Simona Santoni

-

Agli Studi de Paolis di Roma è andata in scena la cerimonia di consegna dei David di Donatello. L'evento è stato condotto da Alessandro Cattelan in un'edizione (la sessantesima) più pimpante e fresca del solito. La diretta è stata trasmessa per la prima volta in esclusiva su Sky Cinema 1 HD, TV8, Sky Uno HD e Sky Cinema HD - David di Donatello.

Miglior film è stato incoronato Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese. Alla commedia sui segreti nascosti nei cellulari, campione di incassi con oltre 16 milioni d'euro, anche il David alla migliore sceneggiatura: "Dedico questo premio alla verità", ha detto il regista. 

Sono però Lo chiamavano Jeeg Robot e Il racconto dei racconti i titoli che portano a casa più statuette, sette a testa. 

Grandiosa la cavalcata per Lo chiamavano Jeeg Robot, meravigliosa opera prima di Gabriele Mainetti forte di 16 candidature, che si accaparra tutti i premi indirizzati agli attori. Forse il più inaspettato è il David come migliore attrice all'ex gieffina Ilenia Pastorelli che ringrazia il suo regista "che ha abbattuto tutti i muri e i pregiudizi e ha scoperto l'attrice che è in me"; migliore attore protagonista Claudio Santamaria, che interpreta il supereroe borgataro e sul palco, tirando via un misterioso cappello, ha sfoggiato una capigliatura da scalpo indiano (look che sta coltivando per il suo prossimo film); David come migliore attore non protagonista a Luca Marinelli, stupendo cattivo pazzoide del graffiante e divertente cinecomic (per lui terza nomination e primo David); migliore attrice non protagonista Antonia Truppo (per lei prima candidatura e primo David). A Mainetti, abile orchestratore, il David come miglior regista esordiente e migliore produttore.

Miglior regista è invece Matteo Garrone per Il racconto dei racconti che scherza: "Per fortuna che nella categoria non c'era Lo chiamavano Jeeg Robot". Al fantasy ispirato a Lo cunto de li cunti di Basile tanti premi tecnici.
A Youth - La giovinezza due David per le musiche. Chi ne esce sconfitto è Non essere cattivo, che godeva di 16 nomination: il film postumo di Claudio Caligari avrebbe meritato di più.

Da Santamaria a Marco Giallini, tanti sono stati i divi del cinema italiano con addosso l'adesivo con la scritta "Verità per Giulio Regeni".

Ecco tutti i premi

Miglior film
Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese

Miglior regista
Matteo Garrone per Il racconto dei racconti

Migliore regista esordiente
Gabriele Mainetti per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore attrice protagonista
Ilenia Pastorelli per Lo chiamavano Jeeg Robot

Miglior attore protagonista
Claudio Santamaria per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore attrice non protagonista
Antonia Truppo per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore attore non protagonista 
Luca Marinelli per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore sceneggiatura
Filippo Bologna, Paolo Costella, Paolo Genovese, Paolo Mammini, Rolando Ravello per Perfetti sconosciuti

Miglior produttore
Gabriele Mainetti per Goon Films con Rai Cinema per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore autore della fotografia 
Peter Suschitzky per Il racconto dei racconti

Miglior scenografo
Dimitri Capuani e Alessia Anfuso per Il racconto dei racconti

Miglior costumista
Massimo Cantini Parrini per Il racconto dei racconti

Migliore acconciatore
Francesco Pegoretti per Il racconto dei racconti

Migliori effetti digitali
Makinarium per Il racconto dei racconti

Migliore truccatore
Gino Tamagnini, Valter Casotto, Luigi D'Andrea, Leonardo Cruciano per Il racconto dei racconti

Migliore canzone originale
Simple song#3, musica e testi di David Lang, interpretazione di Sumi Jo, per Youth - La giovinezza

Migliore musicista
David Lang per Youth - La giovinezza

Migliore montaggio
Andrea Maguolo con la collaborazione di Federico Conforti per Lo chiamavano Jeeg Robot

Miglior fonico di presa diretta
Angelo Bonanni per Non essere cattivo   

Miglior documentario di lungometraggio
S Is for Stanley - Trentanni dietro al volante per Stanley Kubrick di Alex Infascelli

Miglior film dell'Unione Europea
Il figlio di Saul di Laszlo Nemes (Teodora Film)  

Miglior film straniero
Il ponte delle spie di Steven Spielberg (20th Century Fox)  

Miglior cortometraggio
Bellissima di Alessandro Capitani

David giovani
La corrispondenza di Giuseppe Tornatore


Tutte le candidature

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

David di Donatello 2016, le candidature

Testa a testa tra i film "Lo chiamavano Jeeg Robot" e "Non essere cattivo", entrambi forti di 16 nomination

David di Donatello 2015, i vincitori: trionfa Anime nere

Alla storia di camorra di Francesco Munzi nove statuette. Quentin Tarantino ospite d'onore. Migliori attori Margherita Buy ed Elio Germano

David di Donatello 2014, i vincitori: miglior film Il capitale umano

A Paolo Virzì il premio più ambito. A Paolo Sorrentino la migliore regia. La grande bellezza è la pellicola che incassa il maggior numero di statuette, nove

Commenti