News

Corea del Nord, Pyongyang raccontata da 8 donne in posa - Foto

Attraverso i ritratti del fotografo Ed Jones un viaggio in alcuni luoghi significativi di questa città misteriosa

Otto donne in posa per un ritratto a Pyongyang. Attorno a loro luoghi simbolo o significativi della capitale della Corea del Nord, avvolta dal fascino e dal mistero delle città ancora poco conosciute: a causa della dittatura di Kim Jong-un è difficile vederne il vero volto.

Immortala queste giovani donne Ed Jones, fotografo con base a Seul che, da quando l'Agence France-Presse (AFP) ha aperto i suoi uffici a Pyongyang, ha pensato a nuovi modi per cambiare le immagini stereotipate normalmente associate alla Corea del Nord (parate militari o scatti rubati da un autobus). Ecco l'idea di una serie di ritratti che "coinvolgesse i soggetti stessi, una proposta difficile in Corea del Nord dove c'è un sospetto intrinseco verso i media stranieri", scrive.

Attraverso i ritratti di queste donne scorgiamo angoli di Pyongyang. Ecco il poligono di tiro Meari, che ai suoi clienti offre l'opportunità di sparare con alcune armi da fuoco nordcoreane e straniere, per lo più modificate. Ecco una palestra al Mangyongdae, il Palazzo dei bambini, un vasto complesso di attività doposcuola. E poi lo Zoo centrale, l'Arco di Trionfo davanti allo skyline della città, il College che forma insegnanti delle scuole elementari e materne e il Mansudae Art Studio, il centro artistico più grande e importante della Corea del Nord. 


Per saperne di più:

ED JONES/AFP/Getty Images
Kim Ju Yang (20 anni), istruttrice, imbraccia un fucile d'assalto nordcoreano mentre posa per un ritratto al poligono Meari a Pyongyang, 29 luglio 2018. Il poligono di tiro Meari offre ai clienti l'opportunità di sparare con alcune armi da fuoco nordcoreane e straniere, la maggior parte delle quali modificate.
Ti potrebbe piacere anche

I più letti