Rita Fenini

-

A due anni dalla prima esposizione dedicata alla storia della pubblicità dal 1890 al 1957, alla Fondazione Magnani-Rocca di Traversetolo, Parma, una nuova occasione espositiva permette di continuare a seguire l’evoluzione della storia della grafica pubblicitaria e del manifesto affiancandola a un nuovo, rivoluzionario media – la televisione – che con Carosello mosse i primi passi nel mondo della pubblicità

Dove e Quando

La mostra "Carosello pubblicità e televisione 1957-1977" è visitabile dal 7 Settembre 2019 all'8 Dicembre 2019

Ad ospitarla, Villa dei Capolavori, sede della Fondazione Magnani Rocca a Mamiano di Traversetolo, Parma

Orari: dal martedì al venerdì continuato 10-18 (la biglietteria chiude alle 17) – sabato, domenica e festivi continuato 10-19 (la biglietteria chiude alle 18). Aperto anche 1° novembre e 8 dicembre. Lunedì chiuso.

Il percorso espositivo

Curata da Dario Cimorelli - cultore di storia della pubblicità - e Stefano Roffi, direttore scientifico della Fondazione, la mostra raccoglie tantissimi, celebri manifesti (accompagnati da bozzetti e  schizzi), che, grazie a una serie di schermi distribuiti nelle sale espositive, offrono al visitatore a possibilità di ripercorre l’unicità e l’innovazione degli inserti pubblicitari di Carosello, vincolati al tempo a rigide regole di novità e lunghezza. Si scoprirà così l’universo dei personaggi animati che sono nati con la televisione, come La Linea di Osvaldo Cavandoli, Re Artù di Marco Biassoni, Calimero di Pagot o Angelino di Paul Campani, fino alla moltitudine di personaggi nati dalla matita di Gino Gavioli.

Bozzetti, schizzi, storyboard sono gli elementi a complemento della serie di cartoni animati presentati in mostra, a cui si aggiungono gli inserti pubblicitari in cui sono protagonisti i più importanti cantanti, attori e registi dell’epoca: da Mina (Barilla) a Frank Sinatra, da Patty Pravo a Ornella Vanoni e Gianni Morandi; da Totò ad Alberto Sordi, passando per Virna Lisi, Vittorio Gassman,Mauro Bolognini, Ettore Scola, i fratelli Taviani, oltre a personaggi tv popolarissimi come Mike Bongiorno, Pippo Baudo, Raffella Carrà, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello.

Inoltre, a completare la pubblicità dei primi trenta anni della seconda metà del Novecento, una selezione dei più importanti oggetti promozionali dell’epoca - come l’ippopotamo Pippo o i gonfiabili di Camillo il Coccodrillo, della Mucca Carolina, di Susanna tutta Panna - personaggi che hanno contribuito a fare di "Carosello" un mito e che sono diventati vere e proprie “icone”, anche indipendentemente dai prodotti da cui (e per cui) erano nati.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ferdinando Scianna in mostra a Venezia

Sino al 2 febbraio 2020, alla Casa dei Tre Oci di Venezia, una grande antologica che racconta oltre cinquant’anni di carriera di uno dei maestri della fotografia contemporanea.

Una grande mostra per ricordare Bud Spencer

Dal 13 settembre all’8 dicembre, Napoli ricorda uno dei suoi attori più amati con un racconto multimediale ospitato a Palazzo Reale

Raffaello e gli amici di Urbino

A 500 anni dalla morte, una grande mostra che indaga il mondo delle relazioni di Raffaello con gli artisti impegnati nel Ducato e alla Corte dei Montefeltro

Commenti