Omicidio Claps, 20 anni di indagini
Ansa
Omicidio Claps, 20 anni di indagini
News

Omicidio Claps, 20 anni di indagini

La Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni a Restivo, per il delitto del 1993. Tutte le tappe della vicenda

La Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni di reclusione per Danilo Restivo, colpevole dell'omicidio della sedicenne potentina Elisa Claps. Eliminata l'aggravante della crudeltà, per mancanza di prove ma senza conseguenze sull'entità della pena. 

Con questa decisione, i giudici della prima Sezione penale della Cassazione - presidente Umberto Giordano - hanno confermato la sentenza della Corte di Assise di Appello di Salerno del 24 aprile 2013. In primo grado, sempre con rito abbreviato, la sentenza era stata emessa l'11 novembre del 2011. Elisa Claps è stata uccisa il 12 settembre del 1993 e a lungo la sua scomparsa è stata un mistero, fino al 2010 quando i suoi resti sono stati scoperti nel sottotetto di una chiesa a Potenza.


Le tappe della vicenda

12 settembre 1993: è domenica, intorno alle ore 12.45 si perdono le tracce della studentessa potentina di 16 anni.

10 settembre 1994: per false dichiarazioni viene arrestato Danilo Restivo, il ragazzo di 21 anni, che per ultimo ha incontrato la studentessa nella chiesa della Santissima Trinità di Potenza.

6 ottobre 1994: un vigile urbano di Policoro (Matera) dice che Elisa si trova in Albania, ma dopo pochi giorni sfuma la ''pista albanese''.

7 marzo 1995: Restivo viene condannato per false dichiarazioni.

11 maggio 1999: su un sito voluto dalla famiglia, arriva un falso messaggio scritto da Elisa, che raccontava di trovarsi in Sudamerica. Gli investigatori scoprono che l'ha scritto Restivo.

12 novembre 2002: in Inghilterra, una sarta, Heather Barnett, viene uccisa e seviziata. Scotland Yard indaga per omicidio Restivo (vicino di casa della donna) che si e' trasferito a Bournemouth.

14 settembre 2009: gli agenti inglesi sono a Potenza per interrogare alcune persone coinvolte nel caso Claps.

17 marzo 2010: nella chiesa della Santissima Trinità vengono trovati resti umani: sono di Elisa Claps. Ma il cadavere potrebbe essere stato scoperto già qualche tempo prima e il fatto taciuto.

20 maggio 2010: Restivo è arrestato in Inghilterra e formalmente imputato per l'omicidio di Heather Barnett.

26 maggio 2010: Giovanni Di Stefano, il legale di Omar Benguit, l'uomo condannato all'ergastolo in Gran Bretagna per l'omicidio della studentessa coreana Oki, chiede al Tribunale di Bournemouth l'incriminazione di Danilo Restivo anche per questo caso.

27 maggio 2010: La magistratura di Salerno dispone l'arresto di Restivo, ritenendolo responsabile dell'uccisione di Elisa Claps.

8 novembre 2010: Restivo compare davanti alla Crown Court di Winchester e si dice ''non colpevole'' per l'omicidio Barnett. Il processo a suo carico viene fissato per il 4 maggio 2011.

9 marzo 2011: dalla superperizia dei Ris emerge che sulla maglia di Elisa Claps è stato trovato il dna di Restivo.

13 aprile: arriva una nuova conferma dalla perizia dei Ris. Il dna trovato sulla maglia di Elisa Claps appartiene a Restivo ''al di là di ogni ragionevole dubbio''.

18 aprile: a Salerno comincia l'incidente probatorio. Partecipa anche la madre di Elisa Claps, Filomena Iemma.

11 maggio: prima udienza davanti alla Crown Court di Winchester per l'omicidio Barnett. Restivo è in aula.

13 maggio: la Procura di Salerno chiude le indagini preliminari per l'omicidio Claps. L'unico indagato è Danilo Restivo.

3 giugno: la Procura di Salerno chiede il rinvio a giudizio per Danilo Restivo. L'accusa è di omicidio volontario pluriaggravato

29 giugno: il Gup Elisabetta Boccassini accoglie la richiesta di rito abbreviato per Danilo Restivo

30 giugno: Danilo Restivo viene condannato all'ergastolo per l'assassinio di Heather Barnett il 12 novembre 2002 a Bournemouth nel Dorset. Lo decide il giudice inglese Michael Bowes.

2 luglio: a 18 anni dalla sua scomparsa, a Potenza in piazza don Bosco si svolgono i funerali di Elisa.

11 novembre 2011: Danilo Restivo è condannato a 30 anni di reclusione al termine del processo a suo carico, con rito abbreviato. Poco dopo Restivo cambia difensori: al posto di Mario e Stefania Marinelli arrivano Alfredo Bargi e Marzia Scarpelli.

11 marzo 2013: Restivo arriva in Italia, in regime di estradizione provvisoria dalla Gran Bretagna, per partecipare al processo d'appello.

16 aprile: nel corso del processo di secondo grado, Restivo ribadisce la sua innocenza, porge le sue condoglianze alla famigliaClaps ed esprime il desiderio di ''poter portare dei fiori sulla tomba di Elisa''. La madre della vittima lascia l'aula. La Corte conferma la condanna a 30 anni di reclusione.

23 ottobre 2014: Ultimo atto in Cassazione: la Suprema Corte esclude l'aggravante della crudeltà, ma conferma la pena di 30 anni di reclusione. La sentenza diventa così irrevocabile. Resta in piedi un altro processo: quello, in corso in primo a Potenza, sul giallo legato al ritrovamento del cadavere della studentessa potentina. 

Ansa
Le indagini della polizia scientifica sul luogo del ritrovamento dei resti di Elisa Claps
Ti potrebbe piacere anche

I più letti