Rita Fenini

-

Fattori e Lega, Induno e Hayez, Favretto, Casorati e Sironi: questi solo alcuni dei nomi in mostra al Centro Matteucci di Viareggio, che ospita un’affascinante selezione di ritratti femminili realizzati fra Ottocento e Novecento, senza trascurare i due dopoguerra, forieri di grandi mutamenti

Dove e Quando

Ad ospitare la mostra, visitabile dal 2 giugno al 3 novembre 2019, il Centro Matteucci per l’Arte Moderna in Via G. d’Annunzio 28 a Viareggio

La Mostra, perchè è interessante

Curata da Giuliano Matteucci - con interventi di Cristina Acidini e Camilla Testi - e intitolata "L’Eterna Musa. L’universo femminile tra ‘800 e ‘900", quest'interessante esposizione si può definire una parata di donne reali o idealizzate, in cui nessun "modello femminile" manca all’appello: dall'angelo del focolare alla sirena ammaliatrice, dalla popolana alla borghese, dalla avoratrice alla padrona di casa della buona società.

Una carrellata di donne liete o malinconiche, operose o riflessive, ricche di una sensualità che, proprio perché non platealmente esibita, cattura sguardo e sentimento; ciascuna - a modo suo - incarnazione degli infiniti prototipi stratificati nell’immaginario culturale dell’Occidente.

In sintesi, per dirla con le parole del curatore, questa mostra è "Una galleria d’istantanee tratte da un ideale album di famiglia che è andato formandosi nelle stagioni più diverse della vita ... un gruppo di antidive, nel quale si troverebbe certamente a disagio la determinata femminilità di una Marie Curie o di una Coco Chanel, poiché a prevalere è un altro tipo di donna che non ha difficoltà a confermarsi moglie e madre, in quei ruoli, insomma, che nella routine del quotidiano ne nobilitano i sentimenti e lo spirito"


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

David LaChapelle in mostra alla Reggia di Venaria

Sino al 6 gennaio 2020, nella splendida cornice della Reggia di Venaria, una grande monografica di David LaChapelle, irriverente e dissacrante maestro della fotografia contemporanea

Anthropocene: un racconto multimediale al MAST di Bologna

Sino al 22 settembre 2019 una mostra dedicata all'impronta umana sulla Terra vista attraverso le immagini di Edward Burtynsky, Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965