Musica

JUNNY, l'anima del K-pop presenta la sua Color Me

Dopo Covid, sedersi su un divano per un'intervista reale può sembrare imbarazzante. Sarò ancora in grado di trasmettere tutto ciò che voglio? E non mi perderò nei miei pensieri? Non ho nulla di scritto davanti a me, ma posso continuare a parlare seguendo l'istinto, no?

Questo è quello che mi è successo meno di un mese fa quando a Seoul, negli uffici della REELS Corporation, ho avuto la possibilità di sedermi per un po' con uno degli artisti emergenti più interessanti di sempre: JUNNY. Nato nel 1996, JUNNY, il cui vero nome è Kim Hyeong-Jun, è un cantante e cantautore della MAUVE Entertainment. Nato a Vancouver, parla fluentemente inglese e coreano. Si è trasferito a Seoul nel 2018 per inseguire il suo sogno di una carriera nel mondo della musica. E da allora non si è mai fermato. Il nome di JUNNY è alla base di successi quali Mmmh di KAI degli EXO, Hot Sauce degli NCT DREAM, Action Figure dei WAY V, Fame di JAY B e Troll di IU. Una lunga carriera iniziata con JUNNY che ha scritto la sua prima canzone all'età di quattordici anni e che oggi diventa uno dei più grandi autori del settore, con la sua penna dietro a famose OST e successi musicali. Durante un'intervista ad Arirang nel 2020, JUNNY si è descritto come una persona che non ha "una personalità brillante". Tuttavia, la nostra chiacchierata è stata piena di risate e così confortevole da farci dimenticare tutto quello che abbiamo passato negli ultimi anni a causa del Covid. Ecco chi è davvero JUNNY: una spolverata di polvere magica nell'industria musicale coreana, un talento naturale e una delle persone più umili che ho avuto l'occasione di conoscere, che ora è pronta a volare con le sue ali e iniziare un nuovo viaggio.

Ci siamo seduti in uno studio vicino a Hongdae per parlare della sua carriera e di Color Me, il suo ultimo lavoro, che è solo un antipasto di ciò che deve ancora venire.


Prima di tutto, possiamo chiederti di presentarti?

Sono un cantante e autore, mi chiamo JUNNY e sono in Corea da tre anni. Sto facendo musica e costruendo la mia carriera qui. Ho iniziato come cantautore, ora mi sto concentrando maggiormente sulla mia arte e sulla mia musica. Sì, sto lavorando sodo. Sono fatto così.

Vieni da una famiglia molto artistica...

Sì, è quello che si dice (ride), non l'avevo mai considerato (ride di nuovo).

Come questo ha influenzato la tua vita e in che misura la musica ha avuto un impatto su di essa?

Prima di tutto, visto che sono cresciuto, come hai detto anche tu, in una famiglia di musicisti... Ho due fratelli maggiori, che amano cantare e ascoltare musica, e crescendo con loro, volendo stare vicino a loro e frequentarli da piccolo, ho cercato di imitare il loro modo di cantare e quello che ascoltavano... questo mi ha portato naturalmente nel mondo della musica. E mio fratello maggiore è un artista, un pittore. Mi ha fatto capire che se si ha la giusta passione per qualcosa e si vuole davvero lavorare sodo, basta continuare a guardare in alto e impegnarsi nel proprio mestiere, e mi ha motivato a intraprendere questa carriera.

E poi sei arrivato in Corea...

Sì... Il motivo per cui sono venuto in Corea è che, a essere sincero, ero innamorato della Corea fin da bambino. Non ho potuto vivere qui per molto tempo, perché quando avevo quattro anni ci siamo trasferiti in Canada. Così avevo questa idea, l'ho romanticizzata così tanto. Guardando la televisione, i drama televisivi e cose del genere. Mi sono fatta un'idea del tipo "wow, questo Paese è così unico e mi piace quello che ha questo posto". Sono venuto qui, solo per una vacanza... e mi sono innamorato. Ho incontrato un gruppo di persone di grande talento, e sono stato fortunato a poterle incontrare e poter lavorare alla mia musica con loro. E ho detto: "Wow, questo è il posto giusto per me". Ho fatto i bagagli e sono venuto qui.

Forse dovremmo seguire il tuo esempio e fare lo stesso...

(ride) Sì, voglio dire... Non è così male. (ride di nuovo) Funziona. Non so, ho questa strana sensazione che se potessi tornare indietro adesso, indietro nel tempo, non credo che avrei il coraggio di farlo, ma in quel momento ero in un certo punto della mia vita in cui volevo provarci. Sai, correre il rischio. E dire ai miei genitori che me ne stavo andando, ovviamente, l'hanno presa un po'... Sai... Il loro bambino, il loro figlio più piccolo, vuole andarsene di casa e perseguire la sua carriera. Non mi hanno fermato perché sapevano che avevo una grande passione.

