ANSA/DANIEl DAL ZENNARO
News

Renzi-Berlusconi: è scontro sul Presidente della Repubblica

Il Premier avverte di non essere disposto ad accettare veti sul nome del futuro capo dello Stato che non può essere "la figurina di un partito"

Se Silvio Berlusconi dirà no al candidato proposto dal Pd, il nuovo presidente della Repubblica "ce lo eleggeremo da soli". Matteo Renzi mette subito in chiaro che è lui a dare le carte, nella partita del Quirinale. E nel giorno in cui, subito dopo le dimissioni di Giorgio Napolitano, il leader di FI alza la voce sul futuro inquilino del Colle, il premier lo avverte che non è disposto ad accettare "veti" da nessuno: "Non da FI, non da Salvini e nemmeno dal Pd", perchè il capo dello Stato non puo' essere "la figurina di un partito".

Un'intervista serale in tv, a Le invasioni barbariche, è l'occasione per Renzi per rendere ancora una volta omaggio a Napolitano. "Credo che tutti, quelli che lo apprezzano e quelli che lo apprezzano meno, riconoscano a questo presidente il fatto che ha segnato un'epoca in modo straordinario", afferma. Da "grande uomo politico", è stato lui "il vero artefice delle riforme", con uno spirito "molto più riformatore di tanti non solo suoi ma anche miei coetanei".

Per raccoglierne l'eredità', "ho in mente un arbitro", ribadisce ancora una volta il presidente del Consiglio: "Abbiamo tanti nomi in mente", assicura, senza sbilanciarsi oltre. In questa fase è sul metodo che Renzi vuole concentrarsi: "Niente veti e nessuna competizione ideologica su un nome preferito, perchè non è che si sceglie con chi si va a cena", avverte. Il capo dello Stato va eletto "con tutti quelli che ci stanno: con il centrodestra, con i leghisti, con Sel, con Grillo, con i centristi", elenca il premier. Poi frena eventuali pretese di Berlusconi e lancia un amo ai parlamentari 5 Stelle: "Non è possibile che restino chiusi sempre in protesta".

L'intervista a Daria Bignardi, negli studi di La7 a Milano, è per Renzi l'occasione di ammettere qualche "autogol" del governo, come le misure per le partite Iva in legge di stabilità, e di tornare sulla "sfida complessa" contro il fanatismo. La soluzione ad attacchi come quello di Parigi "non è chiudere Schengen", anche perchè i terroristi non vengono più solo dall'esterno. Prova ne è il fatto che il premier si ritrova a commentare un'intervista al padre di Giuliano Delnevo, jihadista italiano morto in Siria: "Con il massimo rispetto dico che suo figlio non è un eroe. Nessuna indulgenza per chi uccide in nome di Dio, perchè farlo è blasfemia, una bestemmia".

Più avanti nell'intervista Renzi si racconta e scherza sulla sua vita da premier. "Angela Merkel mi ha chiesto tre giorni prima se mi poteva chiamare per farmi gli auguri di compleanno - rivela - Questa è la precisione teutonica...". I primi 40 anni "li ho sentiti", confessa, ma "mi sento un ragazzo fortunato". E ancora, rispondendo alle domande della redazione di Radio Shock, composta da pazienti psichiatrici di Piacenza: "Mi ispiro a Bob Kennedy, sperando di non fare la stessa fine..."  

Ti potrebbe piacere anche

I più letti