Risparmio: il nemico numero uno si chiama inflazione

Gli effetti pesanti del caro-prezzi sul portafoglio degli investitori. Se ne parla all'It Forum di Rimini

(Credits: Carlo Carino/Imagoeconomica)

Andrea Telara

-

Molti investitori forse non l'hanno ancora capito, ma c'è un pericolo che insidia i loro risparmi molto di più della crisi economica, degli alti e bassi delle borse o della speculazione finanziaria. Si tratta del tasso di inflazione, cioè l'aumento del costo della vita, che ogni anno erode il potere di acquisto delle famiglie.

IL CARO-PREZZI E I RISPARMI DEGLI ITALIANI

Oggi l'inflazione non fa più paura, almeno in Italia, dove la crescita dei prezzi viaggia attorno alla modestissima soglia dell'1,2% su base annua (secondo le rilevazioni dell'Istat aggiornate ad aprile). Nel lungo periodo, però, il caro-vita è capace di lasciare un segno indelebile sul portafoglio di qualsiasi risparmiatore, fino ad annullare completamente i guadagni ottenuti con i più comuni strumenti finanziari acquistati dalle famiglie, come i titoli di stato e le obbligazioni a tasso fisso o le azioni quotate sulle borse internazionali.

La pensa così Nicola Zanella, responsabile dell'area Studi e Ricerche di Youinvest , società di formazione finanziaria fondata da Marco Liera. All'edizione 2013 dell'It Forum di Rimini, Zanella ha esposto i risultati delle sue analisi sugli effetti dell'inflazione sul portafoglio degli investitori di diversi paesi, elaborati in base ai contenuti del Global Investment Returns Yearbook, la pubblicazione a cura del gruppo Credit Suisse che riassume i rendimenti medi incassati nel lungo periodo con i principali strumenti finanziari.

IT FORUM 2013

IT FORUM: LE INCOGNITE PER I MERCATI

Secondo Zanella, il rendimento medio reale ottenuto tra il 1913 e il 1981 dagli italiani che hanno investito in obbligazioni a tasso fisso (compresi i titoli di stato come i Btp) è stato negativo per ben il 98,3%, proprio a causa dell'inflazione. Ciò significa che gli interessi attivi liquidati ogni anno dai bond sono stati quasi completamente mangiati dall'effetto negativo del caro-prezzi. Non è andata meglio agli investitori di altri paesi come la Gran Bretagna che, tra il 1940 e il 1981, investendo in obbligazioni a tasso fisso, hanno incassato una perdita reale media di oltre il 62%.

“ Il guaio è”, dice Zanella, “che neppure l'investimento in azioni, oltre a quello nei bond, rappresenta un’ottima copertura contro l'inflazione”. Chi ha puntato sui titoli quotati a Piazza Affari tra il 1961 e il 1977, per esempio, ha incassato un rendimento reale negativo di quasi l'86%. Di conseguenza, a detta dell'analista di Youinvest, chi vuole davvero difendersi dall'azione erosiva del caro-vita deve iniettare nel portafoglio una buona dose di titoli inflation linked: i bond conrendimento indicizzato all'aumento dei prezzi, che sono l'unica categoria di strumenti finanziari da considerarsi come risk-free, cioè libera da rischi, almeno per chi ha obiettivi di guadagno predeterminati. Sul mercato, esistono numerose obbligazioni di questo tipo come i Btpi (i Buoni del Tesoro Italiani inflation linked), gli Oati francesi (emessi dal governo di Parigi) o le obbligazioni indicizzate ai prezzi, collocate dalle principali banche e istituzioni finanziarie mondiali.

L'IT FORUM E IL POPOLO DEI TRADER

L'EDIZIONE 2012 DELL'IT FORUM

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

It Forum: il tonfo delle borse e l'ottimismo degli analisti tecnici

Listini oggi in picchiata dopo un lungo ciclo positivo. Ma, per gli esperti, i rialzi non sono finiti

I fondi pensione cambiano pelle. Rischi e opportunità per i lavoratori

In futuro, i prodotti della previdenza integrativa potranno investire una parte del patrimonio anche in strumenti finanziari alternativi come gli hedge fund. Se ne parla all'It Forum di Rimini

It Forum, le cinque incognite per i mercati finanziari

Giovedì 23 maggio si apre a Rimini la più importante manifestazione italiana dedicata al trading online e agli investimenti, mentre i listini hanno di fronte a sé alcuni punti interrogativi

Pensioni integrative: cosa fare per averle

Alcune soluzioni per crearsi una rendita o un "gruzzoletto" in vista della terza età e integrare i sempre più magri assegni dell'Inps. Uno dei temi più importanti dell'It Forum 2013

Commenti