Ed eccoci qui, e tutto va alla grande. Allora, parliamo di Color Me. Che tipo di canzone è per te?

Significa molto. Questa canzone, voglio dire... Ho lavorato su molte canzoni, non mie, ma anche mie, e sai, contando anche le canzoni di altri artisti, ho scritto molte canzoni nella mia carriera. Questa significa molto per me perché... ci sono due motivi. Le canzoni che ho cantato in passato, ovviamente, le amo, ma Color Me è davvero diversa per me e mi fa sentire come se stessi facendo un grande passo in un genere diverso, in un mondo diverso, e mi fa sentire come quando sono arrivato qui dal Canada e ho corso un rischio, capisci? Onestamente, conoscevo molti autori che hanno lavorato con me, produttori che collaborano con me da molto tempo, e ci sono compositori con cui scrivo altre canzoni, sai per altri artisti, e finalmente ho avuto la possibilità di riunire queste persone e fare la migliore canzone possibile, ed è questo che è stato Color Me, ed è per questo che significa molto per me. Perché, sai, mi sono sempre separato da JUNNY, l'artista e l'autore, e da questa canzone è nato un nuovo mondo, con tutte queste persone intorno a me in grado di descrivere ciò che voglio, ed è pazzesco.

Cosa vorresti che provassero i tuoi ascoltatori ascoltando Color Me?

Innanzitutto spero che i miei ascoltatori pensino "Oh, JUNNY può fare anche questo genere". E voglio che sentano le mie qualità di autore di canzoni e come io abbia inserito queste qualità tutte insieme, senza alcun impaccio. In modo del tutto naturale. Voglio che sentano che questa può essere una grande canzone per l'estate, ed è anche molto intima e qualcosa che sono stato in grado di affrontare musicalmente. Spero solo che si divertano davvero.

Hai duettato con CHUNGA. Come è nata la collaborazione?

Prima di tutto, lei è stata un tesoro, è stata molto molto gentile. , Minj, l'autrice che ha lavorato con me su questa canzone lavora con me da molto tempo, è anche mia amica. Abbiamo scritto molte canzoni insieme e lei conosce CHUNGA da molto tempo. Quando abbiamo finito il demo, la versione grezza di questa canzone, volevo un featuring e volevo una cantante donna. Mi chiedevo chi potesse essere, e lei mi ha risposto: "Sai? CHUNGA sarebbe fantastica su questa canzone" e mi è venuto in mente "wow, sarebbe davvero pazzesco". Ma non sapevo come contattarla e lei mi ha detto: "Ti aiuto io". (ride) Le ho mandato la canzone e lei mi ha aiutato. L'intero processo è stato così fluido, è stata molto dolce e quando abbiamo registrato insieme ha portato il suo cagnolino. Il cane è una celebrità, sai? Ruba la scena (ride molto), ma sono riuscito comunque a concentrarmi sulla canzone. È una grande cantante, super umile, super gentile, e tutto ha funzionato molto bene.

Hai composto musica per molti altri artisti, alcuni dei quali sono artisti di spicco del K-pop, come è stato?

Sono stato in grado di farlo, sai, l'anno scorso è stato un anno pieno di scrittura di canzoni per me. Ovviamente, quando mi chiamo JUNNY ho la responsabilità di creare la mia immagine come artista, ma l'anno scorso è stato tutto dedicato alla stesura di canzoni e alla creazione di musica. Che sia io a cantare o altri a farlo, non ha importanza. Poter lavorare con loro e dirigere le loro voci, vederli apprezzare le canzoni per quello che sono, mi ha reso umile e molto grato. Il posto in cui mi trovo ora è un privilegio, sai? Non molte persone sono in grado di scrivere canzoni per altri in questo modo, quindi so che è qualcosa per cui dovrei essere molto, molto grato.

Hai qualche retroscena divertente delle collaborazioni? Non so, alcuni artisti con cui ti sei divertito molto...

Ah. Sì, ne ho un bel po'. Ci sono molte interazioni, ma la storia di cui vorrei davvero parlare è quando ho contribuito a una canzone chiamata Mmmh di KAI. Mi sono letteralmente immaginato di ballare come lui e di essere in grado di avere un aspetto così bello sul palco e di immaginare come e che tipo di melodia avrei dovuto cantare per essere perfetto. Pensavo costantemente a KAI, pensando letteralmente a "Oh, come fa ad avere un aspetto fantastico mentre canta questa melodia" ed è andata bene. A lui è piaciuta molto. E questa è una delle storie. Un'altra storia divertente... c'è una canzone che si chiama Sweet Dream degli NCT 127 e l'ho scritta anch'io insieme a Minji e c'è una sequenza di apertura in cui c'è una parte di sbadiglio come introduzione. Non ero presente al momento della registrazione, ma mi hanno raccontato che hanno letteralmente registrato tutti i membri che cercavano di sbadigliare e io l'avevo fatto nel demo. Ed è ovviamente imbarazzante, no? Sai, essere in cabina di registrazione e "sbadigliare" e alla fine hanno scelto il mio sbadiglio e l'ho scoperto quando la canzone è stata pubblicata e ho detto "questo sbadiglio è il mio sbadiglio" e Minji mi ha detto: "Sì, non siamo riusciti a trovare lo sbadiglio giusto" (ride, molto).

Chi sarà il prossimo?

Mi piacerebbe darvi degli spoiler. Cerco prima di tutto di fare musica e vedere dove va. Mi piacerebbe lavorare con il maggior numero di persone possibile. Sto affrontando la cosa giorno per giorno. E spero di poter lavorare con altri artisti in Corea o, sì, altrove. Sicuramente, ho molte cose in cantiere.

Qual è la differenza principale tra scrivere per gli altri piuttosto che per se stessi?

Mh. In realtà, questa è una delle domande a cui cerco di rispondere al meglio, ma... Come ho detto, mi sono letteralmente immaginato di essere KAI, sai, questo genere di cose. Scrivere per altre persone è decisamente diverso, è qualcosa che... Posso fare cose che non sono in grado di fare come JUNNY. E solo per poter immaginare come sarà per loro sul palco cantare una canzone, posso fantasticare molto. E per me, quando scrivo le mie canzoni, è difficilissimo decidere cosa sia giusto o sbagliato. E credo che questa sia la differenza più grande. Non sto dicendo che scrivere per altri sia facile, è ovviamente un aspetto molto impegnativo, ma ci sono certi criteri, c'è una certa scatola all'interno della quale sono in grado di giocare, mentre per me, per le mie canzoni, le possibilità sono infinite. Quindi mi chiedo sempre: "È giusto? È sbagliato?" e poi dico "Non importa, questo sei tu" e credo che questa sia la differenza più grande.

Color Me è una pre-release del tuo primo album completo, cosa dobbiamo aspettarci?

Ah-ah.

Penso molto.

Molto. A questo album sto lavorando da più di un anno. Ora ne parlo continuamente, ma è in lavorazione da molto tempo. Color Me è solo un piccolo aspetto di questo album. Come si può vedere dalla mia discografia, ho molte canzoni diverse e cerco di affrontare tutti i generi. In pratica è una sorta di riassunto di quella che è stata la mia carriera fino ad ora, e poi volevo creare un album che contenesse tutte queste canzoni che ho scritto e pubblicarle in un piccolo pacchetto perfetto. Penso che stia venendo bene e sono davvero orgoglioso di quello che ha fatto il mio team, la mia agenzia e non vediamo l'ora che esca.

E poi parliamo di OST. Hai scritto musiche per molti drama diversi, com'è il tuo processo personale di creazione di queste canzoni?

Di solito è un processo molto graduale. Prima di tutto, ricevo la sinossi del dramma, chiedo qual è l'atmosfera e quale personaggio reciterà durante la canzone. Voglio immedesimarmi in quel personaggio e immaginare il mio mondo lì. Ovviamente non faccio tutto da solo, ma sempre con persone di talento di cui mi circondo e che mi aiutano molto e mi danno idee e ispirazione per fare musica. Il processo è molto divertente. È un po' diverso da quando scrivo canzoni normali, con le OST i testi devono essere in linea con lo spettacolo e l'atmosfera. Di solito le OST sono molto guidate dalla voce. E poter non solo cantare, ma anche scrivere, è un privilegio.

Quindi presto verrai in Europa...

Sì! E sono così eccitato. Non riesco nemmeno a esprimere quanto sono emozionato. Voglio dire, ovviamente con tutta la situazione di Covid non ho potuto esibirmi nemmeno in Corea, e andare all'estero e vedere i fan che amano la mia musica e poterli vedere da vicino ed esibirmi per loro. È così incredibile. Voglio fare davvero bene, non voglio deluderli.

Sei mai stato in Italia?

No! E mi piacerebbe molto. È probabilmente uno dei 5 posti in Europa che voglio visitare. Voglio andare ovunque, il più possibile.

Se potessi descriverti, in questo momento, con una sola parola?

Wow, descrivermi? Ah. Con una sola parola... Direi. Guardando al passato, a quello che ho passato e a come ho vissuto... Mi considero una tela bianca. E il motivo è che fin da bambino non sono mai stato veramente testardo, se capisci cosa intendo. Non in senso negativo, ma sai, le persone che hanno un'idea generale, un'idea solida, e che vanno verso quella strada e non si guardano mai indietro. Io ero una persona che pensava sempre alle sue scelte, che tentennava facilmente. Sono molto facilmente influenzabile e mi immagino come un tela bianca, che cattura informazioni e ispirazioni e le assorbe, e tutte queste cose messe insieme sono diventate me.

I più letti