezzo.
Un dato di gran lunga superiore rispetto a quello riportato da Federfarma«Le farmacie effettuano circa dai 50 ai 60 tamponi al giorno. In Italia ad effettuare i tamponi sono 14500 farmacie per un totale di 650mila test rapidi.» ci spiega Marco Cossolo presidente di Federfarma
Gli italiani quanto hanno speso per tamponi e mascherine ?
«Non ne ho idea. Io sono socio in alcune farmacie ed il vero problema è che abbiamo smesso di fare altro ossia la vendita di prodotti più remunerativi».

Cifre messe insieme che fanno pensare senza il timore di essere smentiti ad un costo sostenuto dagli italiani che va ben oltre i 13 milioni di euro. Soldi che escono quotidianamente dalle tasche delle famiglie e vanno ad aggiungersi alle mascherine FFP2 le cui vendite sono aumentate tra l’80% e il 120% dopo l’obbligo di indossarle in alcuni luoghi portando all’acquisto di 10 milioni di mascherine al giorno, per una spesa complessiva che si aggira mediamente intorno ai 15 milioni di euro.

I distributori di tamponi

«Il nostro è un canale di distribuzione intermedio. Noi distribuiamo gli antigenici rapidi che sono quelli effettuati in farmacia dal personale sanitario. Ci sono moltissime tipologie importate per la maggior parte da paesi come Cina, Corea ed Indonesia e che vengono veicolati da intermediari europei. Noi di Federfarma servizi le compriamo da questo distributori e li distribuiamo quotidianamente 2 o più volte al giorno su tutto il territorio nazionale a circa il 50%60% delle farmacie nostre socie e clienti. Siamo 18 distributori.» ci spiega il presidente di Federfarma Servizi Antonello Mirone

Li rivendete ad un prezzo maggiorato?

«Compriamo e vendiamo con un ricarico di spese, trasporto e di quello che è necessario per mantenerci in vita. Chi non prende da noi sono multinazionali o privati che effettuano l’attività di ingrosso e comprano dai produttori perché le farmacie più grandi comprano all’ingrosso. I prezzi dei tamponi sono tra i 6 e i 7 euro.»

Ti potrebbe piacere anche

I più letti