Lavoro

Pensioni, quanto costa ritirarsi a 62 anni

Il governo istituirà la quota 100 che consente di mettersi a riposo 5 anni prima del previsto, rinunciando però a qualche centinaia di euro al mese

dubbi-elezioni

Andrea Telara

-

A riposo a 62 anni d'età e con 38 anni di contributi. E’ la prospettiva ormai all’orizzonte per centinaia di migliaia di lavoratori italiani. Nel 2019, il governo Lega-5 Stelle è intenzionato infatti a istituire la quota 100, un sistema che consente di ritirarsi dal lavoro non appena la somma degli anni di servizio e dell’età anagrafica supera una determinata soglia (fissata appunto a 100). Con questi requisiti, potrà andare appunto in pensione chi ha 38 anni di carriera e 62 anni di età, ma anche chi ha 63 anni all’anagrafe e 37 anni di servizio. Non potrà accedere alla quota 100, invece, chi ha 39 anni di contribuzione e 61 anni di età. Il governo sembra infatti intenzionato a fissare comunque una soglia minima di pensionamento a 62 anni per tutti. 

Meno contrbuti, assegno più magro

Chi rientra nei  nuovi requisiti  è pronto a godersi la tanto attesa pensione ma dovrà accontentarsi di un assegno più basso di quello che sarebbe maturato andando in pensione a 67 anni o con 42 e 43 anni di servizio, cioè con i requisiti previsti attualmente dalla Legge Fornero. Dal 1995, infatti, in Italia è entrato progressivamente in vigore il metodo contributivo, in base al quale l’importo dell’assegno pensionistico dipende dalla quantità di contributi versati e non più, com’era prima, dalla media degli ultimi stipendi percepiti prima di mettersi a riposo. Più  contributi si versa, più alta sarà la rendita. Al contrario, prima si va in pensione, più basso sarà l’assegno. 

Un esempio concreto

E’ proprio ciò che accadrà a chi intende mettersi a riposo a 62 anni anziché a 67. Ecco, di seguito un  esempio concreto. Si prenda il caso di un lavoratore con 62 anni di età, 38 anni di contributi e con uno stipendio di 30mila euro lordi all’anno (1.700 euro netti al mese). Andando in pensione nel 2019 e non nel 2024 (quando avrà 67 anni),  questo lavoratore rinuncerà a mettere da parte ben 10mila euro di contributi all’anno per un totale di 50mila euro in 5 anni.  I maggiori contributi avrebbero fatto crescere l’importo della pensione di oltre 220 euro lordi il mese, corrispondenti a circa 150 euro netti. Chi vuole godersi il riposo prima del previsto, insomma, deve accontentarsi di un assegno un po’ più magro. Questione di scelte. 

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni minime, perché non è giusto alzarle a 780 euro

Il Movimento 5 Stelle preme per alzare gli assegni Inps più bassi, con il rischio di fare regali a chi non ne ha bisogno

Pensioni, cosa cambia dal 2019

Tagli agli assegni d’oro, a riposo con 62 anni di età e 38 di carriera. Così il governo cambierà la previdenza

Pensioni e quota 100, perché aiuteranno poco i giovani

Il governo abbassa l’età di ritiro dal lavoro. Ma non servirà per combattere la disoccupazione tra gli under 30

Pensioni: cosa sono la quota 100 e le altre idee di Lega e M5S

Le donne a riposo a 58 anni (col metodo contributivo) e tutti a 64 anni con 36 di contributi. Così Salvini e Di Maio vogliono cambiare la previdenza

Tagli alle pensioni d'oro: perché si rischiano ingiustizie

La società di ricerca Itinerari Previdenziali dell’economista Alberto Brambilla, vicino alla Lega, critica le misure del governo

Pensioni d'oro, perché tagliarle è difficile

La maggioranza Lega-5Stelle vuole decurtare gli assegni sopra i 4mila euro netti. Ma rastrellerà pochi soldi

Pensioni d’oro e vitalizi, le cose da sapere

Qualche nozione per capire come il governo sta per tagliare gli assegni Inps sopra 4-5mila euro e le rendite degli ex-parlamentari

Pensioni minime, quanto costa alzarle davvero

Il ministro del Lavoro Di Maio vuole portare a 780 euro al mese gli assegni più bassi. Ma , per riuscirci, ha bisogno una montagna di soldi

Commenti