pasquarantena-apertura
Francesco Prandoni
pasquarantena-apertura
Lifestyle

Pasquarantena, cose intelligenti da fare a casa durante il lungo weekend

Imparare a ballare (con Roberto Bolle), a cucinare o meditare. Idee e spunti originali per non annoiarsi durante l'ennesima festività da passare tra le mura domestiche.

Un brano dei Pinguini Tattici Nucleari, band vista di recente anche a Sanremo, a un certo punto fa così: «E siam felici come Pasque, sì. Ma Pasque del 2020». Il pezzo, che ironizzava sulla festa mesta dello scorso anno, ha finito per rivelarsi involontariamente profetico: s'intitola La storia infinita e, in effetti, non è finita. La storia si ripete nel 2021, ci ritroviamo di nuovo alle prese con divieti, obblighi di mantenere le distanze, ridurre al massimo contatti, movimenti, viaggi. A dover restare a casa, quanto più possibile. Sarà un'altra Pasqua in quarantena, o, ecco, una «Pasquarantena», per riproporre il termine amarognolo utilizzato già circa dodici mesi fa.

Qualcosa, per fortuna, è cambiato. In quest'atto secondo, in questo ricorso storico, non siamo alle prime settimane del lockdown, incerti su come occupare bene il tanto tempo libero a disposizione. Se ieri guardavamo con nostalgia il mondo là fuori, abbiamo imparato a portarne dentro ampie porzioni, a riprodurne luoghi, liturgie, frammenti. Che le case siano versioni ridotte e riadattate di cinema, scuole e palestre, è una noiosa ovvietà. Che possano ancora stupirci, emozionarci, divertirci nel weekend lungo dal 3 al 5 aprile, è l'auspicio con cui abbiamo messo insieme un po' di consigli. Non un'agenda, ma un punto di partenza, di spunti d'ispirazione, con i quali costruire il proprio palinsesto di attività. Da soli, in coppia, in famiglia. Non per riempire le ore vuote, piuttosto per dargli un senso e colorarle con sfumature di piacere.

Per cominciare, nessuna cupa retorica oscurantista: «Pasqua non è Natale, aprile non è dicembre, le giornate sono lunghe, il sole contrasta ogni tentazione di ripiegamento. C'è luce, la primavera è qui. Come la speranza che il lockdown sarà presto un ricordo. La Pasqua rappresenta il rinnovamento, contiene un messaggio ancestrale di ritorno alla vita» dice Grazia Attili, professore ordinario ed emerito di psicologia sociale alla Sapienza Università di Roma, invitando all'ottimismo. Quasi con un ribaltamento di prospettiva, il suo consiglio è sfruttare questi giorni nella loro pienezza, per evitare di guardarli con malinconia in futuro per averli sprecati. «Mettiamo al lavoro la nostra intelligenza creativa. Cominciamo a dipingere, a suonare, a studiare un'altra lingua. Spiazziamo il cervello, facciamolo girare. Non tuffiamoci a caso nell'ignoto, partiamo con qualcosa che abbiamo rimandato finora. Non cerchiamo più scuse. A cose fatte, verremo travolti da una sorprendente sensazione di benessere».

Non ci sono limiti, anche per la qualità dei maestri a cui rivolgersi. Su Timvision è disponibile in streaming «OnDance – Le Masterclass», per muovere i primi passi di danza classica sotto l'occhio della massima autorità in materia, l'étoile Roberto Bolle. E ci sono pure maestri di vari altri stili, come «modern dance» e «street jazz». Sul sito Masterclass.com si impara a recitare guidati dagli attori di Hollywood Natalie Portman e Samuel L. Jackson o a cucinare prendendo lezioni dallo chef superstar Gordon Ramsay. Occorre masticare un po' d'inglese, altrimenti su Academia.chefincamicia.com si trovano Alessandro Borghese, Davide Oldani, Iginio Massari (per l'alta pasticceria) e tanti altri astri nazionali di forno e fornelli. Chi a Pasqua desidera masticare e basta, si può comunque trattare molto bene: su Cosaporto.it si ordina, con consegna a domicilio a Milano, un menu elaborato da Carlo Cracco, che include riso gratinato alle fave e pepe nero con salsa di pecorino romano e l'immancabile agnello, al vino bianco, più piselli e menta. È buono e fa bene, giacché sostiene un progetto pediatrico dell'associazione benefica Vidas. Sullo stesso sito, attivo anche a Roma, Torino e Bologna, sono presenti numerose proposte da ristoranti e cuochi stellati, accanto a colombe, pastiere e l'intero repertorio dei dolci della festa.

Dopo mangiato, è l'ora del divertimento per grandi e piccoli. Su Amazon Prime Video, dall'1 aprile, c'è LOL: Chi ride è fuori, la temeraria sfida di dieci comici professionisti che provano a rimanere seri e, intanto, provocano gli avversari con battute e facezie. Conducono Fedez e Mara Maionchi. Sempre in tempo per Pasqua, su Disney+ ecco il cartone animato Mira, Royal Detective: la giovane protagonista e i suoi buffi amici animali dovranno ragionare per risolvere alcuni enigmi, tra canzoni e balletti.

Invece di fare attività scontate come stare davanti alla tv, si può prenotare un viaggio (assicurandosi che sia cancellabile) o un concerto: il calendario d'autunno, quando l'emergenza dovrebbe essere finalmente alle spalle, è già fitto e prevede, tra gli altri, i tour di Gigi D'Alessio, Negramaro ed Elodie. L'elenco completo è disponibile su Ticketone.it. In alternativa si partecipa a un assembramento, però online, entrando in un evento di gruppo dal proprio computer. Su Comehome.fun ci sono opzioni per tutti i gusti: giochi di società, quiz, happy hour, persino speed date per single che vogliono conoscere, virtualmente per cominciare, potenziali fiamme.

Infine, se a un certo punto non ce la si fa più a sopportare la permanenza domestica, ha senso esplorare gli effetti benefici della meditazione, da soli o con i propri bambini. L'applicazione Petit Bambou integra cinque sessioni pensate per chi ha tra i 5 e i 12 anni. Oppure si fa da sé, senza smartphone, con un po' di fantasia: «Se non potete abbracciare amici, parenti e amori lontani, immaginatelo. Questa proiezione» spiega Attili «questo gesto simulato dal cervello, stimola la produzione di un neurormone che rende subito rilassati». Prendere un po' in giro la propria mente potrebbe rivelarsi un buon metodo per far passare la Pasquarantena con addosso un sorriso.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti