Tasse

Evasione, da dove arrivano i 20 miliardi recuperati nel 2017

Un contributo fondamentale è stato fornito dalla rottamazione delle cartelle esattoriali, che ha permesso incassi per circa 7 miliardi

Ernesto Maria Ruffini_Agenzia Entrate

Giuseppe Cordasco

-

Sono risultati quanto mai incoraggianti quelli presentati dall’Agenzia delle entrate in tema di lotta all’evasione fiscale. Come comunicato dal direttore generale Ernesto Maria Ruffini infatti, nel 2017 l'attività di recupero ha riportato nelle casse dello Stato 20,1 miliardi di euro, con un aumento del 5,8% rispetto al 2016.

Tra l’altro, se si considerano i 13,1 miliardi incassati nel 2013, l'incremento è addirittura del 53%. Numeri di per sé già significativi, ma che diventano ancora più rilevanti se si sommano a quelli fatti registrare dalla nuova struttura che ha sostituito la vecchia Equitalia, ovvero Agenzia delle entrate – Riscossione. Quest’ultima infatti ha incassato, anche grazie allo strumento della rottamazione, 12,7 miliardi.

Di questi, circa 7 miliardi sono finiti nelle casse dell'Agenzia delle entrate e quindi sono già compresi nei 20,1 miliardi sopra citati, mentre i rimanenti sono andati ad altri enti, quali Inps, Comuni e Regioni. Ma come si è arrivati a far registrare questo vero e proprio record di incassi nella lotta all’evasione?

Cara rottamazione

La definizione agevolata delle vecchie cartelle esattoriali, la cosiddetta rottamazione, come già accennato, ha garantito nel 2017 un gettito di 6,5 miliardi di euro. Un bottino non da poco nel computo complessivo del recupero registrato dall’Agenzia delle entrate.

Un aspetto questo che però ha un risvolto su cui riflettere: la rottamazione, va da sé, è una soluzione una tantum, messa in campo l’anno scorso e in parte prorogata per i prossimi mesi, ma di certo non può considerarsi una voce stabile nella lotta all’evasione.

Nei prossimi anni, c’è dunque da immaginare che il risultato finale non potrà essere così trionfante come quest’anno, a meno che non si trovino nel frattempo nuovi strumenti di recupero dell’evasione, efficaci quanto la rottamazione.

Ad essa tra l’altro hanno aderito finora ben 1,5 milioni di contribuenti, con 6,3 milioni di cartelle e avvisi che sono stati oggetto di pagamento a rate.

Altre voci

Fatta la doverosa notazione sul ruolo della rottamazione nel computo complessivo del recupero dell’evasione fiscale, vediamo quali sono le altre voci che hanno contribuito allo straordinario risultato del 2017. Ci sono innanzitutto 11 miliardi che derivano da versamenti diretti in seguito a controlli.

Ci sono poi gli incassi derivanti dalle lettere di compliance inviate ai contribuenti dall'Agenzia delle entrate, saliti a 1,3 miliardi, con un balzo del 160% rispetto all'anno precedente. Il recupero dell'evasione include poi anche 400 milioni della prima voluntary disclosure, che ha comportato una effettiva attività di controllo sulle richieste di adesione.

Infine, c’è il gettito da ruoli che ammonta a 7,4 miliardi, con un incremento del 54,2% sul 2016, determinato soprattutto dal fatto che proprio in questa voce va ricompreso il recupero generato dalla citata rottamazione delle cartelle.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lotta all'evasione, ecco la nuova strategia della Guardia di Finanza

Nel rinnovato Manuale operativo delle Fiamme Gialle le regole d’ingaggio prevedono più attenzione a grande evasione e capitali offshore

Evasione: ecco dove nascondono i soldi 50 multinazionali

Google ha accettato di pagare 300 milioni di euro al Fisco. Non è la sola a custodire montagne di denaro nei paradisi fiscali

Tutti i numeri dell'evasione fiscale in Italia

Ogni anno gli italiani nascondono al Fisco 88 miliardi di euro: è il gap tra le imposte che dovrebbero essere versate e quelle pagate

Italia prima in Europa nell'evasione dell'Iva

E' quanto emerge da un'analisi della Commissione europea sul divario tra le entrate previste e quelle riscosse

Tutti i problemi della rottamazione delle cartelle Equitalia

Dai 4,6 milioni di avvisi senza informazioni alla chiusura del numero verde. Code agli sportelli e tanta confusione

Equitalia, rottamazione cartelle 2017: la doppia via

C’è tempo fino al 31 marzo per decidere se aderire alla sanatoria o proseguire con una precedente rateazione del debito

Equitalia, come funziona la proroga per la rottamazione delle cartelle

I contribuenti avranno più tempo per aderire, visto che la scadenza per presentare le domande sarà spostata dal 31 marzo al 21 aprile

Capitali all'estero: come e chi può aderire alla voluntary disclosure

Ecco i chiarimenti del Fisco per i contribuenti che hanno nascosto i soldi fuori confine e sono interessati a rimettersi in regola

Commenti