I corsi più utili per trovare lavoro in Italia

Web e app developer, contabilità aziendale, turismo e marketing strategico tra quelli meglio spendibili

lavoro

Una tastiera con un tasto "lavori" – Credits: iStock - UltraONEs

Claudia Astarita

-

In un mondo in cui trovare lavoro diventa sempre più difficile, l'azienda italiana di edu-tech Life Learning ha deciso di specializzarsi sui corsi online, lanciando una piattaforma di e-learning in grado di raggiungere tutto il paese. L'offerta formativa è estremamente variegata, e include corsi di sviluppo software e web, marketing, addetto alle vendite, gestione del rischio di impresa, senza dimenticare quelli specializzati nel miglioramento personale.

Considerando che la maggior parte delle persone che decide di iscriversi ad un corso di formazione ha come principale, se non unico, obiettivo quello di trovare un impiego, è importate capire quanto questi corsi possano effettivamente aumentare le opportunità di chi li frequenta sul mercato del lavoro italiano. Life Learning si è occupata anche di questo, e ha svolto un'analisi di mercato per capire quali sono i corsi più utili per trovare lavoro all'interno delle aziende di piccole e grandi dimensioni.

Professionalità e corsi più spendibili

Lo studio ha confermato una crescente attenzione del mercato del lavoro per figure che, nelle parole di Rodrigo Di Lauro, CEO e co-fondatore di Life Learning, "in modo sia diretto che trasversale gravitano attorno all'enorme galassia della tecnologia, del web e dei numerosi business connessi alle stesse, che hanno ormai invaso quasi tutti gli ambiti lavorativi".

Una delle figure più ricercate sul mercato italiano è quella del "Web developer", il cui compito è fondamentale per gestire la presenza online di una qualsiasi attività e per la quale sono necessarie conoscenze specifiche di codici di programmazione, di sviluppo applicazioni e competenze legate all'utilizzo di software specifici, oltre che un minimo di conoscenza relativa ad analisi dei dati e sicurezza informatica. Non stupisce quindi scoprire che tra i corsi di maggiore successo vi sia il Master in Programmazione, Web Design e Sviluppo Web, o che un nuovo corso di App Development che approfondisce come creare app per i dispositivi mobili stia dando riscontri sempre migliori a livello di tasso di occupazione degli iscritti.  

L'esperienza di Life Learning mette poi in evidenza tra i corsi più richiesti, apprezzati e spendibili quelli di contabilità aziendale, pensati per approfondire sia aspetti di base su contabilità e rendicontazione, sia quelli direttamente connessi alla fiscalità, alla compilazione dei moduli e dei libri contabili. Tra i migliori vi è certamente il Master Breve in Contabilità e Amministrazione generale d'Impresa, realizzato da Formwell.

Il Master in Management Alberghiero ha una buona spendibilità soprattutto tra gli studenti più giovani, soprattutto se interessati a lavorare nel settore turistico. In particolare, il mercato del lavoro sembra premiare chi ha frequentato corsi di management di strutture ricettive, programmi di business specifici mirati a posizionare un prodotto turistico, corsi di gestione del personale del settore alberghiero, della ristorazione e dei centri benessere, o di coaching per imprenditori del turismo. Del resto, in Italia il settore turistico è particolarmente sviluppato, il tasso di impiego nello stesso in aumento e, come ricorda Di Lauro, pochi sanno che "una percentuale molto alta (intorno al 60-70%) di assunzioni è composta da personale qualificato che ha seguito un percorso formativo certificato".

Altri corsi che funzionano molto bene sono quelli focalizzati sul marketing strategico, che hanno il compito di formare gli utenti in modo che siano in grado di gestire una strategia di comunicazione focalizzata non solo sul branding, ma soprattutto legata ai risultati concreti in termini di conversione in vendite, chiusura di contratti e acquisizione utenti.

I vantaggi di una formazione trasversale

In generale, la ricerca di Life Learning ha evidenziato come le aziende ricerchino sì figure professionali legate al mondo digitale e alla trasformazione digitale, ma allo stesso tempo si aspettano da chi possiede queste capacità anche la competenza per migliorare gli standard aziendali, ovvero professionisti in grado di incrementare il livello di welfare aziendale e migliorare la gestione delle risorse economico-finanziarie che fanno parte del complesso dell'impresa.

Infine, l'esperienza sul campo ha dimostrato come i percorsi formativi trasversali siano spesso premiati molto di più rispetto a quelli tradizionali. Da qui la necessità di mettere a punto corsi in grado di affiancare a una serie di competenze specifiche settoriali anche conoscenze linguistiche, informatiche, e studi focalizzati sulla comprensione delle dinamiche psicologiche di gruppo o del singolo individuo. In un mercato del lavoro in cui la quota dei freelance rappresenta il 13,8 per cento della forza lavoro, la necessità di formare lavoratori autonomi in grado di agire come promotori di sé stessi è certamente molto sentita.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lavoro: la disoccupazione ferma all'11,1%

Dai dati Istat di ottobre, situazione stabile rispetto a settembre. Cala quella giovanile al 34,7% il minimo dal 2012

Lavoro: formazione continua e curriculum "su misura"

Da Coca-Cola Hbc a Auchan Retail: la ricerca dell'impiego passa per l'aggiornamento e la stesura del cv. A Torino, con Hrc Group per Panorama d'Italia

Commenti